10.08.2022 - 15:54
Aggiornamento: 18:08

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione

boom-dei-costi-i-contadini-alzare-i-prezzi-di-pane-e-latte
Keystone

La guerra in Ucraina ha comportato costi di produzione aggiuntivi per gli agricoltori svizzeri. I contadini chiedono quindi che i prezzi dei cereali panificabili e del latte vengano adeguati di conseguenza.

L’aumento del prezzo dei mezzi di produzione ha causato costi aggiuntivi per almeno 900 milioni di franchi, hanno dichiarato mercoledì l’Unione svizzera dei contadini (USC), la Federazione svizzera dei produttori di cereali (SFCP) e Swissmilk in un comunicato. Nonostante alcuni adeguamenti dei prezzi alla produzione, più di 300 milioni non sono coperti.

I costi di produzione per un ettaro di cereali da pane sono aumentati di circa 500 franchi quest’anno a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, dei fertilizzanti e dei macchinari, hanno dichiarato l’USP e la FSPC. Per coprire i costi aggiuntivi, sarebbe necessario un aumento del prezzo del grano di otto franchi al quintale.

Secondo l’USP e la FSPC, il prezzo del pane venduto al dettaglio e nelle panetterie aumenterebbe di circa otto centesimi al chilo. "Con un aumento relativamente contenuto dei prezzi nei negozi, gli agricoltori potrebbero essere pagati ora a un prezzo equo per il loro grano", affermano.

Situazione simile per il latte

Nello stesso comunicato, Swissmilk sottolinea che la situazione è simile per i produttori di latte. L’Interprofessione Latte aveva già aumentato il prezzo indicativo del latte alla centrale di cinque centesimi all’inizio di marzo, a causa del calo della produzione interna e dell’andamento molto favorevole dei prezzi internazionali.

Da allora – si legge nella nota – i costi sono aumentati di nuovo, anche a causa dello scoppio della guerra in Ucraina: i prezzi dei mezzi di produzione a maggio erano in media quasi il 10% più elevati rispetto all’anno precedente. L’USC e i produttori di latte chiedono quindi un incremento di almeno cinque centesimi per chilo netto di latte alla centrale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved