stereotipi-di-genere-e-media-il-ticino-e-maglia-nera
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
10 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
11 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
11 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
11 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
12 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
13 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
15.09.2021 - 15:410
Aggiornamento : 19:41

Stereotipi di genere e media, il Ticino è maglia nera

In Ticino la percentuale più bassa di donne menzionate nei media con il 21,5%. Rare anche le citazioni di donne come esperte e commentatrici

Le donne sono menzionate molto meno spesso degli uomini negli articoli dei media svizzeri e sono anche meno sollecitate in qualità di esperte: il fenomeno, più evidente nella Svizzera italiana che nelle altre regioni linguistiche, è stato rilevato nell’indagine internazionale sui media Global Media Monitoring Project (Gmmp).

Le donne rappresentano il 28% delle persone menzionate nei media elvetici, ha comunicato oggi la Conferenza svizzera dei delegati alla parità (Csp), citando lo studio. La proporzione è aumentata di tre punti percentuali rispetto all’ultimo sondaggio del 2015, tuttavia, i media riflettono ancora uno squilibrio di genere.

Le donne sono particolarmente sottorappresentate in ambiti tradizionalmente maschili come gli affari (25%) e la politica (23%). La situazione è un po’ migliore negli articoli su arte e intrattenimento (38%).

Ci sono inoltre nette differenze tra le regioni linguistiche: la Svizzera italiana è il fanalino di coda con solo il 21,5% delle donne menzionate nei media. A primeggiare è la Svizzera tedesca dove la proporzione è del 29,1%, seguita dalla Svizzera romanda (27,8%) e della Svizzera romancia (25,7%).

Grande disparità si nota anche nei titoli: a dedicare più spazio alle donne sono Blick.ch (49%), 10vor10 (47%), 20 Minutes (45%) e RTS.ch (41%). All’altra estremità della classifica vi sono il Bund (3%) e LeTemps.ch (14%).

Difficilmente rappresentate come esperte

Lo studio mostra anche una ineguaglianza nella ripartizione uomo-donna riguardo alle funzioni professionali: le donne sono solo raramente citate come esperte e commentatrici (20%) mentre sono citate maggiormente in funzione di testimoni oculari (50%).

Il 29 settembre 2020, giorno in cui è stata effettuata l’analisi basata su 669 contributi, la percentuale di donne giornaliste nell’insieme dei media considerati (pagine internet, versioni stampate di giornali, trasmissioni radio e televisive così come Twitter) provenienti per la prima volta dalle quattro regioni linguistiche era del 39% (+2 punti percentuali dal 2015).

Particolarmente elevata è la proporzione di donne alla televisione e alla radio, dove tuttavia vi assumono più spesso il ruolo di presentatrici (53%) che quello di reporter (35%).

La Csp ha partecipato per la terza volta al Gmmp della World Association for Christian Communication (Wacc). L’indagine viene effettuata ogni cinque anni dal 1995.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved