ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi

Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
6 ore

La centrale elettrica di riserva è una priorità

La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
7 ore

90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale

Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
7 ore

Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze

Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
8 ore

Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera

Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
9 ore

Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto

L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
10 ore

Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023

Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
10 ore

Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche

Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
12 ore

Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin

La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
20.03.2022 - 14:53
Aggiornamento: 17:36

I Cantoni si attendono fino a 300mila rifugiati entro fine anno

Il numero sarà molto più alto di quanto ipotizzato. Il numero di studenti ucraini potrebbe crescere fino a 20’000 nei prossimi mesi, e mancano insegnanti

Ats, a cura de laRegione
i-cantoni-si-attendono-fino-a-300mila-rifugiati-entro-fine-anno
Keystone

La Svizzera dovrà affrontare il più grande afflusso di rifugiati da decenni: il numero di ucraini che arrivano in fuga dalla guerra sarà decisamente più alto di quanto inizialmente ipotizzato. Lo scrive la NZZ am Sonntag, secondo cui i Cantoni devono prepararsi.

A causa della guerra in Ucraina, in Svizzera potrebbero arrivare entro giugno tra 35’000 e 50’000 profughi, soprattutto anziani, donne e bambini, aveva dichiarato lo scorso mercoledì al Consiglio nazionale la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

In realtà i Cantoni - responsabili di ospitare coloro che sono fuggiti dal loro paese - non escludono tra 250’000 e 300’000 rifugiati entro la fine dell’anno, stando a quanto riferito al domenicale da Marcel Suter, presidente dell’Associazione dei servizi cantonali di migrazione (ASM).

Per colui che dirige l’Ufficio della migrazione e del diritto civile dei Grigioni, è chiaro che i Cantoni dovranno affrontare una grande sfida. "Il fatto che ci sia così tanta solidarietà tra la popolazione è un grande aiuto". Senza il sostegno di chi vuole accogliere i rifugiati nelle loro case, alcuni Cantoni potrebbero raggiungere i loro limiti, ha detto.

L’ipotesi più realistica è un afflusso di 80’000 rifugiati, come è avvenuto alla fine degli anni Novanta durante la guerra in Kosovo. "Ma dobbiamo prepararci ora ai vari scenari possibili, anche i più improbabili", sottolinea il grigionese.

Le difficoltà sembrano già attuali: Suter ha ricevuto informazioni secondo cui ci sarebbero già limitazioni nell’ordinazione di cuscini, dato che molti Cantoni e Comuni ne hanno bisogno. Un’altra sfida è il personale per l’assistenza nelle strutture ricettive. Attualmente ogni giorno arrivano in Svizzera tra i 500 e i 1000 cittadini ucraini in fuga dal conflitto.

Fino a 20’000 allievi

La Confederazione, inoltre, ospita attualmente 200 studenti ucraini, un numero che potrebbe salire a 20’000 nei prossimi mesi. La sfida di integrarli è aggravata dalla carenza di insegnanti, riferisce dal canto suo Le Matin Dimanche.

"Abbiamo una carenza latente a tutti i livelli da diversi anni. Aggiungete gli effetti della crisi sanitaria, l’isolamento che continua, la stanchezza. Abbiamo bisogno di più personale e non appare da un giorno all’altro", spiega Samuel Rohrbach, presidente del sindacato degli insegnanti di lingua francese, citato dal domenicale romando.

Per quanto riguarda la Svizzera tedesca, Dagmar Rösler - a capo del sindacato degli insegnanti di lingua tedesca - sostiene sulle colonne della NZZ am Sonntag che ci si aspetta un aumento del 5%-10% del numero di bambini nelle scuole di alcuni cantoni. Ciò significa che presto molte classi potrebbero presto avere uno o due bambini ucraini. Sarà necessario anche garantire un sostegno psicologico per gli allievi, aggiunge Rösler.

A rappresentare una sfida è soprattutto l’accoglienza nelle scuole di bambini che non capiscono nessuna lingua nazionale. I Cantoni stanno pertanto valutando di chiedere agli adulti ucraini, formati come insegnanti, di prendere contatto con le autorità per eventualmente poter identificare alcune opportunità di aiuto nelle scuole, spiega a Le Matin Dimanche la consigliera di Stato vodese Cesla Amarella, vicepresidente della Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved