10.08.2022 - 08:45
Aggiornamento: 16:57

Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica

Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.

Ats, a cura di Red.Web
ancora-nessun-bambino-ucraino-arrivato-per-assistenza-medica
archivio Keystone

In luglio era stato annunciato che bambini ucraini avrebbero ricevuto assistenza medica in Svizzera. Da allora non è però arrivato ancora nessuno. Sono necessari chiarimenti e non si sa quando ciò avverrà.

L’Ucraina ha chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bambini in cattive condizioni di salute che vivono in istituti ucraini, ha precisato oggi Michael Jordi, segretario generale della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds), all’agenzia di stampa Keystone-Ats.

La maggior parte ha bisogno di assistenza permanente o di cure, oppure di entrambe le cose a causa di handicap, ha aggiunto Jordi. Vivono in gruppi e Kiev vuole che possano recarsi in Svizzera con il proprio entourage per ridurre al minimo la pressione su di loro.

Il primo passo consiste nell’individuare le cure e il sostegno di cui hanno bisogno. Solo quando queste informazioni saranno disponibili sarà possibile prendere una decisione sul tipo di assistenza. A seconda delle esigenze, potrebbero essere utilizzate case di cura, ospedali o cliniche di riabilitazione.

A causa di questi elementi mancanti, non è possibile affermare quando i primi bambini giungeranno in Svizzera, ha spiegato Jordi. "In alcuni casi, l’aiuto sul posto si rivelerà più efficace". L’Ucraina ha chiesto anche ad altri Paesi di accoglierne.

Ci sono anche punti interrogativi in merito alle spese. Secondo Jordi, quelle di viaggio sarebbero a carico della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (Dsc) e del Corpo svizzero di aiuto umanitario, mentre il Servizio sanitario coordinato (Ssc) si occuperebbe del coordinamento. Grazie allo statuto di protezione S, i bambini che arrivano dall’Ucraina sono assicurati contro le malattie.

La Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (Cdos) sta chiarendo chi si assumerà i costi in caso di assistenza in un istituto medico-sociale. Si sta anche valutando se personale venuto dall’Ucraina possa assumersi dei compiti.

L’accoglienza di feriti provenienti dall’Ucraina ha suscitato controversie in luglio. Il Consiglio federale ha rifiutato la richiesta della Nato in base alla quale sarebbe stata l’Ucraina a decidere chi debba essere assistito in Svizzera, ha indicato il vicesegretario di Stato del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) Johannes Matyassy. La Svizzera non sarebbe stata in grado di verificare se tra le persone interessate ci fossero militari.

Il "no" elvetico è stato criticato. Una lettera dell’ambasciata ucraina a Berna ha smosso le acque. Nella missiva, Kiev garantisce che nessun membro dell’esercito sarà inviato in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved