ucraina-si-allunga-la-lista-svizzera-delle-persone-sanzionate
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
7 ore

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
7 ore

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
7 ore

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
8 ore

Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale

Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
8 ore

Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi

Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
9 ore

Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo

A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
9 ore

Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni

Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
16.03.2022 - 13:45
Aggiornamento: 18:23
Ats, a cura di Marco Narzisi

Ucraina, si allunga la lista svizzera delle persone sanzionate

197 persone fisiche sono assoggettate alle sanzioni finanziarie e di viaggio, mentre nove organizzazioni a quelle finanziarie. Scatta il blocco dei beni

Si allunga l’elenco dei sanzionati da parte della Svizzera in relazione alle violazioni del diritto internazionale commesse dalla Russia in Ucraina. Oggi alla lista, che è ora identica a quella dell’Unione europea, sono state aggiunte oltre 200 fra persone e organizzazioni, fra cui i noti miliardari Roman Abramovich e Andrey Melnichenko.

Il provvedimento è stato approvato dal capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr) Guy Parmelin, scrivono in un comunicato i servizi di quest’ultimo. In virtù della legge sugli embarghi l’aggiornamento della lista di sanzioni è infatti di competenza dello stesso Defr, che ha adeguato l’ordinanza in materia.

Con la novità, 197 persone fisiche sono assoggettate alle sanzioni finanziarie e di viaggio, mentre nove organizzazioni a quelle finanziarie. Tra questi individui figurano ulteriori oligarchi e uomini d’affari di primo piano, precisa il Defr.

I valori patrimoniali in Svizzera delle persone interessate devono essere bloccati e notificati alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco). La modifica dell’ordinanza è entrata in vigore oggi a mezzogiorno.

Così facendo, Berna si associa agli adeguamenti decisi da Bruxelles in merito alle persone e organizzazioni colpite dalle sanzioni, pubblicati ieri dal Consiglio dell’Ue. Le due liste ora combaciano.

Abramovich e Melnichenko

Fra i pezzi grossi interessati spiccano i nomi di Roman Abramovich e Andrey Melnichenko. Il primo è noto per essere il proprietario della squadra di calcio del Chelsea, che il magnate intendeva vendere. La cessione è però stata bloccata dopo che il governo britannico ha congelato tutti i beni del 55enne. Il club londinese si trova di conseguenza in seria difficoltà e sta vedendo esaurirsi i propri fondi.

Abramovich, che secondo le ultime stime di Forbes possiede un patrimonio di 7,2 miliardi di dollari, è inoltre uno dei maggiori azionisti del gruppo siderurgico Evraz. La società è considerata uno dei maggiori contribuenti in Russia.

Il miliardario sarebbe vicino al presidente Vladimir Putin, con il quale intratterrebbe strette relazioni. Questo canale privilegiato con il Cremlino gli avrebbe permesso di approfittare dell’annessione della Crimea e della situazione in Ucraina.

Dal canto suo, Melnichenko, perlomeno secondo i media, risiede a St. Moritz, nei Grigioni. Secondo la lista delle sanzioni della Seco è il principale proprietario del produttore di fertilizzanti EuroChem e della società attiva nel commercio del carbone Suek. Entrambe le imprese hanno già annunciato il ritiro dell’uomo d’affari dai loro consigli d’amministrazione.

Anche Melnichenko fa parte della cerchia di influenti imprenditori russi molto legati a Mosca. Negli scorsi giorni, il suo nome è stato associato a uno yacht del valore di 530 milioni di euro, che si dice sia la più grande imbarcazione al mondo del suo genere, sequestrato dalla Guardia di finanza in un porto di Trieste.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
russiaucraina sanzioni finanziarie svizzera ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved