il-cio-risponde-picche-a-viola-amherd
Keystone
La consigliera federale Viola Amherd
18.04.2022 - 15:26
Aggiornamento: 16:51
Ats, a cura de laRegione

Il Cio risponde picche a Viola Amherd

La ministra della Difesa chiedeva l’espulsione degli alti funzionari russi e bielorussi. Il Comitato olimpico internazionale non ne vuole sapere

Berna – Il Comitato Olimpico Internazionale non darà seguito alla richiesta della consigliera federale Viola Amherd di prevedere ulteriori sanzioni contro russi e bielorussi. Le persone elette ai vertici, spiega l’organizzazione con sede a Losanna, non sono rappresentanti del loro Paese, ma vengono elette come individui e sono poi delegate come ambasciatori del Cio presso le organizzazioni sportive del loro Paese.

Solo pochi giorni fa la "ministra" dello Sport, con una lettera inviata al presidente del Cio Thomas Bach, aveva chiesto di escludere i funzionari di Russia e Bielorussia dalle posizioni di vertice delle federazioni sportive internazionali.

Nessun ‘segnale forte’ dallo sport

Oggi è giunta la risposta del Comitato Olimpico Internazionale, che in una presa di posizione inviata all’agenzia Keystone-ATS ha respinto la proposta avanzata da Amherd: secondo la Carta Olimpica, i membri del Cio non sono rappresentanti del loro Paese all’interno del comitato. E in ogni caso, ha tenuto a precisare l’organizzazione, in questo momento non sono previste riunioni che includano membri russi del Cio.

In considerazione della situazione in Ucraina, ha scritto Amherd a Bach, non è più sufficiente escludere gli atleti dei due Paesi dalle competizioni all’estero. Il Cio ha mezzi molto più efficaci dello Stato e, se è il caso, può escludere le federazioni dalla grande famiglia olimpica. La consigliera federale si aspetta un segnale forte dallo sport.

Il Cio, nella sua presa di posizione, condanna fermamente la "gravissima violazione della tregua olimpica" da parte della Russia e allo stesso tempo ricorda le azioni intraprese contro Mosca e Minsk: tra cui l’invito alle federazioni di cancellare gli eventi sportivi previsti nei due Paesi e la raccomandazione di non permettere ad atleti e funzionari russi e bielorussi di partecipare alle competizioni internazionali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved