esercito-dal-2023-probabile-aumento-della-spesa
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
11 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
12 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
13 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
14 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
16 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
17 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
18 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
14.04.2022 - 11:23
Aggiornamento: 15:06
Ats, a cura de laRegione

Esercito, dal 2023 probabile aumento della spesa

L’obiettivo del Consiglio federale è di avvicinarsi gradualmente ai 7 miliardi l’anno. Oggi la spesa è poco più di 5 miliardi

Alla luce della guerra in Ucraina, dal 2023 la spesa per l’esercito dovrebbe crescere anche in Svizzera. Il Consiglio federale raccomanda al parlamento l’adozione di due mozioni identiche inoltrate dalle Commissioni della politica di sicurezza di entrambi i rami del parlamento volte ad accrescere progressivamente i mezzi per la truppa.

L’obiettivo? Raggiungere almeno l’1% del Prodotto interno lordo (nel 2020 poco più di 700 miliardi di franchi, ndr) al più tardi nel 2030. Oggi l’esercito spende poco più di 5 miliardi di franchi l’anno. L’intenzione è quindi avvicinarsi gradualmente ai 7 miliardi l’anno.

Le due mozioni, combattute dal campo rosso-verde, fanno presente che dal 1990 la spesa per l’esercito è stata continuamente ridotta passando dal 15,7% annuo al 6,8% della spesa federale nel 2019. Se nel 1990 l’1,34% del Pil era investito nell’esercito, nel 2019 lo era lo 0,67%.

A causa della grande pressione per ridurre le spese destinate all’esercito, gli acquisti sono stati rinviati e ora vi sono lacune in materia di capacità. La guerra in Ucraina, stando alle due commissioni, ha dimostrato che in Europa le guerre si fanno ancora con armi di fanteria, carri armati, artiglieria, aerei da combattimento.

Poiché a causa delle prescrizioni del freno all’indebitamento, le finanze della Confederazione non tollerano alcuna manovra affrettata, la pianificazione finanziaria della Confederazione dovrà orientarsi verso un aumento progressivo delle uscite per l’armata a partire dal 2023.

No a un aumento repentino

Il Consiglio federale, benché d’accordo col principio di aumentare il budget dell’esercito, non intende però mettersi fretta. Per questo invita i due rami del parlamento a bocciare due mozioni identiche presentate dall’Udc al Consiglio nazionale e al Consiglio degli Stati che chiedono, per l’esercito, un incremento dei mezzi a disposizione ad almeno 7 miliardi al fine di garantire il più rapidamente possibile il completo equipaggiamento dei 140’000 militari, eliminare le impasse finanziarie per la realizzazione dei progetti informatici nonché di migliorare la capacità di difesa degli F/A-18. Oltre a ciò, per migliorare le possibilità d’impiego e il margine di manovra, l’effettivo regolamentare dell’esercito dovrebbe essere incrementato di circa 20mila militari, stando ai democentristi.

Nella sua risposta il governo crede che l’aumento delle spese debba avvenire in maniera graduale, altrimenti non sarebbe sopportabile per il bilancio federale. Come prima priorità, l’esecutivo intende assicurare in maniera duratura l’apporto di personale per l’effettivo regolamentare di 100mila militari. Per questo devono essere ridotte in particolare le numerose uscite anticipate dall’esercito. A tale scopo il Consiglio federale ha predisposto apposite misure. Un eventuale aumento potrebbe avvenire solo in un secondo momento, precisa l’esecutivo nella sua risposta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale esercito russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved