04.09.2022 - 10:01
Aggiornamento: 15:33

Mister prezzi vuol vederci chiaro sulle spese bancarie

Da quelle per le prestazioni di libero passaggio a quelle di gestione dei conti: Meierhans critica le eccessive tariffe a carico dei clienti

Ats, a cura di Red.Web
mister-prezzi-vuol-vederci-chiaro-sulle-spese-bancarie
Keystone
Vediamoci più chiaro

Il sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans critica le elevate spese bancarie in Svizzera. In 20 anni sono raddoppiate, rendendo la Svizzera uno dei Paesi meno favoriti in questo ambito.

Ogni anno il Sorvegliante dei prezzi riceve decine di reclami per spese bancarie eccessive, ha dichiarato Stefan Meierhans alla ‘Nzz am Sonntag’. Esaminando di nuovo attentamente le tariffe egli ha scoperto che molti istituti avevano aumentato ulteriormente i prezzi dall’ultima indagine del 2015.

Meierhans ha citato come esempio il conto delle prestazioni di libero passaggio. Nel sondaggio di sette anni fa, tutte le offerte erano gratuite. Oggi una banca su tre applica una commissione annua di 36 franchi. Inoltre, vengono addebitate spese per la gestione del conto, gli ordini di pagamento, le carte bancarie e le operazioni di cambio.

Secondo uno studio della società di consulenza PwC, i clienti delle banche svizzere sono di gran lunga i più accomodanti al mondo. Gli istituti finanziari guadagnerebbero in media 550 franchi all’anno per ogni piccolo cliente. Nel Regno Unito, tale somma sarebbe di soli 140 franchi svizzeri.

Meierhans esamina in particolare le spese per la chiusura di un conto e il trasferimento di un deposito a un’altra banca. Tariffe sproporzionate potrebbero rendere più difficile il passaggio a un fornitore più economico. Ciò impedirebbe il funzionamento del mercato e violerebbe la legge sulla concorrenza, sottolinea.

Su iniziativa del Sorvegliante dei prezzi la Segreteria di stato dell’economia (Seco) ha scritto alle banche: nella lettera la Seco chiede una riduzione o una soppressione delle spese nel caso in cui si cambi banca.

Tuttavia le banche sono reticenti. La Confederazione deve ora intervenire con maggiore fermezza: "A nostro avviso, la Seco dovrebbe lanciare un progetto pilota per chiarire se questa pratica delle banche è legalmente valida", ha dichiarato Meierhans alla ‘Nzz am Sonntag’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved