ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
44 min

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
2 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
2 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
3 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
3 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
4 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
7 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
9 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
23 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
22.07.2022 - 11:39
Aggiornamento: 14:44

Benzina da record, ma gli svizzeri continuano a fare il pieno

Il consumo, però, è ancora inferiore rispetto al periodo pre-pandemia, indica uno specialista del Kof intervistato dal Tages-Anzeiger

Ats, a cura di Red.Web
benzina-da-record-ma-gli-svizzeri-continuano-a-fare-il-pieno
archivio Keystone

È un gran discutere sui prezzi della benzina, ma gli svizzeri continuano a fare il pieno alla loro auto come prima: è la constatazione che fa il titolista del Tages-Anzeiger, foglio che al tema dedica oggi un articolo. Forse però non è esattamente così, a sentire gli esperti.

"La nostra esperienza passata dimostra che la domanda di carburante e quindi le vendite sono poco o per nulla influenzate dal prezzo", spiega alla testata zurighese Fabian Bilger, vicedirettore generale di Avenergy Suisse, nuovo nome (dal 2019) di quella che un tempo era l’Unione petrolifera.

"Gli aumenti dei prezzi della benzina sono sempre molto discussi, eppure la gente continua allegramente a fare il pieno", gli fa eco Johanna Gollnhofer, docente di marketing all’Università Hsg di San Gallo. Il fatto è che i consumatori reagiscono in modo molto poco elastico: la domanda di carburante non diminuisce quando i prezzi aumentano. "Non c’è un sostituto a breve termine: se si possiede un’auto, la si vuole usare", afferma la professoressa in dichiarazioni riportate dal quotidiano.

‘Non siamo ancora ai livelli pre-pandemia’

Jan-Egbert Sturm, specialista del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (Kof), vede le cose in modo diverso. "Il consumo di carburante rimane inferiore rispetto al 2019, quando ci spostavamo ancora abbastanza liberamente", sottolinea al giornale. "La domanda di viaggiare e di essere di nuovo in movimento è aumentata fortemente dalla primavera, eppure la quantità venduta non è ancora ai livelli pre-pandemia, come sarebbe stato lecito aspettarsi. Quindi il prezzo elevato sta almeno in parte frenando la domanda di benzina".

I prezzi dell’energia sono saliti a causa della guerra in Ucraina, ma vi è anche una fase di normalizzazione dopo la pandemia. "Questi due fattori si scontrano: aumento dei prezzi, ma crescita della domanda", spiega Sturm. In altre parole, il risvegliato desiderio di viaggiare in auto compensa almeno in parte l’effetto frenante dei prezzi elevati.

Probabile preferenza delle auto elettriche

Se il costo dei carburanti rimarrà elevato la quantità venduta potrebbe diminuire a lungo termine, secondo lo specialista del Kof. "Non compriamo un’auto nuova ogni pochi anni, ma chi lo farà a breve potrebbe prendere in considerazione l’acquisto di una vettura elettrica a causa dell’aumento del prezzo della benzina. Questi aggiustamenti avvengono gradualmente".

Su questo punto Gollnhofer è d’accordo. La docente Hsg fa inoltre presente un altro aspetto: "L’aumento del telelavoro o anche solo il lavoro ibrido potrebbe portare a una diminuzione del consumo di benzina", osserva.

Previsto un calo della domanda nel prossimo futuro

Il fatto che i prezzi dei carburanti siano un po’ scesi di recente è indice di un calo della domanda nel prossimo futuro. Un’indagine condotta presso i singoli distributori di benzina mostra che essi hanno trasferito ai clienti il calo del prezzo del petrolio, anche se quest’ultimo è solo uno dei fattori che incidono sul prezzo alla pompa. Decisivi sono il prezzo della benzina e del gasolio raffinati, il tasso di cambio tra il franco svizzero e il dollaro statunitense, nonché i costi di trasporto. Ad esempio negli ultimi giorni stanno avendo un impatto il basso livello delle acque del Reno e il fatto che il dollaro sia diventato più costoso rispetto al franco.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved