ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
14 ore

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
14 ore

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
14 ore

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
16 ore

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
17 ore

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
17 ore

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
17 ore

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
18 ore

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
16.08.2022 - 13:51
Aggiornamento: 14:28

Assicurazione complementare, respinto il ricorso di una clinica

Il Tribunale amministrativo federale conferma la decisione della Finma: vanno pagate unicamente le prestazioni il cui prezzo è giustificato

Ats, a cura di Red.Web
assicurazione-complementare-respinto-il-ricorso-di-una-clinica
Ti-Press
Indispensabili fatture trasparenti e comprensibili

Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha respinto il ricorso del gestore di una clinica. Quest’ultimo esigeva il ritiro di un comunicato stampa dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) che constatava disfunzioni nell’ambito dell’assicurazione complementare. Da allora, numerosi assicuratori hanno disdetto la loro convenzione con il ricorrente.

Nel dicembre 2020, la Finma aveva annunciato di aver effettuato controlli presso diversi assicuratori nell’ambito dell’assicurazione complementare. Aveva così scoperto che le fatture nel settore erano in parte infondate o troppo elevate.

Nella sua veste di autorità di vigilanza, la Finma aveva allora chiesto agli assicuratori di prendere delle misure. Altrimenti non avrebbe più accettato nuovi prodotti nell’ambito dell’assicurazione complementare ospedaliera, si legge nella sentenza del Taf pubblicata oggi.

Fatture trasparenti

Più precisamente, gli assicuratori erano invitati a esigere dai fornitori di prestazioni mediche fatture trasparenti e comprensibili. Le casse malati dovevano pagare unicamente le prestazioni il cui prezzo era giustificato. Qualora fosse necessario, avrebbero dovuto adattare le loro convenzioni con gli ospedali e altri fornitori di prestazioni o concluderne di nuove.

In prima istanza, la Finma non era entrata in materia sul ricorso. Aveva giustificato la sua decisione con il fatto che i diritti e i doveri del gestore della clinica non erano stati violati dal comunicato stampa, e che questi non era quindi legittimato ad agire. La clinica non era la destinataria degli avvertimenti della Finma che concernevano gli assicuratori.

Danni indiretti

Nella sua sentenza, il Tribunale amministrativo federale si è allineato a questo punto di vista. Il gestore della clinica non era sottoposto alla sorveglianza della Finma. Inoltre, quello invocato è un danno indiretto, in modo tale che "la condizione della violazione qualificata, necessaria per fare ricorso, non si è realizzata".

Nel suo ricorso, il gestore della clinica riteneva che non vi fossero indizi di "disfunzioni sistematiche" nell’ambito dell’assicurazione complementare. Chiedeva al Taf di ordinare provvedimenti cautelari poiché era confrontato con un’ondata di disdette e di adeguamenti delle convenzioni tariffali. I giudici sangallesi non hanno però dato seguito a questa richiesta.

Il ricorrente ritiene che il comunicato stampa della Finma sia stato il motivo dei cambiamenti di contratto operati dagli assicuratori. Questi ultimi si sono adoperati per ottenere una diminuzione dei prezzi. In tal modo, le loro offerte prevedevano riduzioni fino al 50%.

Nei confronti della Finma, il gestore della clinica affermava che non si può evincere dalle disposizioni della Legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal) che i fornitori dovrebbero fatturare le loro prestazioni mediche pure nell’ambito dell’assicurazione complementare. Stando al ricorrente, la LAMal si applica unicamente all’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Ma il Taf non gli ha dato ragione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved