ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
58 min

Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten

Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
2 ore

‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga

Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
2 ore

Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo

L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
2 ore

Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti

Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
2 ore

Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro

Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
4 ore

Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’

Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
5 ore

‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’

Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
5 ore

Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale

Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
5 ore

Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta

È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
6 ore

Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’

Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
16 ore

Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera

La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
23 ore

Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg

Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
22.03.2022 - 15:03
Aggiornamento: 16:13

Gli ospedali pronti a reggere un aumento dei contagi

A contribuire alla stabilità della situazione ospedaliera il buon tasso di immunità tra la popolazione e la minor pericolosità della variante Omicron

Ats, a cura di Marco Narzisi
gli-ospedali-pronti-a-reggere-un-aumento-dei-contagi

Nonostante la forte circolazione del coronavirus – specie della sottovariante BA.2 di Omicron – gli ospedali non rischiano un sovraccarico, anche se nelle prossime settimane il numero delle infezioni aumenterà. Lo ha affermato oggi Patrick Mathys dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ai media, spiegando tale fenomeno col buon tasso di immunità tra la popolazione e la minor pericolosità della variante Omicron.

Stando a Mathys è difficile dire quando si raggiungerà il picco e potremo assistere ad una diminuzione dei casi. Gli esperti si attendono ancora molte infezioni – oramai oltre mezzo milione a settimana – fino ad aprile inoltrato, dopodiché dovrebbe verificarsi un’inversione di tendenza.

Prima di snocciolare le cifre relative all’infezione, Mathys ha ricordato – in occasione della centesima conferenza stampa – che anche dopo due anni dalla sua apparizione, e la fine di molte restrizioni che ci hanno consentito il ritorno ad una vita quasi normale, "siamo ancora confrontati col Covid". L’effetto della pandemia si fa soprattutto sentire a livello di assenze dal lavoro, per esempio.

Quanto agli effetti sul sistema sanitario, il numero di decessi si attesta in media a una decina al giorno, mentre oltre 100 persone devono recarsi all’ospedale per farsi assistere. Il numero di persone che necessita di cure intensive è di 126 al momento, ha sottolineato. Ad ogni modo, Mathys ha insistito ancora sui benefici della vaccinazione – booster compreso – e la minore virulenza del virus, caratteristiche che si ripercuotono positivamente sull’occupazione dei nosocomi.

In merito alla variante Omicron, la presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, Tanja Stadler, ha sottolineato che tale variante è ancora molto pericolosa. Tuttavia, in una popolazione con molti vaccinati e guariti, il decorso della malattia è meno grave. Lo dimostra a suo parere quanto sta accadendo a Hong Kong, con una copertura vaccinale molto scarsa, rispetto alla Nuova Zelanda. Entrambe le aree hanno un numero simile di casi, ma a Hong Kong il tasso di mortalità è circa il 50% più elevato, ha spiegato la docente al Politecnico federale di Zurigo.

Secondo Stadler è difficile stimare l’evoluzione della pandemia. Per esempio, se non ci fosse più l’obbligo della mascherina, il virus potrebbe diffondersi molto più facilmente. "Ad un certo punto, però, il virus non avrà più vittime da infettare", ha aggiunto Mathys. Secondo Stadler, è anche verosimile che appaiano nuove varianti. E in autunno, comunque, il virus probabilmente circolerà di nuovo con maggior intensità a causa di fattori stagionali.

Ad ogni modo, Mathys ha assicurato che la sorveglianza proseguirà anche nei prossimi mesi, specie in vista dell’autunno. Il Covid ci ha già dato brutte sorprese, ha spiegato l’alto funzionario. Per questo si continuerà con l’analizzare le acque reflue, eseguire test a campione su diverse categorie di persone e a sequenziare il virus alla caccia di nuove varianti. Il sistema è simile a quanto già si fa per l’influenza col sistema "Sentinella".

Richiamo non necessario ora

Per quanto riguarda le vaccinazioni, per Christopher Berger, presidente della apposita commissione federale, una seconda dose di richiamo avrebbe poco effetto in questo momento.

Uno studio eseguito in Israele sul personale sanitario mostra che una seconda dose di richiamo è solo marginalmente efficace contro un’infezione, ha spiegato. Questo è vero per la popolazione generale e anche per i pazienti più vulnerabili.

La protezione offerta dai vaccini mRNA, con le due dosi di base e una dose di richiamo, è efficace contro le forme gravi della malattia e riduce le ospedalizzazioni. In questo senso l’obiettivo è stato raggiunto, secondo Berger.

Ma con l’arrivo dell’autunno, dobbiamo essere preparati a diversi scenari. È possibile che sia necessaria una seconda dose di richiamo, per esempio per le persone vulnerabili. Si tratta di avere piani di vaccinazione per prendere la decisione al momento opportuno. A detta di Berger, si può confrontare la situazione con la vaccinazione contro l’influenza stagionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved