18.02.2022 - 17:03
Aggiornamento: 19:09

Tempesta ‘Eunice’, le Ffs sconsigliano viaggi al nord

Diverse compagnie ferroviarie hanno sospeso i loro servizi: interrotti i treni notturni dalla Svizzera in particolare verso Olanda e Germania

Ats, a cura de laRegione
tempesta-eunice-le-ffs-sconsigliano-viaggi-al-nord
Keystone

Le Ferrovie Federali Svizzere (FFS) sconsigliano i viaggi verso il nord a causa dell’infuriare della tempesta invernale "Eunice". Diverse compagnie ferroviarie hanno sospeso i loro servizi, ha indicato oggi un portavoce delle FFS all’agenzia di stampa Keystone-ATS.

Anche i treni notturni in partenza dalla Svizzera verso nord sono stati cancellati: in particolare non funzionano per ora i collegamenti per Amsterdam e per la metropoli tedesca settentrionale di Amburgo.

In gran parte della Germania, il traffico ferroviario è interrotto dal primo pomeriggio a causa dei venti fortissimi. Tutti i servizi a lunga distanza a nord di Dortmund, Hannover e Berlino sono stati sospesi. Non ci sono più treni ICE o IC sulle linee trasversali est-ovest da Colonia via Hannover a Berlino e tra Berlino e Francoforte sul Meno ad Amsterdam.

Per quanto riguarda i voli, Swiss ha registrato ritardi limitati oggi. Sono tuttavia stati annullati alcuni collegamenti con gli aeroporti di Londra-Heatrow e Londra City, Berlino e Amesterdam.

L’Europa è già attualmente colpita da forti tempeste. A causa del maltempo milioni di persone a Londra, nel sud dell’Inghilterra e nel Galles sono state invitate a rimanere a casa oggi. Secondo il servizio meteorologico britannico, i venti a 130 chilometri all’ora trascinano oggetti e frammenti che possono uccidere.

Sull’isola di Wight, all’estremo sud-ovest della Gran Bretagna, oggi è stata registrata una raffica di 195 km/h, ossia la più violenta mai rilevata da quando esistono gli attuali strumenti di calcolo.

Già ieri una depressione temporalesca ha causato un’ondata di maltempo sul Mare del Nord, che ha provocato la morte di diverse persone in incidenti dovuti alle condizioni meteorologiche. Ingenti anche i danni in alcune parti della Germania, dove la bufera, con venti fino a 140 km/h, è denominata "Zeynep".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved