BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
4
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 0-1)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
certificato-covid-sulle-piste-da-sci-dubbi-sulla-fattibilita
Keystone
Occhi puntati sull’imminente stagione invernale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Confermati i primi casi di variante Omicron in Svizzera

L’Ufficio federale della sanità pubblica annuncia che sono due le persone ad averla contratta
Svizzera
9 ore

Boom di vaccinazioni nel Giura: chiesto aiuto all’esercito

Le autorità cantonali scrivono alla Confederazione al fine di poter beneficiare dei militari per aumentare le proprie capacità di somministrazione
Svizzera
11 ore

Salta la festa di Cassis per la prevista elezione a presidente

Le celebrazioni, posticipate all’estate 2022, avrebbero dovuto tenersi in Ticino il prossimo 16 dicembre
Svizzera
11 ore

Stretta su Covid pass e mascherine, Berna vara nuove misure

Si profila l’estensione dell’obbligo del certificato e la limitazione della validità dei test. Valutati pure tre scenari sul posto di lavoro
Svizzera
12 ore

Anche a Lucerna bagni unisex in scuole e impianti sportivi

Meno di due settimane fa ne avevano annunciato l’installazione il Politecnico federale e l’Università di Losanna
Svizzera
13 ore

Il Tf: ritirata a un medico la licenza di prescrivere metadone

La dottoressa zurighese aveva venduto farmaci sottoposti a prescrizione a tossicodipendenti pur non essendo autorizzata alla vendita
Svizzera
13 ore

Misure anti-Covid alla Posta: da domani mascherina e telelavoro

Ammesse solo cinque persone per le riunioni fisiche, annullati gli eventi di fine anno. La mascherina sarà indossata anche da seduti al posto di lavoro
Svizzera
13 ore

Aeroporto di Zurigo, aumenta la droga scoperta

Anche 90 kg in un giorno. La maggior parte delle spedizioni intercettate proviene dal Sudafrica ed è destinata al Regno Unito
Svizzera
14 ore

In Svizzera sempre più pazienti Covid in cure intense

Il 26,50% dei letti in cure intense è occupato da pazienti Covid
Svizzera
15 ore

Gli Stati aumentano di 235 milioni le uscite nel preventivo 2022

La Camera alta ha approvato il preventivo con 39 preferenze a 5. Il Nazionale si occuperà del dossier domani
Svizzera
18.10.2021 - 16:290
Aggiornamento : 16:47

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna

a cura de laRegione

Zurigo – Nulla è ancora stato deciso in merito all’eventuale obbligo di un certificato Covid sulle piste da sci e gli operatori del settore appaiono in fermento: a far discutere è in particolare l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna.

“Abbiamo bisogno di certezza nella pianificazione”, afferma Mario Bislin, Ceo di Bergbahnen Flumserberg, gli impianti del vasto comprensorio che si affaccia sul Walensee, in dichiarazioni riportate dalla Neue Zürcher Zeitung (NZZ). “Dopotutto vogliamo poter dire ai nostri ospiti in modo concreto come devono comportarsi dentro e fuori le piste”.

Una questione delicata

Sul tema sono in corso trattative fra l’associazione di categoria Funivie svizzera e l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). La questione viene ritenuta delicata, tanto più che l’Austria ha ad esempio già introdotto la regola del 3G (dal tedesco geimpft, genesen, getestet: cioè vaccinato, guarito, testato), oltre che per ristoranti e alberghi, anche sulle piste, con in più la mascherina FFP2 negli impianti di risalita chiusi. La Svizzera aveva già agito da cavaliere solitario l’inverno scorso, tenendo aperto mentre altri, in Europa, chiudevano.

Bislin ha però una opinione netta. “L’obbligo del certificato non ha senso, perché non porta a niente”. A suo avviso gli operatori hanno già dimostrato nella stagione 2020/21 che possono garantire ai loro ospiti un divertimento invernale sicuro. “Contrariamente a tutti i timori, nessuna stazione sciistica in Svizzera è diventata un focolaio di coronavirus”, osserva Bislin.

Fideris caso isolato

Come noto una località ha già deciso - fin dallo scorso agosto - di passare al regime 3G: si tratta di Fideris, nei Grigioni. “Volevamo creare una sicurezza di pianificazione per i nostri ospiti e il personale il più rapidamente possibile”, spiega alla NZZ il manager Henrik Vetsch.

Stando al quotidiano zurighese non è però un caso che l’esempio di Fideris, che ha un unico accesso, non sia stato seguito da altri. La situazione geografica in altre località di sport invernali è infatti molto più complicata: le piste possono essere raggiunte attraverso gli impianti di risalita, dall’hotel, dall’appartamento di vacanza o da strade e sentieri escursionistici. “Il rispetto dell’obbligo del certificato non è assolutamente controllabile”, sostiene Bislin. Sul Flumserberg vi sono dieci punti di accesso: senza ausili elettronici sarebbero quindi necessari da 20 a 30 dipendenti per controllare i pass.

Decisione nelle prossime settimane

Bislin si appella di conseguenza al Consiglio federale chiedendo che mostri tatto in una questione ritenuta estremamente importante per il turismo. “È brutalmente contraddittorio quando l’obbligo del certificato non è considerato un tema sul trasporto pubblico, caratterizzato spesso da spazi ristretti, e allo stesso tempo si discute del requisito per le attività all’aperto”, osserva.

Stando alla NZZ la decisione del governo, attesa nelle prossime settimane, farà di nuovo notizia anche oltre i confini nazionali: se non dovesse essere introdotto l’obbligo la Confederazione potrebbe tornare infatti ad essere un’isola con meno restrizioni rispetto agli altri Paesi alpini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved