calo-del-potere-d-acquisto-e-lamal-l-uss-invoca-contromisure
Pierre-Yves Maillard: ‘Stiamo vivendo uno shock come non lo conoscevamo da molto tempo’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
9 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
9 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
10 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
12 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
13 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
15 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
15 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
17 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
20.04.2022 - 10:48
Aggiornamento: 17:00
Ats, a cura de laRegione

Calo del potere d’acquisto e LAMal, l’Uss invoca contromisure

L’Unione sindacale svizzera scende in campo e chiede adeguamenti salariali, una compensazione del rincaro e misure contro l’aumento dei premi

L’aumento del costo della vita e l’annunciato incremento dei premi dell’assicurazione malattia comporterà una diminuzione del potere d’acquisto di circa 3’500 franchi per famiglia. Lo indica l’Unione sindacale svizzera (Uss), che chiede aumenti salariali, una compensazione del rincaro e misure contro l’aumento dei premi LAMal.

"L’inflazione oggi supera il 2% e lo shock dei premi delle casse malati minaccia il potere d’acquisto dei lavoratori", afferma l’Uss, sottolineando la natura senza precedenti della situazione attuale.

Senza misure adeguate, il reddito delle singole economie domestiche, a causa del rincaro, diminuirà di 1’600 franchi annui. Per le famiglie con bambini la riduzione sarà di circa 2’200 franchi, precisa l’Uss. A ciò va aggiunto l’aumento dei premi dell’assicurazione sanitaria, che a suo dire potrebbe raggiungere il 10 per cento.

Per una famiglia di quattro persone ciò corrisponde a 1’100 franchi supplementari all’anno. Ciò colpirà soprattutto le famiglie della classe media. Queste non hanno infatti diritto ai sussidi e spesso versano in premi malattia oltre il 10% del loro reddito, precisa l’Uss.

Per il sindacato misure compensatorie sono quindi necessarie. "I redditi reali devono crescere, affinché l’inflazione non costituisca un pericolo serio per la popolazione attiva", spiega Daniel Lampart, capo-economista dell’Unione sindacale svizzera.

Tuttavia, da qualche tempo, i salari stanno aumentando troppo lentamente. "L’aumento della produttività non è stato ridistribuito ai lavoratori; la necessità di un recupero è quindi molto reale tra i redditi bassi e medi", osserva Vania Alleva, vicepresidente dell’Uss e presidente del sindacato Unia.

La situazione generale dell’economa è buona, sottolinea l’Uss. Molti settori economici si sono completamente ripresi dalla crisi e sono in pieno sviluppo. "C’è quindi un reale margine di manovra per la concessione di aumenti salariali".

A ciò si aggiunge l’ottima salute finanziaria dei Cantoni, che hanno anche beneficiato delle misure anti-pandemiche adottate dalla Confederazione. I Cantoni hanno chiuso questi due anni contraddistinti dal Covid con eccedenze di oltre un miliardo di franchi nel 2020 e 2,7 miliardi di franchi nel 2021, rincara l’Uss.

Per il presidente del sindacato Pierre-Yves Maillard "stiamo vivendo uno shock come non lo conoscevamo da molto tempo". Secondo il consigliere nazionale vodese (Ps) "i lavoratori hanno bisogno di sostanziali miglioramenti salariali".

L’Uss chiede la compensazione del rincaro e un aumento dei salari reali. Per l’Unione sindacale nessun lavoratore al 100% dovrebbe guadagnare meno di 4’000 franchi al mese (per tredici mensilità annue). L’Uss chiede anche l’introduzione di misure per limitare i versamenti alle casse malati. Il sindacato invita a tal proposito il Consiglio federale a presentare una proposta affinché nessuno dedichi a tale scopo più del 10% del proprio reddito.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lamal potere d'acquisto premi casse malattia unione sindacale svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved