03.03.2022 - 11:17
Aggiornamento: 18:49

La Svizzera vuole partecipare ad accoglienza rifugiati

Karin Keller-Sutter intende proporre al Consiglio federale di attivare lo statuto di protezione S per i cittadini ucraini

ATS, a cura de laRegione
la-svizzera-vuole-partecipare-ad-accoglienza-rifugiati
Keystone
La responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia

La Svizzera si aspetta che l’Unione europea (Ue) attivi la direttiva sulla protezione temporanea per i cittadini ucraini. Lo ha detto la consigliera federale Karin Keller-Sutter prima della riunione dei ministri degli interni dell’Ue su Schengen e asilo che si tiene a Bruxelles. La responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia intende proporre al Consiglio federale di attivare lo statuto di protezione S. Questo significa che le persone che hanno bisogno di protezione dall’Ucraina possono essere ammesse per un periodo limitato di tempo per motivi umanitari.

Gli ucraini possono entrare nell’area Schengen e quindi anche in Svizzera senza un visto, ma possono rimanervi per novanta giorni. Successivamente dovrebbe essere applicato lo statuto S. Con questo statuto, le persone ammesse possono, per esempio, lavorare in Svizzera e ricevere prestazioni sociali. Secondo Keller-Sutter, la direttiva Ue e lo statuto S svizzero sono simili. Sia la direttiva europea, sia lo statuto S non sono mai stati applicati.

Secondo gli ambienti di sinistra lo statuto S dà ai rifugiati meno diritti della direttiva europea. Keller-Sutter ha sottolineato che anche i singoli paesi dell’Ue applicheranno la direttiva in modo diverso. «Penso che lo statuto di protezione S sia più flessibile».

La Svizzera vuole partecipare

In occasione della riunione, Keller-Sutter informerà anche i suoi colleghi ministeriali del fatto che la Svizzera intende partecipare al meccanismo di solidarietà dell’Ue quando sarà attivato. Tale meccanismo dell’Unione europea serve a distribuire le persone tra gli stati membri. La ministra di giustizia e polizia non vuole fornire alcuna cifra sull’ammissione dei rifugiati. «Attualmente abbiamo pochissime persone dall’Ucraina che vengono in Svizzera». Al momento, vanno dove hanno famiglie e parenti, ha aggiunto.

Tuttavia, secondo la consigliera federale, un team di crisi "asilo" è già stato attivato per coordinare l’accoglienza. Se il Consiglio federale decidesse di applicare lo statuto S, dovrebbe anche essere possibile, tra le altre cose, ospitarli in case private.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved