sessione-delle-donne-si-chiude-con-23-petizioni
30.10.2021 - 17:50
Ats, a cura de laRegione

Sessione delle donne si chiude con 23 petizioni

I temi spaziano dalla parità dei diritti in ambito lavorativo a una migliore protezione dalla violenza

Si è conclusa oggi la Sessione delle donne, la seconda nella storia della Svizzera dopo quella del 1991. Nei due giorni di lavori le 246 partecipanti hanno discusso 70 questioni e, al termine, varato 23 petizioni indirizzate alle Camere federali.

Queste spaziano dalla parità dei diritti in ambito lavorativo - inclusi parità salariale, tassazione individuale, congedi parentali e fondi per il finanziamento dell’infrastruttura per la custodia extrafamiliare dei bambini - e nella terza età, a un maggiore riconoscimento del lavoro di custodia dei figli, una migliore protezione delle donne dalla violenza - inclusa la revisione del diritto penale sessuale e nuove campagne di prevenzione - alla revisione del diritto matrimoniale e successorio per le contadine, a un programma contro la discriminazione nel settore della sanità, così come alla promozione delle donne e alla parità di diritti in ambito accademico e nei mestieri in campo scientifico, matematico, informatico e tecnico.

Le richieste mostrano soluzioni per le esigenze politiche più importanti e urgenti per le donne in Svizzera e hanno il potenziale di influenzare profondamente nei prossimi anni non solo la politica di equiparazione dei sessi, ma anche quelle relative al mercato del lavoro, delle assicurazioni sociali, della sanità, della sicurezza e della scienza, afferma Alliance F, l’organismo che riunisce le organizzazioni femminili elvetiche, in una nota diramata al termine dei lavori.

Durante la Sessione sono stati tenuti una cinquantina di discorsi, oltre a quelli delle consigliere federali Karin Keller-Sutter, Simonetta Sommaruga e Viola Amherd.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donne parità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved