il-consiglio-degli-stati-vuole-abolire-il-valore-locativo
Keystone
Ennesimo tentativo di abolire il valore locativo
ULTIME NOTIZIE Svizzera
rocco cattaneo
3 ore

Dal petrolio al sole: Rocco Cattaneo si illumina

Il consigliere nazionale Plr, ex amministratore delegato di City Carburoil, racconta la sua svolta verde. E spiega la sua mozione sulle discariche solari.
Svizzera
12 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
16 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
17 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
17 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
18 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
19 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
20 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
21 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
21 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
22 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
1 gior

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
1 gior

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
1 gior

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
1 gior

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
1 gior

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
1 gior

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
1 gior

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
1 gior

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
laR
 
22.09.2021 - 07:46
Aggiornamento : 15:37

Il Consiglio degli Stati vuole abolire il valore locativo

Risicata maggioranza a favore della controversa imposta. Ma il progetto sembra un colosso dai piedi d’argilla. Domande e risposte per capire la posta in gioco

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Valore locativo: che cos’è?

Un reddito ‘fittizio’, che i proprietari di una casa percepirebbero se affittassero l’immobile. Determinato dalle autorità fiscali cantonali, prende in considerazione criteri come la superficie abitativa, la posizione, l’anno di costruzione e il tipo di alloggio. Di regola, ammonta ad almeno il 60% del valore che si potrebbe ottenere se l’immobile fosse affittato. Lo stesso vale per le seconde case. Il valore locativo va ad aggiungersi agli altri redditi effettivamente percepiti dal contribuente, che dovrà così pagare più tasse.

Da dove viene?

La Confederazione lo inventò durante la Prima guerra mondiale, quale imposta ‘una tantum’ per compensare il crollo dei proventi dei dazi doganali dovuto agli eventi bellici. Poi però venne reintrodotto nel 1934, per risanare le finanze federali. Prolungato a più riprese, reso definitivo nel 1958, è diventato una peculiarità svizzera.

Che senso ha?

È un elemento di equità fiscale. Possedere un’abitazione è in molti casi più vantaggioso che prenderla in affitto. Aumentando l’onere fiscale su una parte dei proprietari di case, il valore locativo riequilibra una situazione generalmente sfavorevole agli inquilini, che non possono dedurre le spese dell’affitto nella dichiarazione d’imposta. D’altro canto, per compensare l’imposizione del valore locativo, i proprietari hanno il diritto di dedurre a livello federale e cantonale gli interessi sul debito ipotecario e le spese di manutenzione e ristrutturazione dell’immobile. Una possibilità di cui però non possono approfittare molti pensionati, che hanno visto il loro reddito calare dopo il pensionamento, che hanno minori possibilità di dedurre gli oneri ipotecari e che spesso rinunciano a costosi e impegnativi lavori di ristrutturazione della loro casa.

Perché un altro tentativo di abolirlo?

Il valore locativo è una spina nel fianco soprattutto per l’Associazione svizzera dei proprietari fondiari (Apf-Hev), che lo considera un’imposta arbitraria, penalizzante per i proprietari di case. Nell’ultimo quarto di secolo i tentativi di abolirlo sono stati diversi: sono tutti falliti in Parlamento (più volte) o in votazione popolare (due volte, l’ultima nel 2012). Con tassi d’interesse al ribasso, il valore locativo aumenta l’onere fiscale per i proprietari di abitazione (perché le deduzioni per interessi ipotecari sono meno sostanziose). È in questo contesto che nel gennaio del 2017 la Commissione economia e tributi del Consiglio degli Stati (Cet-S) ha rilanciato. Un progetto di legge preliminare, originato da una sua iniziativa parlamentare, è stato posto in consultazione nel 2019. Per quello definitivo – approvato dalla commissione lo scorso mese di maggio – si sono dovuti attendere altri due anni.

Cosa prevede il progetto?

La soppressione, tanto a livello federale quanto a livello cantonale, dell’imposizione del valore locativo per le prime case. Le residenze secondarie a uso proprio e i redditi da immobili locati o affittati dovranno per contro rimanere imponibili (Consiglio federale e una minoranza della Cet-S vorrebbero invece abolire il valore locativo anche per le seconde case). Quale contropartita, a livello federale non sarebbe più possibile dedurre gli interessi dei debiti ipotecari nonché le spese di manutenzione e riattazione.

Cos’ha deciso il Consiglio degli Stati?

Una risicata maggioranza del plenum (20 voti a 17 e 2 astenuti) ha sposato a grandi linee il progetto della commissione: l’imposizione del valore locativo va abolito per le prime case, ma non per le residenze secondarie. Su un aspetto rilevante, i ‘senatori’ hanno però seguito il Consiglio federale e la minoranza della commissione. La maggioranza della Cet-S proponeva una soppressione generalizzata della deduzione degli interessi sui debiti ipotecari, allo scopo di ridurre l’elevato indebitamento ipotecario privato. Il plenum (con 28 voti contro 15) ha voluto invece che gli interessi passivi possano continuare a essere deducibili quando sono qualificabili come costi di conseguimento, ovvero quando sono finalizzati al conseguimento di un reddito imponibile. Tali deduzioni saranno ancora possibili fino a concorrenza del 70% dei redditi da sostanza imponibili. Il Consiglio degli Stati ha anche accettato la proposta governativa di consentire fino al 2050 al più tardi la deduzione delle spese sostenute per misure di risparmio energetico.

Chi è a favore dell’abolizione? Chi è contrario?

La consultazione svolta nel 2019 ha fatto emergere “un quadro contraddittorio”, scrive il Consiglio federale. Per 21 Cantoni su 26 e la Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (Cdcf), la proposta di riforma è insoddisfacente rispetto allo status quo. Tra le associazioni mantello e le altre organizzazioni, favorevoli e contrari sono in equilibrio. Tra i partiti, a favore si sono espressi Pbd, Ppd (ora confluiti nell’Alleanza del Centro), Plr, Pvl e Udc. Contrari Verdi e Ps. Gli stessi fronti (Ps e Verdi da un lato; Plr, Udc e Centro dall’altro) si sono ricreati ieri durante il dibattito alla Camera dei Cantoni, dove la sinistra ha chiesto invano di non entrare in materia.

Perché abolire il valore locativo?

  • Tra le altre cose, perché rappresenta un relitto del passato e la sua esistenza è all’origine dell’eccessivo indebitamento degli svizzeri (il più alto in Europa), poiché i proprietari non vengono certo incoraggiati a ripianare l’ipoteca: abolirlo contribuirà quindi a ridurre l’indebitamento ipotecario delle economie domestiche (Pirmin Bischof, Centro/So);
  • Esiste solo in Svizzera e contraddice inoltre la Costituzione federale, che incoraggia la proprietà immobiliare (Brigitte Häberli-Koller, Centro/Tg, vicepresidente dell’Apf-Hev);
  • È percepito come un’ingiustizia, soprattutto quando la casa è pagata: la gente semplicemente non capisce questa tassa (Hannes Germann, Udc/Sh).

Perché mantenerlo?

  • Tra le altre cose, per non rafforzare i privilegi di cui godono i proprietari, soprattutto di quelli che non hanno più debiti e che negli ultimi anni hanno visto aumentare enormemente il valore dei rispettivi immobili (Paul Rechsteiner, Ps/Sg);
  • Per non privare l’erario di importanti entrate fiscali (Christian Levrat, Ps/Fr): con un tasso ipotecario dell’1,5% sono stimate perdite di 660 milioni di franchi per Confederazione, Cantoni e Comuni (1,66 miliardi con le proposte del Consiglio federale);
  • Il progetto – che Levrat ha definito «un bricolage legislativo portato avanti su pressione delle lobby» – non ha alcuna chance di essere approvato in votazione popolare, ammesso (e non concesso) che vi arrivi.

Come si va avanti?

Il dossier va al Nazionale. Ma la strada è lunga e tutta in salita. Se il progetto non naufragherà in Parlamento, ipotesi tutt’altro che remota, il referendum è cosa praticamente certa. Le prospettive di successo alle urne: scarse.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abolizione case consiglio degli stati progetto proprietari valore locativo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved