uber-e-datore-di-lavoro-deve-pagare-i-contributi
App Uber in azione a Zurigo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
34 min

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
1 ora

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
2 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
2 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
3 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
4 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
4 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
6 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
6 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
06.01.2022 - 18:26
Aggiornamento : 18:43

Uber è datore di lavoro, deve pagare i contributi

Lo dicono diverse sentenze – non ancora definitive – del Tribunale delle assicurazioni sociali del Canton Zurigo

Ats, a cura de laRegione

Tra Uber e i suoi autisti esiste un rapporto di lavoro e l’azienda è quindi tenuta a pagare i contributi sociali. Lo dicono diverse sentenze – non ancora definitive – del Tribunale delle assicurazioni sociali del Canton Zurigo.

Le sentenze, contro le quali Uber ha già annunciato ricorsi al Tribunale federale, si riferiscono tutte a casi che risalgono al 2014. Nel 2019, l’assicurazione contro gli infortuni Suva e l’Istituto delle assicurazioni sociali del Canton di Zurigo (Sva) avevano classificato i conducenti di Uber come dipendenti.

La Sva aveva quindi chiesto a Uber, o a una sua filiale, di pagare 4,3 milioni di franchi di contributi sociali, più gli interessi di mora di quasi 1 milione di franchi maturati dal 2014.

Il servizio di trasporto privato attivo a livello mondiale si era in seguito rivolto al Tribunale, sostenendo che la sua attività non può essere equiparata a quella di una centrale di taxi. Il software di Uber rappresenta un semplice servizio che mette in contatto due persone: un autista e un passeggero. Gli autisti che lavorano attraverso la sua applicazione andrebbero perciò considerati come lavoratori autonomi.

Non semplici raccomandazioni, ma istruzioni di lavoro

Nelle sentenze pubblicate oggi, il tribunale zurighese delle assicurazioni sociali arriva però alla conclusione che anche se alcuni elementi – come la flessibilità del tempo di lavoro – parlano a favore del lavoro autonomo, la maggior parte degli aspetti presi in considerazione “indica chiaramente che si tratta di lavoro dipendente”.

Anche se Uber nei sui contratti descrive molti requisiti come semplici “raccomandazioni”, queste hanno il carattere di vere e proprie istruzioni. Un autista è ad esempio autorizzato a modificare le raccomandazioni sulle tariffe, ma soltanto riducendole, ossia a sue spese. Ciò rappresenta “di fatto l’esercizio del diritto di dare istruzioni” e comporta in altre parole un rapporto di subordinazione, ha sentenziato il tribunale.

Anche per quanto riguarda il rischio imprenditoriale, il tribunale ritiene che ci sia un rapporto di dipendenza verso gli autisti. Questi ultimi non acquisiscono direttamente i passeggeri, ma se li vedono assegnati attraverso l’app di Uber. Stesso discorso per i passeggeri, che non prenotano una corsa presso un autista in particolare, ma presso Uber.

Uber annuncia ricorsi al Tribunale federale

In una presa di posizione fatta pervenire e Keystone-Ats, Uber ha annunciato ricorsi al Tribunale federale. Le decisioni del tribunale zurighese – si legge nella nota – ignorano il fatto che gli autisti di Uber in Svizzera non sottostanno a obblighi di lavoro e che la grande maggioranza di loro vuole rimanere indipendente.

Il tribunale avrebbe inoltre ignorato “che Uber ha apportato numerosi cambiamenti dal 2014 per rafforzare ulteriormente la libertà di scelta e l’autonomia dei conducenti indipendenti che utilizzano l’app”. Il sindacato Unia ha nel frattempo esortato Uber a rinunciare ai ricorsi e ad assumere correttamente i suoi lavoratori. Alla luce delle sentenze, gli autisti sono “di fatto impiegati in nero”, scrive il sindacato in una nota.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assicurazioni contributi lavoro ricorsi tribunale uber zurigo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved