Seattle Kraken
4
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 1-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
1
1. tempo
(1-1)
coronavirus-primo-caso-di-triage-in-cure-intense
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Aiuti ai media, delegati di Pvl e Centro contro i presidenti

Alle assemblee online maggioranze piuttosto risicate a favore del pacchetto in votazione il 13 febbraio
Svizzera
12 ore

Horizon Europe, nuovo appello al Consiglio federale

Dal mondo della ricerca e dell’economia una risoluzione urgente all’esecutivo. Le conseguenze dell’esclusione della Svizzera cominciano a farsi sentire
Svizzera
17 ore

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
17 ore

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
Svizzera
19 ore

Contanti meno usati: un bancomat su due è destinato a sparire

A dirlo è il presidente della direzione di SIX Group, la società finanziaria che gestisce la borsa di Zurigo e il traffico dei pagamenti in Svizzera
Svizzera
19 ore

Misure statali anti-Covid presto non più necessarie

Secondo l’epidemiologo ed ex membro della task force federale Marcel Tanner con l’arrivo dell’estate mascherine e test potrebbero diventare facoltativi
Svizzera
1 gior

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
1 gior

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
1 gior

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
1 gior

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
05.12.2021 - 14:020
Aggiornamento : 17:44

Coronavirus: primo caso di triage in cure intense

Il caso è quello di un malato di Covid e di tumore che, col suo consenso, questa settimana non ha avuto accesso alle terapie intensive nel Canton Argovia

Il triage di pazienti in cure intense, su cui gli esperti hanno messo in guardia da novembre, è diventato realtà in Svizzera. Il SonntagsBlick di oggi rivela il caso di un malato di Covid-19 e di tumore che, con il suo consenso, questa settimana non ha avuto accesso alle terapie intensive nel Canton Argovia.

“Abbiamo già operato un triage”, ha detto al domenicale Christian Frey, vicecapo delle cure intense alla clinica Hirslanden di Aarau, presentando il caso del malato di cancro. “Se i casi di Covid-19 aumenteranno, cresceranno pure gli episodi di cernita” dei pazienti.

Contro il rischio di razionamento delle cure aveva già messo in guardia in novembre, tra gli altri, la presidente della Task Force scientifica della Confederazione Tanja Stadler.

Ospedali pieni

L’occupazione dei letti in cure intense è di assoluta attualità. In tutto il Canton Zurigo ad esempio non vi è più un solo posto libero nelle terapie intensive. Ieri il Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) a Losanna ha qualificato la situazione come “preoccupante”. “L’ospedale è pieno”, ha indicato il direttore Philippe Eckert in un’intervista pubblicata da 24 Heures, precisando che nuovi letti di terapia intensiva saranno aggiunti la prossima settimana. In caso di penuria di posti, finora i pazienti sono stati trasferiti in altri nosocomi.

Il triage dei pazienti è una pratica generalmente riservata a contesti di guerra e catastrofe, quando le risorse mediche scarseggiano per tutti i bisognosi di cure. Nel corso della prima ondata pandemica l’Accademia svizzera delle scienze mediche (ASSM) e la Società svizzera di medicina intensiva (SSMI) avevano pubblicato linee guida comuni – che integravano altre direttive già esistenti – per le decisioni riguardanti il triage dei pazienti in terapia intensiva.

Manca personale

Ridotto all’osso, il documento dice che il fattore decisivo per rifiutare l’accesso alla terapia intensiva – indipendentemente dall’origine del problema di salute, sia esso il coronavirus o no – è la pessima prognosi a breve termine, come spiega al SonntagsBlick Miodrag Filipovic, membro della direzione della SSMI e responsabile delle terapie intensive all’ospedale cantonale di San Gallo.

Nell’ultima grande ondata pandemica di un anno fa i ricoveri in ospedale erano molto maggiori rispetto ad ora. Come mai non ci fu razionamento delle cure in quell’occasione e invece c’è ora? “La ragione è la mancanza di personale”, logorato da due anni di lavoro intenso, spiega al giornale Yvonne Ribi, direttrice dell’Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri (ASI). La constatazione è la stessa al CHUV: Eckert fa riferimento all’esaurimento del personale e al fatto che un certo numero di dipendenti sia affetto da Covid-19.

Misure attuali insufficienti

E la situazione rischia di peggiorare con l’inizio della stagione turistica invernale. Gli incidenti sulle piste da sci già in novembre hanno comportato un’occupazione delle terapie intensive al 40-60% all’ospedale cantonale retico a Coira, ha ricordato al domenicale Thomas Fehr, responsabile della medicina interna e direttore medico del nosocomio.

Per Olivia Keiser, epidemiologa all’Università di Ginevra, “le misure attuali non bastano”. La situazione negli ospedali è il solo criterio considerato dalla politica, ma “ora che i nosocomi sono sovraccaricati, si è fatto troppo poco”.

Per Frey, della clinica Hirslanden di Aarau, non ci sono alternative alla vaccinazione. Il medico fa notare che “tutti i pazienti malati di Covid-19 in cure intense non hanno ricevuto il siero”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved