i-prezzi-della-merce-vanno-indicati-subito-e-non-alla-cassa
Ti-Press
Quanto costi?
25.05.2022 - 13:37
Ats, a cura de laRegione

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio

Il prezzo da pagare per un prodotto o un servizio va indicato chiaramente fin dall’inizio del processo d’acquisto e non comunicato solo nel riepilogo dell’ordine. A seguito di una sentenza del Tribunale federale (Tf), il Governo ha modificato un’ordinanza per precisare la prassi da seguire in materia.

Nella sua seduta odierna, il Governo ha deciso di adeguare l’ordinanza sull’indicazione dei prezzi (Oip) – l’entrata in vigore è stata fissata al 1° luglio – per rispondere ai dubbi sollevati sulla questione. La pubblicazione di una sentenza del Tf aveva infatti fatto emergere incertezze riguardo al momento in cui va indicato il prezzo nel commercio online.

L’obiettivo dell’Oip è fare in modo che i prezzi siano chiari e comparabili ed evitare qualsiasi informazione ingannevole. Secondo l’ordinanza, le merci e determinate prestazioni offerte in vendita al consumatore devono essere contrassegnate con il prezzo effettivamente da pagare in franchi svizzeri. Il testo è formulato in modo neutro dal punto di vista tecnologico e si applica tanto ai negozi fisici quanto a quelli sul web.

Il Governo specifica che il prezzo va indicato al momento e nelle vicinanze dell’offerta, e non solamente poco prima della stipula del contratto. In poche parole, nel commercio online il costo di qualcosa deve essere comunicato all’inizio del processo d’acquisto: non basta che figuri unicamente nel riepilogo dell’ordine al termine dell’operazione.

Ciò vale anche per i negozi fisici, dove il prezzo va affisso nei pressi della merce esposta e non fatto sapere solo una volta giunti in cassa.

Viene inoltre precisato che i supplementi obbligatori, per esempio per la prenotazione, il servizio o l’elaborazione, rientrano nella categoria "supplementi non facoltativi di qualsiasi tipo" e sono dunque da includere nel prezzo.

Al contrario, i costi di spedizione possono continuare a essere indicati separatamente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commercio online prezzi vetrine negozi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved