ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
34 min

Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti

È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
1 ora

Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’

A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
2 ore

Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa

A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
2 ore

Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata

Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
Svizzera
4 ore

Fogh Rasmussen: ‘La Svizzera non può chiamarsi fuori’

L’ex segretario generale della Nato critica la neutralità del nostro Paese nell’ambito del conflitto in Ucraina
Svizzera
5 ore

Sale sul tetto di un vagone e resta folgorato: grave un 18enne

Incidente nella notte alla stazione di Gossau (Sg). Il giovane è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche
Svizzera
20 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
21 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
22 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
23 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
1 gior

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
1 gior

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
23.09.2022 - 18:19
Aggiornamento: 20:41

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue

Ats, a cura di Red.Web
e-allarme-riscaldamento-fate-il-pieno-del-tank-al-piu-presto
Ti-Press
Olio...

I gestori di impianti bicombustibili dovrebbero passare dal gas alla nafta a partire dal 1° ottobre. È quanto raccomanda il Consiglio federale su consiglio dei dipartimenti dell’Economia e dell’Energia. Alla popolazione è raccomandato di fare il pieno del tank al più presto. Una simile raccomandazione, spiega una nota governativa, mira a contribuire al raggiungimento dell’obiettivo di risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue. La Confederazione e Bruxelles si prefiggono di raggiungere tale obiettivo tra ottobre 2022 e marzo 2023.

Inoltre, per continuare a garantire l’approvvigionamento di prodotti petroliferi, a partire dal 3 ottobre saranno liberate le scorte obbligatorie di benzina per automobili, diesel, olio da riscaldamento e cherosene. Ciò si deve alle limitate capacità di trasporto sul Reno e ai problemi logistici legati ai trasporti ferroviari all’estero. L’ordinanza corrispondente entrerà in vigore il 3 ottobre.

Risparmiare sul gas

La crisi energetica innescata dalla guerra in Ucraina e il blocco delle forniture di gas russo all’Europa potrebbero portare a strozzature nell’approvvigionamento. Per garantire alla popolazione e alle imprese un approvvigionamento energetico sufficiente anche nei prossimi mesi invernali, il governo pensa che, passando dal gas all’olio da riscaldamento, i gestori di impianti bicombustibili possano dare un contributo prezioso per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento.

Allentamento norme ambientali

Per facilitare questa transizione, il 16 settembre scorso l’esecutivo ha deciso agevolazioni temporanee nel quadro dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico e nell’ordinanza sul CO2. Se alimentati a nafta, gli impianti bicombustibili non possono sempre rispettare i valori limite, in particolare quelli relativi agli ossidi d’azoto, stabiliti all’interno dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico.

Tra il 1° ottobre e il 31 marzo 2023 i valori limite relativi a ossidi d’azoto e CO2 saranno comunque meno severi in caso di commutazione raccomandata o magari, in un secondo tempo, imposta. È importante provvedere alla manutenzione regolare dei bruciatori negli impianti bicombustibili. Il servizio di assistenza si occuperà anche di effettuare una misurazione delle emissioni e di inviare i risultati all’autorità di controllo competente.

I gestori di impianti soggetti a un impegno di riduzione del CO2 che, in seguito alla raccomandazione o a un ordine di passare dal gas naturale all’olio da riscaldamento, tra il 2022 e la fine del periodo d’impegno 2024 emettono quantità maggiori di CO2 possono rivolgersi all’Ufficio federale dell’ambiente.

Nel quadro del monitoraggio annuale (31 maggio dell’anno successivo) potranno infatti presentare richiesta affinché, per tutta la durata della raccomandazione o dell’ordine, le emissioni supplementari siano escluse dalla valutazione del rispetto degli obiettivi di riduzione delle emissioni o delle varie misure.

Nel caso di una commutazione, che richiede quantità maggiori di olio da riscaldamento, le difficoltà logistiche possono rappresentare una sfida impegnativa. Per fare in modo di garantire le capacità di consegna per il prossimo inverno, si raccomanda anche alla popolazione di provvedere fin da subito a riempire le cisterne di olio da riscaldamento.

Si attinga alle scorte

Quanto ai prodotti petroliferi, specifica il governo, prima della liberazione decisa oggi, quest’anno l’Approvvigionamento economico del Paese aveva già deciso di attingere alle scorte obbligatorie in due occasioni, in misura del 20% delle scorte totali.

Le scorte obbligatorie di benzina per automobili, diesel e olio da riscaldamento permettono di coprire circa 4,5 mesi di consumo normale. Per il cherosene si parla di circa 3 mesi. Lo scopo delle scorte obbligatorie è di sostenere un mercato non più in grado di soddisfare la domanda a causa di problemi logistici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved