ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 min

Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente

La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
8 min

Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili

Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
52 min

Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
1 ora

Cure infermieristiche, approvato rafforzamento professione

L’iniziativa chiede in particolare che sia disponibile un numero sufficiente di infermieri diplomati per rispondere al fabbisogno crescente di cure
Svizzera
3 ore

Agricoltura: più impiego di erbicidi, insetticidi e fungicidi

Vendute nel 2021 circa 2’259 tonnellate di prodotti fitosanitari, 329 tonnellate in più rispetto al 2020
Svizzera
5 ore

Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel

Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
5 ore

Un grigionese sullo scranno più alto del Consiglio nazionale

Appartenente al Centro, 42enne, nato a Rabius, nella Surselva, Martin Candinas è stato eletto nella Camera bassa nel 2011
Svizzera
11 ore

Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna

Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
22.03.2022 - 15:36

Swisscom, addio al 3G nel 2025: interessato un cliente su cinque

Con l’interruzione del servizio verrà liberato spazio per le tecnologie del futuro, ossia il 4G e il 5G, ‘molto più performanti e rispettose del clima’

Ats, a cura de laRegione
swisscom-addio-al-3g-nel-2025-interessato-un-cliente-su-cinque
Keystone

Giorni contati per il 3G, la terza generazione della telefonia mobile: Swisscom intende mantenere operativa la tecnologia solo sino alla fine del 2025, momento in cui sarà dismessa. La fine del 3G interessa un dispositivo su cinque dei clienti privati di Swisscom, precisamente il 18,5%: lo ha reso noto in una conferenza stampa Mark Düsener, addetto alla comunicazione dell’azienda. Si tratta di coloro che usano terminali in grado di trasmettere solo sul 3G o apparecchi 4G non compatibili con il ‘Voice over Lte’, una tecnologia che consente di instaurare chiamate vocali su rete Lte. Per quanto riguarda i clienti commerciali e le applicazioni del cosiddetto ‘internet delle cose’, la quota di utilizzo del 3G è superiore: pari a un quarto.

Con l’interruzione del servizio verrà liberato spazio per le tecnologie del futuro, ossia il 4G e il 5G, molto più performanti e rispettose del clima rispetto al 3G, si legge in un comunicato odierno della società telecom a maggioranza statale. Düsener si dice fiducioso che il passaggio alla nuova tecnologia potrà svolgersi senza problemi. "Abbiamo già fatto buone esperienze con la comunicazione anticipata relativa allo spegnimento del 2G".

La rete 3G trasmette ormai solo l’1,1% del traffico dati mobile, ma occupa circa il 10% della capacità delle antenne (Orni). La potenza Orni è limitata dalle norme di legge, perciò Swisscom deve farne l’uso più efficiente possibile, argomenta l’impresa. Il gruppo promette che informerà i clienti interessati con largo anticipo per dare loro il tempo necessario per prepararsi alla dismissione.

Gli altri operatori attendono

Gli altri operatori però attendono. Presso Sunrise Upc ancora circa un terzo delle comunicazioni vocali avviene attraverso il 3G, ha indicato all’agenzia Awp un portavoce. Anche Salt non ha piani concreti di dismissione. In Germania per contro Deutsche Telekom ha messo fine alla vecchia generazione di telefonia mobile già alla fine di giugno 2021.

Il 3G arrivò in Svizzera nel 2004

Il 3G esordì in Svizzera nel 2004. Secondo Swisscom si trattò di una svolta storica perché diventava finalmente possibile trasmettere grandi quantità di dati sulla rete mobile, con una velocità massima di 384 kilobit per secondo. Oggi per contro la tecnologia è considerata obsoleta: le nuove generazioni della telefonia mobile come il 4G e il 5G vengono definite radicalmente migliori, in quanto consentono alla rete di offrire più capacità e supportano un gran numero di applicazioni mobili impossibili sul 3G, come ad esempio il gioco online, la visione di film e la lettura di pagine web voluminose.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved