04.09.2022 - 12:00
Aggiornamento: 15:14

Crisi energetica, Cantoni critici con il Consiglio federale

La Conferenza dei governi cantonali scrive al governo per esternare le sue perplessità sulla gestione del tema. E chiede maggiore coinvolgimento

Ats, a cura di Red.Web
crisi-energetica-cantoni-critici-con-il-consiglio-federale
Keystone
C’è tensione tra Cantoni e Palazzo federale

I Cantoni criticano l’operato del Consiglio federale in materia di politica energetica. Ne dà notizia oggi Le Matin Dimanche, citando una lettera dai contenuti severi inviata mercoledì dalla Conferenza dei governi cantonali (CdC) al governo.

E pensare, scrive il domenicale, che quello stesso giorno, a Berna, loro rappresentanti partecipavano alla conferenza stampa di Guy Parmelin e Simonetta Sommaruga con la quale i due ministri lanciavano ufficialmente la campagna in favore del risparmio energetico.

Nella missiva, indirizzata a tutto l’Esecutivo, e della quale il giornale ha avuto visione, la CdC critica in primo luogo di non essere abbastanza coinvolta nella strategia, tanto da chiedersi se a livello federale tutti siano al corrente del fatto che le decisioni della Confederazione debbano poi essere applicate da Cantoni e Comuni. Rimproveri vengono mossi anche per la mancanza di dialogo.

La CdC chiede ancora una volta l’istituzione di uno Stato maggiore di crisi permanente e interdipartimentale e afferma di non capire perché a ogni crisi vengano create nuove strutture. La missiva termina chiedendo un dibattito urgente per trovare il modo di migliorare la situazione, che viene definita "profondamente insoddisfacente".

Interpellato dallo stesso domenicale, il portavoce del Consiglio federale, André Simonazzi, puntualizza che l’Esecutivo risponderà tramite i canali istituzionali e non attraverso i media, e ricorda che i Cantoni sono parte integrante delle strutture di crisi istituite. "Una pandemia non è una crisi energetica e non richiede le stesse competenze", aggiunge.

In agosto l’Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) aveva scritto a Guy Parmelin muovendo critiche per il lavoro svolto con lo scopo di evitare una carenza di energia elettrica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved