Svizzera
Biodiversità: l’uccello del 2022 è l’allodola
Presente per secoli nei paesaggi agricoli aperti, è diventata sempre meno comune ed è minacciata dalla progressiva industrializzazione dell’agricoltura
Uno dei migliori e più resistenti canterini
25 novembre 2021
|

L’allodola è l’uccello dell’anno 2022. Presente per secoli nei paesaggi agricoli aperti, è diventata sempre meno comune ed è seriamente minacciata dalla progressiva industrializzazione dell’agricoltura. Come rappresentante delle numerose specie in pericolo delle zone agricole, dimostra la necessità di un urgente riorientamento della politica agricola a livello nazionale, indica BirdLife Svizzera. L’associazione ha quindi scelto questa specie come uccello dell’anno 2022.

L’allodola è uno dei migliori e più resistenti canterini tra quelli appartenenti alla nostra avifauna; il maschio, con il suo talento canoro, cerca di conquistare la femmina. Nidifica a terra, nei prati e nei campi. Già in aprile le femmine depongono da quattro a cinque uova, che si schiudono dopo circa 12 giorni. I piccoli abbandonano poi il nido dopo altri 7-12 giorni, un tempo brevissimo che costituisce un record tra i nostri passeriformi. Ma neppure questo straordinario adattamento è sufficiente per una nidificazione di successo. L’allodola non trova più né un luogo sicuro per nidificare né insetti e aracnidi sufficienti come cibo. BirdLife, infatti, precisa che i prati sono troppo concimati e falciati fino a sette volte all’anno, con la conseguenza che solo poche piante da fiore e pochi insetti possono sopravvivere.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE