28.08.2022 - 11:53
Aggiornamento: 13:03

‘Restrizioni sul riscaldamento sì, ma solo se necessarie’

Guy Parmelin ritiene giustificabile imporre alla popolazione temperature più basse nelle abitazioni, ma solo in casi di estrema necessità

Ats, a cura di Red.Web
restrizioni-sul-riscaldamento-si-ma-solo-se-necessarie
Keystone

Guy Parmelin ritiene giustificabile imporre alla popolazione temperature più basse nelle abitazioni, ma "solo in casi di estrema necessità".

"Al momento, la Svizzera è ancora lontana dal chiudere il rubinetto del gas a tutti", ha dichiarato il Consigliere federale in un’intervista alla SonntagsZeitung. "L’obiettivo del governo – ha aggiunto – è di prevenire le interruzioni" di corrente.

Per raggiungere questo obiettivo, il Consiglio federale metterà in consultazione la prossima settimana le relative bozze di ordinanza. A seconda della situazione, il governo statale dovrà adattarle. Non è quindi previsto un calendario preciso.

"Nel migliore dei casi, non ci sarà una carenza di energia", ha osservato il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr). In linea di principio, il Paese può prepararsi a una crisi, ma "la crisi non può essere pianificata".

Risparmiare energia

Parmelin ha quindi nuovamente lanciato un appello alla popolazione a risparmiare energia. "Ogni grado in meno di riscaldamento comporta una riduzione del consumo energetico di almeno il 5%". "In Svizzera – ha precisato – il 40% del gas naturale è consumato dalle economie domestiche".

"Questo dato dimostra che una riduzione sostanziale del consumo di gas naturale in Svizzera non può essere ottenuta senza le famiglie". È però altrettanto chiaro che la Svizzera non dovrebbe introdurre restrizioni o divieti senza un valido motivo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved