ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
9 ore

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
10 ore

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
10 ore

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
12 ore

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
12 ore

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
15 ore

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
17 ore

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
1 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 gior

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
1 gior

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
1 gior

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
1 gior

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
12.09.2022 - 12:19
Aggiornamento: 15:49

‘Il tuo vicino scalda troppo? Ricompensa di 200 franchi’

Una campagna pubblicitaria-bufala, all’apparenza lanciata dalla Confederazione svizzera, manda in tilt i social e non solo

il-tuo-vicino-scalda-troppo-ricompensa-di-200-franchi
Twitter
Il poster incriminato

Una giovane donna che guarda un punto non ben definito mentre parla al telefono. Una scritta in tedesco che recita: "Il vostro vicino riscalda l’appartamento oltre i 19 gradi? Per favore, informateci", specificando poi che le chiamate possono essere fatte anche in modo anonimo e che ogni ‘spia’ verrà ricompensata con 200 franchi. Per rendere il tutto ancor più credibile, in alto a sinistra è stato inserito il logo della Confederazione svizzera, nonché il numero ufficiale del servizio stampa e informazione del Dipartimento dell’energia. Questa grossomodo la descrizione di un volantino che nelle ultime ore sta circolando con insistenza nei vari servizi di messaggistica, come Signal e Telegram, oltre che sulle bacheche di Twitter, Facebook e Instagram. Altre fotografie ripropongono la stessa donna, stavolta su un cartellone pubblicitario affisso a un muro grigio, forse quello di una stazione o di un sottopassaggio cittadino. C’è chi si indigna e chi si chiede se la campagna ‘acciuffa furbetti del riscaldamento’ sia vera oppure no.

Il Governo premia gli spioni?

La risposta è no. La Confederazione non ha messo nessuna taglia sulle persone che riscaldano o riscalderanno le proprie case a determinate temperature d’inverno. A sbugiardare la fake news ci ha pensato, per il Ticino, la consigliera nazionale ecologista Greta Gysin che, proprio con un messaggio su Instagram, scrive "Bella gente, questo post è evidentemente un fake. Non vi si chiede di controllare la temperatura nelle case del vicinato. Non si verrà a controllare se cucinate col coperchio o in quante persone fate la doccia. Non sono previsti divieti né multe, solo raccomandazioni".

Visualizza questo post su Instagram

Anche Simone Hug, specialista in comunicazioni presso il Dipartimento dell’energia, sentito da ‘20 Minuten’, afferma che la Confederazione non ha lanciato nessun appello di questo tipo: "Non ci sono manifesti federali del genere, né tanto meno chiediamo ai cittadini di fare i guardiani. Il Governo ha già avviato delle indagini per capire chi ci sia dietro a questo scherzo di cattivo gusto".

Di falsari anonimi e famosi boccaloni

Già, ma chi c’è dietro a tutto questo? Non è dato saperlo. Se da un lato è intuibile capire da dove trae spunto la bufala per prender vita (ovvero le recenti decisioni prese dalla Confederazione riguardo l’approvvigionamento energetico), più difficile è risalire al o ai creatori della fake news. Le sorprese però non finiscono qui. Infatti la bufala ha già varcato i confini nazionali. Il quotidiano (cospirazionista) slovacco Zem&Vek, ad esempio, ha subito condiviso l’immagine del presunto poster sul proprio canale Telegram. Ma non solo. Fra chi ci è cascato con tutte le scarpe, troviamo anche dei politici, come l’europarlamentare italiano, in quota Lega, Marco Campomenosi ma anche profili riconducibili ad ambienti complottisti.

Eppure, una ricerca sul web avrebbe velocemente svelato ogni arcano. Tramite la ricerca per immagini di Google si scopre il sito Freepik, una piattaforma digitale che offre una galleria di oltre 25 milioni di fotografie utilizzabili dagli utenti per i proprio lavori di grafica. E andando sotto la lista denominata ‘mockup di cartellone pubblicitario vuoto’ ecco apparire il famoso, quanto anonimo, muro grigio e un bel cartellone bianco, pronto per essere utilizzato. Prendendo in prestito – e parafrasando leggermente – le parole della stessa consigliera nazionale, è quindi sempre più importante verificare le informazioni prima di condividerle. Per non diffondere notizie false, certo, ma anche per non incappare in brutte figure. Perché bisogna spegnere la luce… mica l’attenzione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved