da-no-vax-a-no-media-il-passo-e-breve
Keystone
Si vota domenica 13, siamo alla volata finale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il sogno della casa propria in campagna non tramonta

Il 90% delle persone che vivono in una zona rurale vorrebbe rimanerci anche in futuro. E quasi il 50% vorrebbe trasferirvicisi
Svizzera
12 ore

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
14 ore

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
18 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
20 ore

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
21 ore

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
1 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
1 gior

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
1 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
Svizzera
1 gior

Moderna fa domanda di estensione per il vaccino contro Omicron

Il vaccino ambivalente contiene mRNA messaggero sia per la proteina spike del ceppo di Wuhan sia per quella delle varianti Omicron
Svizzera
1 gior

Zurigo, studenti alla guida dei tram: rabbia del sindacato

La Vpod: ‘Flessibilità promessa ai giovani ma non ai lavoratori fissi’. L‘azienda: ‘Lo facciamo per sgravare i dipendenti’
Svizzera
1 gior

Lupo, Comm. Ambiente agli Stati è per l’abbattimento preventivo

Le popolazioni di lupi dovranno essere regolate per evitare danni o pericoli futuri. Lo sostiene il progetto approvato per 9 voti a 2
Svizzera
1 gior

Il coltellino svizzero celebra i suoi 125 anni

Il ‘coltello da ufficiale svizzero e sportivo’ è stato registrato da Karl Elsener, svittese fondatore di Victorinox, il 12 giugno del 1897
Svizzera
1 gior

Mussolini dottore honoris causa all’Unil: errore, ma no a revoca

L‘università di Losanna fa ammenda per il titolo concesso al Duce nel 1937, ma invece della revoca propone misure per una ‘politica basata sulla memoria’
Svizzera
1 gior

Processo FIFA: Jérôme Valcke condannato, Al-Khelaifi assolto

Nell’appello per la vicenda dei diritti tv, undici mesi sospesi all’ex segretario generale per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva
Svizzera
1 gior

Furti di cellulari: Ticino poco colpito, Ginevra invece in testa

I ladri agiscono principalmente in luglio e agosto e durante il weekend, lo evidenzia l’assicurazione Axa
Svizzera
1 gior

Falso poliziotto nei Grigioni: truffa da 65mila franchi

L’uomo è riuscito a farsi consegnare i soldi da una 76enne contattata per telefono. La somma sarebbe servita a evitare l’arresto (inventato) della figlia
Svizzera
2 gior

Libera circolazione, è scontro sui controlli

Critiche su controlli a condizioni di lavoro e salari da parte della vigilanza federale. Le associazioni sindacali e i padronati non ci stanno
Svizzera
2 gior

Oltre 600 condannati scontano la pena in strutture private

Nel marzo di quest’anno, sul totale di 6’945 persone condannate alla privazione della libertà, 633 erano in un istituto non penitenziario
Svizzera
2 gior

L’agricoltura svizzera verso un futuro sostenibile

Secondo il Consiglio federale, la Svizzera deve orientarsi verso alimenti più sani e ridurre gli sprechi
Svizzera
2 gior

Crescono le nascite in Svizzera, sempre di più le mamme over 30

Nel 2021 sono nati 89’600 bambini, il 3,4% in più rispetto all’anno precedente. Tre bambini su dieci sono figli di genitori non uniti in matrimonio
Svizzera
2 gior

Il divario salariale uomini-donne è sceso (di poco) nel 2021

Gli stipendi delle donne sono aumentati sia per il lavoro a tempo pieno che per quello parziale, mentre in alcuni casi sono calati quelli degli uomini
Svizzera
2 gior

Travail.Suisse: ‘Sostenere maggiormente chi ha redditi bassi’

L’organizzazione sindacale propone un piano di 18 misure per rafforzare il potere d’acquisto
Svizzera
2 gior

In Svizzera, le località top sono Zurigo e Ginevra

La città sulla Limmat si piazza al terzo posto fra quelle con la migliore qualità, quella sul Lemano al sesto. Davanti a tutti Vienna
Svizzera
2 gior

Personale di Swissport disdice il contratto collettivo di crisi

I sindacati: ‘È giunto il momento di tornare alle condizioni di lavoro abituali’. La società non avrebbe però intenzione di soddisfare le richieste
Svizzera
2 gior

Bimba di 4 anni muore dopo essere caduta in una piscina

L’incidente è avvenuto la scorsa settimana a Baar, nel canton Zugo. Le indagini proseguono per stabilire le circostanze esatte
Svizzera
2 gior

Multinazionali: si va verso un’imposta integrativa

Lo ha stabilito il Consiglio federale per rispettare gli impegni nei confronti dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e del G20
Svizzera
2 gior

Guerra, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata

Lo indica un sondaggio dell’istituto Link. La preoccupazione per un’escalation del conflitto in Ucraina rimane comunque alta
08.02.2022 - 05:30
Aggiornamento : 16:56

Da ‘no-vax’ a ‘no-media’, il passo è breve

Chi sta dietro il referendum contro gli aiuti ai media? Contiguità di pensiero (e non solo) tra paladini dei ‘media indipendenti’ e coronascettici

8 gennaio 2022: per le strade del centro di Zurigo sfilano più di mille persone contrarie alle misure anti-Covid. Ci sono anche decine di ‘Freiheitstrychler’ con i loro campanacci. I manifestanti inneggiano alla “libertà”, urlano contro le autorità, denunciano “le misure inutili”, mettono in guardia “contro la vaccinazione obbligatoria”. E se la prendono con “i media finanziati dallo Stato”. “Niente soldi delle imposte per la propaganda nazista. No alla legge sui media”, sta scritto su un cartello.

Da ‘no-vax’ a ‘no-media’, il passo è breve. C’è una contiguità di pensiero tra i ‘coronascettici’ che da parecchi mesi scendono in piazza per condannare il presunto obbligo vaccinale e coloro che oggi sparano a zero sul pacchetto di aiuti ai media in votazione tra pochi giorni. Negli ultimi due anni restrizioni, divieti e chiusure hanno fatto affiorare e poi esacerbato frustrazioni e riflessi anti-autoritari ben radicati anche nella società svizzera. A tratti la contestazione, dalle piazze ai social network, ha assunto toni virulenti. Bersaglio privilegiato, il Consiglio federale. Ma anche il cosiddetto ‘quarto potere’ è finito nel mirino di ‘no-vax’, ‘no-pass’, ‘no-mask’ e via dicendo. “Che i media siano manovrati da oscuri poteri, è una solida credenza nel campo dei cospirazionisti del coronavirus”, scrive la ‘Wochenzeitung’.

Amici della Costituzione, Mass-Voll e Alleanza d’azione dei cantoni primitivi sono usciti con le ossa rotte dalla seconda votazione sulla legge Covid a fine novembre. Adesso sentono il terreno sul quale hanno prosperato negli ultimi tempi franare sotto i piedi: la fase pandemica pare volgere al termine; e la revoca delle misure anti-Covid dovrebbe essere questione di settimane, se non di giorni. Alcuni di loro (Amici della Costituzione, Mass-Voll) sono in preda a conflitti interni e perdono pezzi; la neonata Aufrecht Schweiz tenta un difficile balzo alla politica istituzionale, presentando candidati alle elezioni comunali zurighesi e alle ‘cantonali’ a Nidvaldo e Berna. I principali gruppi e gruppuscoli dei ‘coronascettici’ vivono un momento delicato: anche per questo, al di là di qualche sporadico intervento, non si sono fatti notare nella combattuta campagna in corso tra fautori della ‘libertà d’opinione’ e fustigatori dei ‘media di Stato’.

Gli intrecci

Eppure tra loro e il comitato ‘No ai media finanziati dallo Stato’ c’è più di una semplice contiguità di pensiero. Sono stati gli Amici della Costituzione ad annunciare per primi, nel maggio del 2021, il lancio di un referendum contro il pacchetto che sarebbe stato approvato di lì a poco dal Parlamento. Nei mesi successivi, gli ‘Amici’ e altri gruppi più o meno rappresentativi di coronascettici raccoglieranno oltre 50mila firme, stando a ‘Republik’. Più del doppio (113mila) verranno consegnate alla Cancelleria federale dal comitato ‘No a media finanziati dallo Stato’, che a fine giugno aveva lanciato ufficialmente il referendum.

Il comitato – nel quale siede il co-presidente Mass-Voll Nicolas Rimoldi, tra i più attivi nella prima fase delle proteste anti-Covid – è un’invenzione di tre persone: il 67enne Bruno Hug, un editore ‘self-made man’; il 51enne Philipp Gut, per 13 anni – fino al dicembre 2019 – giornalista del settimanale di destra ‘Weltwoche’ e ormai specialista in comunicazione nonché editore dell’‘Umwelt Zeitung’; e il 66enne sangallese Peter Weigelt, 65enne ex consigliere nazionale Plr (1995-2006), anch’egli editore ed ex giornalista.

I tre hanno subito ricevuto man forte da una settantina di parlamentari ed ex parlamentari dei partiti borghesi. Per il ‘no’ si sono schierati alla spicciolata influenti consiglieri nazionali e ‘senatori’ di Udc (il presidente Marco Chiesa, Gregor Rutz, l’indipendente Thomas Minder, Roger Köppel, Franz Grüter ecc.), Plr (il presidente Thierry Burkart, Ruedi Noser, Marcel Dobler, Christian Wasserfallen, Jacqueline De Quattro ecc.) e Alleanza del Centro (Benedikt Würth, Philipp Kutter, Fabio Regazzi e Marco Romano, quest’ultimo membro di comitato della ‘Azione per la libertà dei media’, che negli ultimi anni per bocca di parlamentari come Nathalie Rickli, Gregor Rutz e Christian Wasserfallen non hanno mancato occasione per attaccare la Ssr). Della partita sono anche noti giornalisti vicini alla destra (lo stesso editore della ‘Weltwoche’ Roger Köppel, Alex Baur, Markus Somm, Peter Morf), così come editori della stampa gratuita e finanziatori di media che gravitano in quest’orbita politica. Ai vertici del comitato referendario troviamo ad esempio vecchi amici di Weigelt, come il banchiere Konrad Hummler, l’imprenditore Giorgio Behr o il giornalista Stefan Milius, giornalista del portale online ‘Die Ostschweiz’ di proprietà dello stesso Weigelt.

Scrive la ‘Nzz am Sonntag’: “Sono spesso le stesse persone, che ultimamente si sono associate anche in organizzazioni come Autonomiesuisse, Kompass Europa o Nebelspalter: senza patria politici tra il Plr e l’Udc. È una rete che è diventata nuovamente più forte da quando l’Udc, nell’era post-Blocher, e il Plr, in generale, cercano la loro posizione. La rete è estesa, con buone disponibilità finanziarie: in poche settimane il finanziamento del referendum era garantito”. E per i promotori del referendum, osserva la ‘Wochenzeitung’, “non si tratta soltanto del principio liberale secondo cui lo stato non deve sovvenzionare i media, bensì anche dei propri interessi finanziari e politici”.

Un trio

È stato Bruno Hug a dare il la, raccontano ‘Republik’ e ‘Wochenzeitung’. Ingegnere di formazione, il sangallese si è fatto da solo come editore. A 22 anni comincia a vendere inserzioni per conto della Nord-Ost Verlag di Wil. Tre anni dopo fonda il suo primo giornale gratuito: l’‘Uster Nachrichten’. Seguiranno altre testate (‘Obersee Nachrichten’; ‘Persönlich’, poi persönlich.com) e l’agenzia di comunicazione Denon. Adesso si scaglia contro i monopolisti del settore. Ma alla fine degli anni 90 non ha esitato a vendere i ‘gratuiti’ a Somedia. ‘Persönlich’ e Denon li ha ceduti invece a Publigroupe. Co-fondatore e co-proprietario della nota catena di pizzerie ‘Dieci’, oggi proprietario di Portal24, che gestisce una piattaforma di 17 portali online locali, Hug è rimasto fino al 2018 editore e caporedattore dell’‘Obersee Nachrichten’: dalle colonne del gratuito, usato anche per promuovere la sua candidatura a sindaco di Rapperswil, si è scagliato per anni con articoli controversi (forieri di grane legali) contro le autorità tutorie regionali.

Hug e Gut si incontrano nell’estate del 2020. Già allora parlano della futura legge sui media, che a quel momento ha vita dura in Parlamento. Il secondo ha lasciato la ‘Weltwoche’ da alcuni mesi. Nel frattempo ha fondato la sua agenzia di comunicazione. Questa – riferisce ‘Republik’, citando persone vicine all’ex giornalista – offre consulenza agli inesperti coronascettici, piazza per loro contenuti in esclusiva su diverse testate e riceve mandati dal segretariato generale dell’Udc e del Plr. È stato Gut, tra l’altro, a ‘scoprire’ e a rispolverare a fine 2021 il video, girato oltre un anno fa, in cui il Ceo di Ringier Marc Walder – favorevole al pacchetto di aiuti ai media – affermava di voler sostenere il Consiglio federale nella gestione della pandemia. Il tanto vituperato video è diventato uno dei cavalli di battaglia del comitato per il ‘no’, che vi vede confermate le sue tesi sulla mancanza di indipendenza delle testate che ricevono sovvenzioni.

L’amico banchiere

Un salto indietro: al giugno dello scorso anno, quando il pacchetto di aiuti ai media sta per essere confezionato in Parlamento. La campagna referendaria è dietro l’angolo. Hug e Gut contattano Peter Weigelt: è lui l’anello mancante.

Il sangallese conosce bene sia il mondo dei media, sia la Berna federale. Appassionato di caccia, è un ex politico ed ex giornalista, ha fondato o promosso progetti editoriali più o meno fortunati, è stato proprietario dell’agenzia di public relations Mediapolis. Dagli anni 80 Weigelt si è reso protagonista di un paio di avventure politico-editoriali assieme al suo amico Konrad Hummler, banchiere multimilionario oggi a capo del Cda della rivista satirica ‘Nebelspalter’ (il cui caporedattore è Markus Somm, ex direttore ed editore della ‘Basler Zeitung’ nonché biografo di Christoph Blocher): la ‘Aktion für freie Meinungsbildung’ (Azione per la libera formazione dell’opinione), che durante la Guerra fredda con regolari, provocatorie inserzioni nei quotidiani attaccava – in chiave nazionalista e anti-comunista – obiettori di coscienza, stranieri e Comunità europea; e un’iniziativa popolare per abolire il canone radiotelevisivo, abortita nel 1994 allo stadio della raccolta delle firme.

Il milionario Weigelt oggi è uno degli otto investitori (sugli altri sette, interpellato da ‘Republik’, tace) del portale online ‘Die Ostschweiz’, di cui è pure presidente del Cda. Durante la pandemia il portale ha ospitato numerosi – e ben cliccati – contributi redatti da oppositori delle misure anti-Covid. In uno di questi, la politica del Consiglio federale in materia di vaccinazioni viene paragonata a un tentativo di genocidio. Weigelt è costretto a scusarsi pubblicamente. Alla fine del 2021 il Cda, assieme alla redazione, decide di “chiudere a chiave” il tema coronavirus. Meglio non parlarne. Anche perché nel frattempo un nuovo nemico era già stato trovato: dallo Stato ai ‘media finanziati dallo Stato’, il passo è breve.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti bruno hug media peter weigelt philipp gut promotori referendum votazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved