nessun-tetto-salariale-nelle-aziende-della-confederazione
Keystone
Schaeppi (Swisscom), 1,83 milioni nel 2019
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo

La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale
Svizzera
5 ore

Cancellato il Salone dell’Auto di Ginevra del 2023

Gli organizzatori motivano la decisione con le incertezze dell’economia globale e della geopolitica
Svizzera
5 ore

Locale ‘no Covid pass’ chiuso, il Cantone ha agito correttamente

Respinto dal Tribunale cantonale il ricorso dei gerenti del Walliserkanne di Zermatt, chiuso per il rifiuto di controllare il certificato Covid ai clienti
Svizzera
7 ore

I paradisi per pensionati svizzeri? Canada e Australia

La maggior parte degli svizzeri trascorre in patria la propria pensione, ma alcuni sono attratti da altri Paesi per godersi il meritato riposo
Svizzera
8 ore

Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni

La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
8 ore

Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone

L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
9 ore

Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi

A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
9 ore

69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie

In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
9 ore

Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid

Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
10 ore

Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze

Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
11 ore

Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole

Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
11 ore

La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio

La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
16.09.2021 - 16:00
Aggiornamento: 17:02

Nessun tetto salariale nelle aziende della Confederazione

Un’iniziativa parlamentare vuole limitare a un milione le retribuzioni ai vertici di imprese statali e parastatali. I ‘senatori’ non entrano in materia

Berna – L’idea di porre un tetto massimo di un milione di franchi alle remunerazioni dei manager di imprese parastatali o statali (come la Posta, le Ffs o Swisscom) rischia di generare falsi incentivi. È quanto crede il Consiglio degli Stati che ha respinto per 19 voti a 12 l’entrata in materia su un progetto di legge frutto di un’iniziativa parlamentare dell’ex consigliera nazionale Susanne Leutenegger Oberholzer (Ps/BL), secondo cui un manager non dovrebbe guadagnare più di un consigliere federale.

I “senatori” hanno quindi seguito la raccomandazione della loro commissione preparatoria. Stando alla maggioranza, i quadri delle imprese interessate, come Ffs, Ruag, Skyguide, Suva, Ssr, La Posta e anche Swisscom, sono attualmente remunerati in modo molto differenziato; l’introduzione di un limite massimo potrebbe essere interpretata anche come la necessità di aumentare i salari in determinate aziende.

Preservare il margine di manovra

Per i “senatori”, inoltre, un disciplinamento differenziato per ciascuna azienda sarebbe tuttavia difficile da attuare. Se i tetti massimi fossero stabiliti sulla base delle attuali retribuzioni, non sarebbe più possibile rispondere in modo dinamico agli sviluppi. In materia di remunerazioni, il Consiglio federale deve continuare a disporre dei necessari margini di manovra.

In ogni caso, in materia di salari dei manager delle aziende parastatali, negli ultimi anni il Consiglio federale ha praticato una politica salariale all’insegna della moderazione: i salari non sono stati aumentati e talvolta sono stati perfino diminuiti.

Non siamo nel privato

Per i sostenitori del progetto di legge, invece, certi salari versati ai quadri di aziende parastatali o statali non si giustificano, specie se devono assolvere a un mandato pubblico, tanto più che operano perlopiù in un regime di monopolio e vengono finanziati dallo Stato. È giusto insomma che il parlamento possa dire la sua.

Si tratta anche di frenare un’evoluzione verso l’alto per certi versi simile a quella che caratterizza il settore privato. Anche con un tetto massimo di un milione, una remunerazione che molti quadri di imprese elvetiche possono solo sognare, non dovrebbe essere difficile per la Confederazione trovare personale qualificato. Trattandosi poi di aziende parastatali, la remunerazione dei quadri deve anche essere accettata dalla popolazione.

Il dossier ritorna alla Camera del popolo che aveva approvato in prima lettura nel marzo scorso il progetto di legge per 139 voti a 44. La revisione fissa a un milione di franchi la rimunerazione annua massima che può essere versata ai quadri di grado più elevato o ai membri dei Consigli d’amministrazione di sette grandi aziende della Confederazione, ossia Ffs, Ruag, Skyguide, Suva, Ssr, La Posta e anche Swisscom, benché quest’ultima azienda sia quotata in Borsa. Nel corso della discussione, il plenum aveva anche deciso di includere nella regolamentazione le altre imprese della Confederazione come Swissmedic o i Politecnici federali.

Più di un consigliere federale

Il termine “rimunerazione” contempla, oltre allo stipendio e agli onorari, tutte le prestazioni valutabili in denaro (prestazioni accessorie, previdenza professionale, per esempio). Circa le altre aziende e stabilimenti della Confederazione, la definizione dell’importo dev’essere di competenza del Consiglio federale. A ciò si aggiunge anche il divieto di versare indennità di partenza previsto nel progetto.

Un consigliere federale percepisce circa 445mila franchi lordi all’anno, a cui si aggiunge una somma forfettaria di 30mila franchi. Aggiungendo la rendita di previdenza e altre prestazioni, si arriva a uno stipendio di circa un milione all’anno. Stando a informazioni risalenti al 2019, il Ceo delle Ffs percepiva un salario più elevato, ovvero 1,2 milioni con la previdenza di vecchiaia. Ancora superiore lo stipendio del Ceo di Swisscom: stando a un rapporto pubblicato dall’azienda, Urs Schaeppi ha percepito un salario complessivo di 1,83 milioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio degli stati imprese iniziativa parlamentare milione quadri salari tetto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved