ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
12 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
15 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
18 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
18 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
1 gior

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 gior

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
1 gior

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
1 gior

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
12.09.2022 - 12:19
Aggiornamento: 15:49

‘Il tuo vicino scalda troppo? Ricompensa di 200 franchi’

Una campagna pubblicitaria-bufala, all’apparenza lanciata dalla Confederazione svizzera, manda in tilt i social e non solo

il-tuo-vicino-scalda-troppo-ricompensa-di-200-franchi
Twitter
Il poster incriminato

Una giovane donna che guarda un punto non ben definito mentre parla al telefono. Una scritta in tedesco che recita: "Il vostro vicino riscalda l’appartamento oltre i 19 gradi? Per favore, informateci", specificando poi che le chiamate possono essere fatte anche in modo anonimo e che ogni ‘spia’ verrà ricompensata con 200 franchi. Per rendere il tutto ancor più credibile, in alto a sinistra è stato inserito il logo della Confederazione svizzera, nonché il numero ufficiale del servizio stampa e informazione del Dipartimento dell’energia. Questa grossomodo la descrizione di un volantino che nelle ultime ore sta circolando con insistenza nei vari servizi di messaggistica, come Signal e Telegram, oltre che sulle bacheche di Twitter, Facebook e Instagram. Altre fotografie ripropongono la stessa donna, stavolta su un cartellone pubblicitario affisso a un muro grigio, forse quello di una stazione o di un sottopassaggio cittadino. C’è chi si indigna e chi si chiede se la campagna ‘acciuffa furbetti del riscaldamento’ sia vera oppure no.

Il Governo premia gli spioni?

La risposta è no. La Confederazione non ha messo nessuna taglia sulle persone che riscaldano o riscalderanno le proprie case a determinate temperature d’inverno. A sbugiardare la fake news ci ha pensato, per il Ticino, la consigliera nazionale ecologista Greta Gysin che, proprio con un messaggio su Instagram, scrive "Bella gente, questo post è evidentemente un fake. Non vi si chiede di controllare la temperatura nelle case del vicinato. Non si verrà a controllare se cucinate col coperchio o in quante persone fate la doccia. Non sono previsti divieti né multe, solo raccomandazioni".

Visualizza questo post su Instagram

Anche Simone Hug, specialista in comunicazioni presso il Dipartimento dell’energia, sentito da ‘20 Minuten’, afferma che la Confederazione non ha lanciato nessun appello di questo tipo: "Non ci sono manifesti federali del genere, né tanto meno chiediamo ai cittadini di fare i guardiani. Il Governo ha già avviato delle indagini per capire chi ci sia dietro a questo scherzo di cattivo gusto".

Di falsari anonimi e famosi boccaloni

Già, ma chi c’è dietro a tutto questo? Non è dato saperlo. Se da un lato è intuibile capire da dove trae spunto la bufala per prender vita (ovvero le recenti decisioni prese dalla Confederazione riguardo l’approvvigionamento energetico), più difficile è risalire al o ai creatori della fake news. Le sorprese però non finiscono qui. Infatti la bufala ha già varcato i confini nazionali. Il quotidiano (cospirazionista) slovacco Zem&Vek, ad esempio, ha subito condiviso l’immagine del presunto poster sul proprio canale Telegram. Ma non solo. Fra chi ci è cascato con tutte le scarpe, troviamo anche dei politici, come l’europarlamentare italiano, in quota Lega, Marco Campomenosi ma anche profili riconducibili ad ambienti complottisti.

Eppure, una ricerca sul web avrebbe velocemente svelato ogni arcano. Tramite la ricerca per immagini di Google si scopre il sito Freepik, una piattaforma digitale che offre una galleria di oltre 25 milioni di fotografie utilizzabili dagli utenti per i proprio lavori di grafica. E andando sotto la lista denominata ‘mockup di cartellone pubblicitario vuoto’ ecco apparire il famoso, quanto anonimo, muro grigio e un bel cartellone bianco, pronto per essere utilizzato. Prendendo in prestito – e parafrasando leggermente – le parole della stessa consigliera nazionale, è quindi sempre più importante verificare le informazioni prima di condividerle. Per non diffondere notizie false, certo, ma anche per non incappare in brutte figure. Perché bisogna spegnere la luce… mica l’attenzione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved