ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
6 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
9 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
13 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
13 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
19 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
29.08.2022 - 10:18
Aggiornamento: 14:54

‘Il rischio economico maggiore? La carenza di elettricità’

Ad affermarlo è Yves Zumwald. Per il presidente di Swissgrid, in caso di blackout invernali, già il giorno precedente ci saranno avvisaglie

Ats, a cura di Red.Web
il-rischio-economico-maggiore-la-carenza-di-elettricita
Keystone
Yves Zumwald

Avvisaglie di un eventuale blackout elettrico in inverno vi saranno già nella giornata precedente.

"I segnali appaiono già il giorno prima, perché gli operatori del mercato elettrico ci forniscono i programmi di scambio di energia previsti", spiega in un’intervista pubblicata oggi da La Liberté Yves Zumwald, presidente della direzione di Swissgrid, la società che gestisce in Svizzera le reti elettriche, cioè il trasporto dell’elettricità. "Se questi programmi non sono equilibrati, chiediamo loro di immettere energia nella rete o di ridurre i consumi. Se l’equilibrio non può essere garantito e si verifica una carenza, le autorità federali decideranno quali misure adottare".

"In una situazione normale, le centrali elettriche svizzere dispongono di una certa quantità di energia di riserva per ripristinare l’equilibrio della rete per alcune ore", prosegue l’ingegnere 55enne. "Inoltre il Consiglio federale ha previsto una riserva idroelettrica che la Svizzera costituirà quest’inverno e che potremmo utilizzare. Stiamo anche lavorando con gli operatori dei sistemi di trasmissione europei per vedere se sia possibile adottare misure con loro, poiché abbiamo 41 linee transfrontaliere".

Ma non è che si sta giocando a farsi paura? "Condividiamo la preoccupazione della Confederazione riguardo al rischio reale di una carenza di energia elettrica in inverno. Ma vi sono molte variabili: farà freddo? Ci saranno sole e vento a gennaio? Questo non è ancora prevedibile".

Secondo Zumwald, Consiglio federale e parlamento hanno la responsabilità di creare le condizioni quadro per una fornitura affidabile di energia elettrica. "La soluzione? È necessario raggiungere un’intesa con l’Ue nell’ambito dell’accordo sull’elettricità, oppure aumentare la produzione propria in inverno".

Il governo vuole accelerare le procedure di approvazione per la costruzione di nuove centrali elettriche. "Ma non bisogna dimenticare che questa futura produzione dovrà essere trasportata e che quindi anche le procedure per la costruzione di linee ad alta tensione dovranno essere accelerate. Ci sono voluti 35 anni per costruire la linea Chamoson-Chippis (Vs) a causa dei procedimenti legali e ancora oggi, senza ricorsi, ci vogliono quasi 15 anni per allestire una linea ad alta tensione".

Però – osservano i giornalisti – i rischi di non avere sufficiente elettricità erano noti... "Sì!", risponde l’intervistato. "La pandemia era solo il secondo rischio più grande: il rischio economico maggiore per la Svizzera è la carenza di elettricità!". A suo avviso comunque "quello che ci sta accadendo non è specifico del nostro Paese: si tratta di una crisi energetica globale con l’Europa come epicentro, come ha detto il direttore dell’Ufficio federale dell’energia".

Stando a Zumwald non è comunque ancora il momento di preparare candele e coperte. "Non siamo ancora arrivati a questo punto. Tutti i partner del settore stanno attualmente collaborando intensamente con le autorità federali per evitare una carenza di elettricità e per essere pronti ad affrontarla qualora si verificasse", conclude il manager con trascorsi presso il gruppo energetico Eos.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved