ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Fogh Rasmussen: ‘La Svizzera non può chiamarsi fuori’

L’ex segretario generale della Nato critica la neutralità del nostro Paese nell’ambito del conflitto in Ucraina
Svizzera
2 ore

Sale sul tetto di un vagone e resta folgorato: grave un 18enne

Incidente nella notte alla stazione di Gossau (Sg). Il giovane è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche
Svizzera
17 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
18 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
18 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
20 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
21 ore

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
22 ore

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
23 ore

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
Svizzera
1 gior

Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino

Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
22.09.2022 - 12:20
Aggiornamento: 18:26

La Confederazione faccia la sua parte nel rinvio degli stranieri

Sull’esempio del centro asilanti provvisorio di Rancate, la legge adottata permette di avere le basi legali per eventuali altri sostegni finanziari

a cura di Red.Web
la-confederazione-faccia-la-sua-parte-nel-rinvio-degli-stranieri
Ti-Press

La Confederazione deve partecipare alle spese d’esercizio dei cosiddetti "centri di partenza" cantonali situati in prossimità del confine. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale approvando – con 182 voti a favore, un contrario e due astenuti – una modifica della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione.

La riforma legislativa prevede esplicitamente la possibilità per Berna di sostenere finanziariamente con una somma forfettaria i Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono alloggi temporanei per stranieri che possono essere allontanati senza che una decisione formale sia necessaria (ossia senza la decisione di un giudice, ndr), ha spiegato il relatore commissionale Damien Cottier (Plr/Ne). Ad essere interessati dalla novità sono in particolare i Cantoni di frontiera, che sono maggiormente confrontati con questo tipo di consegna agli Stati limitrofi.

La legge prevede anche una modifica delle disposizioni sul fermo di breve durata: la competente autorità federale o cantonale potrà trattenere in un centro cantonale di partenza per un massimo di tre giorni chi è sprovvisto di permesso di soggiorno di breve durata, di dimora o di domicilio. Questo tipo di fermo è ammissibile solo quando esiste un accordo di riammissione facilitato con uno Stato limitrofo (come quello concluso con l’Italia, ndr).

La modifica legislativa trae origine da una mozione depositata dall’ex "senatore" Fabio Abate (Plr/Ti) e approvata dal Parlamento nel 2018. Nel suo atto parlamentare Abate faceva riferimento all’apertura a Rancate di un centro asilanti provvisorio nel 2016. All’epoca la Confederazione aveva concluso un accordo eccezionale con le autorità ticinesi in merito a un aiuto finanziario. La legge adottata oggi permette di assicurare le basi legali per eventuali altri sostegni di questo tipo, ha spiegato Cottier.

Durante l’esame di dettaglio la sinistra ha tentato d’inserire nella legge l’obbligo di ordinare per iscritto il fermo. La persona fermata dovrebbe anche avere facoltà di ricorrere presso una autorità giudiziaria che dovrebbe esaminarne entro 24 ore la legittimità.

"Non si tratta di ritardare l’espulsione ma di rispettare lo Stato di diritto", ha sostenuto Delphine Klopfenstein Broggini (Verdi/Ge). La Costituzione garantisce il diritto a chi è privato della libertà di essere informato, ha ricordato la ginevrina. L’emendamento è inutile perché la prassi già oggi prevede la notificazione per iscritto, ha replicato Cottier convincendo il plenum che ha bocciato la proposta con 115 voti a 64.

Lo schieramento rosso-verde, sostenuto dai Verdi liberali, ha poi chiesto l’esclusione dal fermo dei bambini fino a 15 anni. La detenzione, anche per soli tre giorni, di un minore viola la Convenzione sui diritti del fanciullo, ha affermato Klopfenstein Broggini. La proposta permetterebbe quindi di colmare un vuoto giuridico. "Bisogna tener conto del benessere dei bambini", ha aggiunto Samira Marti (PS/BL).

L’esperienza del centro di Rancate ha mostrato come una tale struttura possa essere realizzata anche tenendo conto delle famiglie e dei giovanissimi, ha replicato Marco Romano (Centro/Ti). Le strutture in questione – ha proseguito il ticinese – non sono centri di detenzione, si tratta invece di mettere a disposizione un tetto e una cena alle persone interessate in modo da evitare che dormano per strada o finiscano nelle mani dei passatori. La maggioranza non l’ha però seguito ed ha approvato l’emendamento con 94 voti contro 87.

Il dossier passa ora all’esame del Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved