31.03.2022 - 10:35
Aggiornamento: 16:22

Revocate le misure per contenere l’influenza aviaria

Visto il ridotto rischio di trasmissibilità, a partire da domani niente più restrizioni di sorta. In inverno solo sporadici casi in Svizzera

Ats, a cura de laRegione
revocate-le-misure-per-contenere-l-influenza-aviaria
Keystone
Ritorno alla normalità

Considerato il rischio ridotto di trasmettere la malattia, da domani verranno revocate le misure di protezione contro l’influenza aviaria applicate attorno a laghi e fiumi a protezione del pollame da cortile.

Il provvedimento, indica una nota dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav), si è ridotto poiché la maggior parte degli uccelli migratori ha lasciato i ricoveri invernali.

Quest’inverno, mentre l’influenza aviaria dilagava in tutta Europa, in Svizzera si sono ammalati solo pochi uccelli: in un’azienda avicola nel canton Zurigo, nel canton Sciaffusa sul Reno e nel Parco zoologico di Berna.

L’Usav, d’intesa con le autorità cantonali, ha immediatamente ordinato le misure di protezione necessarie ed è stato in grado di prevenire un’ulteriore diffusione della malattia. Poiché la situazione epizootica si è nel frattempo calmata, le autorità veterinarie hanno deciso di revocare le misure contro l’influenza aviaria.

Le analisi dimostrano che i casi di influenza aviaria si verificano ancora in quasi tutta Europa; ciononostante, il picco dell’attuale epidemia è stato raggiunto nella seconda settimana di gennaio 2022, e ora il numero di casi è in calo. Anche il rischio di introduzione da parte degli uccelli migratori è ridotto, dato che la maggior parte di loro ha già lasciato le zone di svernamento o ha raggiunto le aree di estivazione.

Anche se è assai improbabile che gli esseri umani vengano infettati dal virus dell’influenza aviaria, è importante seguire la seguente misura preventiva: le persone che si imbattono in carogne di uccelli selvatici sono invitate a non toccarle e di segnalare il ritrovamento agli organi di polizia o al guardiacaccia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved