Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
il-consiglio-degli-stati-vuole-abolire-il-valore-locativo
Keystone
Ennesimo tentativo di abolire il valore locativo
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
6 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
6 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
9 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
9 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
10 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
11 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
12 ore

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
13 ore

Due bambini muoiono in incendio nel canton Berna

Il rogo in una casa di Leuzigen, nel Seeland Bernese
Svizzera
14 ore

Sempre più vicina la terza dose in Svizzera

Il processo di approvazione da parte di Swissmedic sarebbe ‘nelle fasi finali’. Attualmente si stanno studiando i dati forniti da Pfizer e Moderna
Svizzera
1 gior

Parmelin invita a prepararsi a penuria di elettricità

Il ministro dell’economia: ‘Oltre alla pandemia, una carenza di energia è la più grande minaccia per l’approvvigionamento della Svizzera’
Svizzera
1 gior

Uri, auto contro camper sulla Axenstrasse. Cinque feriti

I contusi sono stati trasportati negli ospedali circostanti con un elicottero e con diverse ambulanze
Svizzera
1 gior

Berset e Ministero pubblico sollevati dalle accuse

È quanto avrebbe stabilito, stando alla ‘SonntagsZeitung’, l’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC)
Svizzera
1 gior

Situazione forniture: in Svizzera meglio che in Europa

Lo sostiene Rolf Galliker, presidente dell’omonima società di trasporti elvetica
Svizzera
1 gior

I presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro ‘sentite condoglianze’ alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
1 gior

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
1 gior

Vaud: 16enne morto in un incidente in moto a Bullet

Il ragazzo è deceduto sul posto, malgrado l’intervento dei soccorsi. È stata aperta un’inchiesta per determinare le circostanze del fatto
Svizzera
2 gior

Berna, sul lago di Bienne un motoscafo prende fuoco

I due occupanti - illesi - sono stati soccorsi da un equipaggio di un’altra imbarcazione
Svizzera
2 gior

Covid: la panne ha messo ‘k.o.’ soprattutto i pass esteri

La validità dei certificati svizzeri non è stata riconosciuta ieri sera fra le 19.30 e le 20.30, per i lasciapassare esteri invece fino alle 22.30
Svizzera
2 gior

Misure anti Covid, manifestazioni in varie città svizzere

Sabato di proteste a Baden, Rapperswil, Losanna, Berna. A Lugano il raduno ‘filosofia in piazza’ indetto dall’Associazione Amici della Costituzione
Svizzera
 
22.09.2021 - 07:460
Aggiornamento : 15:37

Il Consiglio degli Stati vuole abolire il valore locativo

Risicata maggioranza a favore della controversa imposta. Ma il progetto sembra un colosso dai piedi d’argilla. Domande e risposte per capire la posta in gioco

Valore locativo: che cos’è?

Un reddito ‘fittizio’, che i proprietari di una casa percepirebbero se affittassero l’immobile. Determinato dalle autorità fiscali cantonali, prende in considerazione criteri come la superficie abitativa, la posizione, l’anno di costruzione e il tipo di alloggio. Di regola, ammonta ad almeno il 60% del valore che si potrebbe ottenere se l’immobile fosse affittato. Lo stesso vale per le seconde case. Il valore locativo va ad aggiungersi agli altri redditi effettivamente percepiti dal contribuente, che dovrà così pagare più tasse.

Da dove viene?

La Confederazione lo inventò durante la Prima guerra mondiale, quale imposta ‘una tantum’ per compensare il crollo dei proventi dei dazi doganali dovuto agli eventi bellici. Poi però venne reintrodotto nel 1934, per risanare le finanze federali. Prolungato a più riprese, reso definitivo nel 1958, è diventato una peculiarità svizzera.

Che senso ha?

È un elemento di equità fiscale. Possedere un’abitazione è in molti casi più vantaggioso che prenderla in affitto. Aumentando l’onere fiscale su una parte dei proprietari di case, il valore locativo riequilibra una situazione generalmente sfavorevole agli inquilini, che non possono dedurre le spese dell’affitto nella dichiarazione d’imposta. D’altro canto, per compensare l’imposizione del valore locativo, i proprietari hanno il diritto di dedurre a livello federale e cantonale gli interessi sul debito ipotecario e le spese di manutenzione e ristrutturazione dell’immobile. Una possibilità di cui però non possono approfittare molti pensionati, che hanno visto il loro reddito calare dopo il pensionamento, che hanno minori possibilità di dedurre gli oneri ipotecari e che spesso rinunciano a costosi e impegnativi lavori di ristrutturazione della loro casa.

Perché un altro tentativo di abolirlo?

Il valore locativo è una spina nel fianco soprattutto per l’Associazione svizzera dei proprietari fondiari (Apf-Hev), che lo considera un’imposta arbitraria, penalizzante per i proprietari di case. Nell’ultimo quarto di secolo i tentativi di abolirlo sono stati diversi: sono tutti falliti in Parlamento (più volte) o in votazione popolare (due volte, l’ultima nel 2012). Con tassi d’interesse al ribasso, il valore locativo aumenta l’onere fiscale per i proprietari di abitazione (perché le deduzioni per interessi ipotecari sono meno sostanziose). È in questo contesto che nel gennaio del 2017 la Commissione economia e tributi del Consiglio degli Stati (Cet-S) ha rilanciato. Un progetto di legge preliminare, originato da una sua iniziativa parlamentare, è stato posto in consultazione nel 2019. Per quello definitivo – approvato dalla commissione lo scorso mese di maggio – si sono dovuti attendere altri due anni.

Cosa prevede il progetto?

La soppressione, tanto a livello federale quanto a livello cantonale, dell’imposizione del valore locativo per le prime case. Le residenze secondarie a uso proprio e i redditi da immobili locati o affittati dovranno per contro rimanere imponibili (Consiglio federale e una minoranza della Cet-S vorrebbero invece abolire il valore locativo anche per le seconde case). Quale contropartita, a livello federale non sarebbe più possibile dedurre gli interessi dei debiti ipotecari nonché le spese di manutenzione e riattazione.

Cos’ha deciso il Consiglio degli Stati?

Una risicata maggioranza del plenum (20 voti a 17 e 2 astenuti) ha sposato a grandi linee il progetto della commissione: l’imposizione del valore locativo va abolito per le prime case, ma non per le residenze secondarie. Su un aspetto rilevante, i ‘senatori’ hanno però seguito il Consiglio federale e la minoranza della commissione. La maggioranza della Cet-S proponeva una soppressione generalizzata della deduzione degli interessi sui debiti ipotecari, allo scopo di ridurre l’elevato indebitamento ipotecario privato. Il plenum (con 28 voti contro 15) ha voluto invece che gli interessi passivi possano continuare a essere deducibili quando sono qualificabili come costi di conseguimento, ovvero quando sono finalizzati al conseguimento di un reddito imponibile. Tali deduzioni saranno ancora possibili fino a concorrenza del 70% dei redditi da sostanza imponibili. Il Consiglio degli Stati ha anche accettato la proposta governativa di consentire fino al 2050 al più tardi la deduzione delle spese sostenute per misure di risparmio energetico.

Chi è a favore dell’abolizione? Chi è contrario?

La consultazione svolta nel 2019 ha fatto emergere “un quadro contraddittorio”, scrive il Consiglio federale. Per 21 Cantoni su 26 e la Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (Cdcf), la proposta di riforma è insoddisfacente rispetto allo status quo. Tra le associazioni mantello e le altre organizzazioni, favorevoli e contrari sono in equilibrio. Tra i partiti, a favore si sono espressi Pbd, Ppd (ora confluiti nell’Alleanza del Centro), Plr, Pvl e Udc. Contrari Verdi e Ps. Gli stessi fronti (Ps e Verdi da un lato; Plr, Udc e Centro dall’altro) si sono ricreati ieri durante il dibattito alla Camera dei Cantoni, dove la sinistra ha chiesto invano di non entrare in materia.

Perché abolire il valore locativo?

  • Tra le altre cose, perché rappresenta un relitto del passato e la sua esistenza è all’origine dell’eccessivo indebitamento degli svizzeri (il più alto in Europa), poiché i proprietari non vengono certo incoraggiati a ripianare l’ipoteca: abolirlo contribuirà quindi a ridurre l’indebitamento ipotecario delle economie domestiche (Pirmin Bischof, Centro/So);
  • Esiste solo in Svizzera e contraddice inoltre la Costituzione federale, che incoraggia la proprietà immobiliare (Brigitte Häberli-Koller, Centro/Tg, vicepresidente dell’Apf-Hev);
  • È percepito come un’ingiustizia, soprattutto quando la casa è pagata: la gente semplicemente non capisce questa tassa (Hannes Germann, Udc/Sh).

Perché mantenerlo?

  • Tra le altre cose, per non rafforzare i privilegi di cui godono i proprietari, soprattutto di quelli che non hanno più debiti e che negli ultimi anni hanno visto aumentare enormemente il valore dei rispettivi immobili (Paul Rechsteiner, Ps/Sg);
  • Per non privare l’erario di importanti entrate fiscali (Christian Levrat, Ps/Fr): con un tasso ipotecario dell’1,5% sono stimate perdite di 660 milioni di franchi per Confederazione, Cantoni e Comuni (1,66 miliardi con le proposte del Consiglio federale);
  • Il progetto – che Levrat ha definito «un bricolage legislativo portato avanti su pressione delle lobby» – non ha alcuna chance di essere approvato in votazione popolare, ammesso (e non concesso) che vi arrivi.

Come si va avanti?

Il dossier va al Nazionale. Ma la strada è lunga e tutta in salita. Se il progetto non naufragherà in Parlamento, ipotesi tutt’altro che remota, il referendum è cosa praticamente certa. Le prospettive di successo alle urne: scarse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved