ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Impennata di casi di coronavirus

Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
4 ore

Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer

È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
7 ore

Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi

Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
8 ore

Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi

I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
8 ore

A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’

Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
8 ore

La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno

L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
8 ore

Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è

La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
10 ore

Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi

Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
13 ore

Il passaggio alle nuove polizze con QR è filato liscio

La Posta segnala pochi disagi. In molti hanno pagato le fatture nell’ultimo giorno di validità delle vecchie polizze
01.03.2022 - 18:28

Il seggio al Consiglio sicurezza ONU non ostacola la neutralità

È quanto ha dichiarato oggi Frank Grütter, capo del Dipartimento ONU del DFAE. Il seggio avrebbe effetti positivi sui buoni uffici

ATS, a cura di Marco Narzisi
il-seggio-al-consiglio-sicurezza-onu-non-ostacola-la-neutralita
Keystone

Un eventuale seggio della Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell’ONU come membro non permanente è compatibile con il diritto della neutralità, secondo il capo della Divisione ONU del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Lungi dall’essere un problema, avrebbe invece effetti positivi sui buoni uffici.

La neutralità significa che la Svizzera non può prendere parte ad azioni belliche in caso di conflitto, non può adottare misure militari e non può aderire ad un’alleanza militare, cioè la NATO, in tempo di pace. È quanto ha dichiarato oggi Frank Grütter, capo del dipartimento ONU del DFAE, in un briefing per i media sulla candidatura della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell’ONU.

La neutralità non è implicata nelle decisioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU perché sono "decisioni della comunità internazionale per riportare un Paese sulla retta via", ha detto Grütter. Inoltre la Svizzera non ha obblighi, non deve inviare truppe e non deve aumentare le sue forze di pace, ha aggiunto.

Un Paese può prendere posizione contro le violazioni del diritto internazionale anche se neutrale. Il conflitto in Ucraina ha dimostrato che "dobbiamo prendere una posizione in un modo o nell’altro". Berna aveva già preso posizione prima dello scoppio della guerra, anche sulle sanzioni.

Aumentare il peso della Svizzera

Il seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU è una grande opportunità per i buoni uffici. Permette di conoscere più da vicino i dossier e di avere un migliore accesso ai responsabili. La Svizzera guadagnerebbe "più peso", ha riassunto Grütter. Lo scopo del seggio per la Confederazione è di essere "credibile su tutta la linea" per quanto riguarda la difesa del diritto internazionale, il rispetto dei diritti umani e umanitari e la prevenzione dei conflitti.

In un caso come la guerra in Ucraina, la Svizzera "esprimerebbe la sua valutazione della situazione secondo il diritto internazionale", chiederebbe la cessazione delle ostilità e la protezione del personale medico, ha spiegato Grütter. Inoltre ribadirebbe che i conflitti possono essere risolti solo attraverso i colloqui.

La candidatura al Consiglio di sicurezza dell’ONU era stata decisa dal Consiglio federale nel 2011. L’attribuzione di uno dei dieci seggi non permanenti nel Consiglio di sicurezza dell’ONU dal 2023 al 2024 sarà presa il 9 giugno a New York. Le possibilità sono buone, perché finora solo Malta e la Svizzera hanno fatto domanda per i due posti disponibili.

L’UDC si è detta contraria, esprimendo dubbi legati alla neutralità. Una sessione straordinaria sul tema si svolgerà nel corso della sessione primaverile del parlamento.

Se la Svizzera sarà eletta nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, il Consiglio federale stabilirà le priorità dopo le vacanze estive. La Confederazione siederà quindi nel Consiglio per tre mesi sino alla fine di dicembre come osservatore senza diritto di voto. Da gennaio 2023, dovrebbe poter partecipare al processo decisionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved