discriminazione-razziale-condannato-granconsigliere-basilese
Keystone
Già condannato per minaccia, ripetuta corruzione elettorale e frode elettorale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
8 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
13 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
13 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
14 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
1 gior

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
04.02.2022 - 19:20
Ats, a cura de laRegione

Discriminazione razziale, condannato granconsigliere basilese

Pena pecuniaria sospesa per Eric Weber, che ha pure ingiuriato e diffamato tre politiche dell’area rosso-verde

Basilea – Il granconsigliere basilese di estrema destra Eric Weber oggi è stato riconosciuto colpevole, da parte del Tribunale penale di Basilea, di ripetuta discriminazione razziale, ingiuria e diffamazione. Il politico è stato condannato a una pena pecuniaria sospesa per tre anni di 180 aliquote giornaliere da 25 franchi per alcuni video controversi.

Inoltre, i giudici renani hanno stabilito che l’uomo dovrà versare a tre querelanti privati – la consigliera nazionale Sibel Arslan (Verdi/Bs) e due granconsigliere dell’area rosso-verde, che si erano sentite denigrate dalle parole di Weber – un risarcimento che va da 1’300 a 2’000 franchi a persona.

Vicino a una nuova diffamazione

Weber era accusato di diverse azioni compiute negli scorsi mesi, fra cui un video offensivo, pubblicato nel febbraio 2021, nei confronti della consigliera nazionale di origine turca.

Il Ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 40 giorni – senza la condizionale – per discriminazione razziale e una pena pecuniaria di 70 aliquote giornaliere di 30 franchi per diffamazione. I due avvocati dei querelanti privati hanno dal canto loro chiesto un risarcimento supplementare tra i 2’000 e i 5’000 franchi a persona.

Weber, durante il processo, si è ripetutamente perso in confuse divagazioni nelle sue dichiarazioni, alcune delle quali – ha rilevato il giudice unico – hanno rasentato una nuova diffamazione. A suo avviso, però, le accuse mosse nei suoi confronti sono puramente motivate da ragioni politiche.

Condanne precedenti

Non è la prima volta che Weber ha a che fare con la giustizia. Il granconsigliere di estrema destra si era reso colpevole di frode elettorale nel 2012 e aveva subito una condanna a 280 ore di lavori di pubblica utilità. Era stato riconosciuto colpevole dal Tribunale d’appello per aver costretto una donna, che aveva già votato, a procurarsi con un falso pretesto un secondo materiale di voto e a votare per lui. Il granconsigliere aveva poi provveduto di persona a spedire la busta elettorale.

Ex membro dell’Azione nazionale e deputato in Gran Consiglio dal 1984 al 1992, Weber era già stato condannato nel 2008 a una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere da 30 franchi l’una con un periodo di prova di tre anni per minaccia, ripetuta corruzione elettorale e frode elettorale, reati commessi prima delle elezioni cantonali del 2004 in cui si era presentato sulla lista dei Democratici svizzeri (il partito erede dell’Azione nazionale). Nel 2012 era stato rieletto in Gran Consiglio, ma aveva perso il proprio seggio in occasione del rinnovo del parlamento nel 2016.

Nel 2020 è stato rieletto nel Parlamento cantonale per il partito “Volks-Aktion gegen zu viele Ausländer und Asylanten in unserer Heimat”, che letteralmente significa “Azione popolare contro i troppi stranieri e richiedenti asilo nella nostra patria”. Lo scorso anno, in parte a causa dei suoi controversi video, è stato escluso dal tradizionale viaggio del Gran Consiglio renano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condannato diffamazione discriminazione razziale eric weber sibel arslan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved