divieto-generale-di-viaggio-per-chi-ha-un-permesso-f
Keystone
Restrizioni su restrizioni per le persone titolari di un permesso F in Svizzera
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
11 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
11 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
12 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
12 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
13 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
13 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
14 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
15 ore

Il Covid ha tagliato la speranza di vita come non si vedeva dal ’45

Una ricerca dell’Università di Oxford su dati di 29 Paesi soprattutto in Europa e Stati Uniti svela che sono stati spazzati via anni di progressi sulla mortalità
Svizzera
16 ore

Legge Covid, con il No a rischio aiuti alle imprese e viaggi

In caso di bocciatura delle modifiche apportate alla legge a marzo verrebbero meno l’estensione degli aiuti finanziari e le basi legali per il certificato Covid
Svizzera
18 ore

In Svizzera complottismo e razzismo vanno a braccetto

È quanto osserva la Commissione federale contro il razzismo (Cfr). Le teorie del complotto e le fake news trasmettono stereotipi e pregiudizi contro le comunità
Svizzera
18 ore

La liquidazione di Swissair costa 300 milioni di franchi

A tanto ammontano i costi amministrativi del fallimento della compagnia aerea nazionale scomparsa 20 anni fa. La procedura è nella fase finale
Svizzera
19 ore

Vent’anni fa la strage al Parlamento cantonale di Zugo

Il 27 settembre 2001 Friedrich Leibacher irrompeva armato nella sala del Gran Consiglio uccidendo undici deputati e tre consiglieri di Stato e poi suicidandosi
Svizzera
1 gior

EuroSkills, conquistate 14 medaglie. Bronzo per Luca Roma

Al campionato europeo delle professioni, la squadra svizzera ha ottenuto sei titoli. Ottimo anche il risultato del vetraio di Pollegio
stranieri
 
15.09.2021 - 15:230
Aggiornamento : 16:10

Divieto generale di viaggio per chi ha un permesso F

I ‘senatori’ non vogliono eccezioni nella legge

Corina Gredig in giugno aveva cercato di salvare il salvabile. Di fronte alla ferma volontà di Parlamento e Consiglio federale di vietare in linea di principio i viaggi all’estero di richiedenti asilo e persone ammesse a titolo provvisorio (permesso F), la deputata zurighese verde-liberale aveva convinto una maggioranza del Nazionale a infilare nella legge sugli stranieri una clausola d’eccezione: in presenza di “ragioni personali particolari” – esigenze formative e visite a parenti stretti, soprattutto – la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) deve poter autorizzare le persone titolari di un permesso F a viaggiare all’interno dello spazio Schengen. «La Svizzera è molto restrittiva. Oggi in pratica queste persone ricevono l’ok solo quando un congiunto è gravemente malato o muore all’estero», dice Gredig a ‘laRegione’ in una pausa dei lavori alla Camera del popolo.

Pochi minuti prima, la maggioranza borghese del Consiglio degli Stati non si era lasciata intenerire. Con 26 voti (Udc, Plr e Centro) contro 14 (Ps e Verdi), la Camera dei cantoni ha stralciato la clausola. Nella votazione sul complesso, le modifiche di legge sono state approvate con 25 voti contro 12. Il Nazionale dovrà ancora dire la sua sulla divergenza rimasta.

La legge deve fissare i principi generali, mentre le eccezioni devono continuare a essere regolate a livello di ordinanza e approvate caso per caso, ha affermato a nome della commissione Andrea Caroni (Plr/Ar). L’appenzellese non ha escluso che l’ordinanza possa in futuro essere adeguata dal Consiglio federale. In aula Karin Keller-Sutter non ha raccolto l’‘invito’. Già oggi, sulla base dell’ordinanza e previo nullaosta della Sem, ai titolari di un permesso F è consentito recarsi in Paesi terzi. Inserire eccezioni nella legge creerebbe incertezza, ha detto la consigliera federale.

Daniel Jositsch (Ps/Zh) invece ha difeso la clausola. Il divieto generale di viaggio nei Paesi terzi costituisce «una massiccia limitazione» dei diritti e delle libertà fondamentali, in particolare della libertà di movimento. Per questa ragione le eccezioni dovrebbero essere definite nella legge, non nell’ordinanza. Corina Gredig è più concreta. «Abbiamo problemi con le gite scolastiche fuori dalla Svizzera, per esempio. Nessuno ha interesse a rendere a queste persone la vita complicata, con restrizioni che non aiutano nessuno e che non favoriscono l’integrazione». «Il problema – spiega – riguarda in particolare i profughi siriani. Molte famiglie in fuga dalla guerra si sono divise, con parenti sparsi in vari Paesi europei. Per questo vogliamo che chi ha un permesso F possa rendere loro visita, e non solo in caso di gravi malattie. Oggi questo non è possibile». La consigliera nazionale del Pvl evoca la tradizione umanitaria della Svizzera: «Se per tre anni mi si impedisce di vedere la mia famiglia [in seguito si può ottenere un documento di viaggio, ma non di rado questo viene negato perché il richiedente dipende dall’aiuto sociale, ndr], è un po’ come essere in una prigione. La Svizzera ha una lunga tradizione umanitaria: deve trattare bene i profughi che accoglie. Questo principio deve continuare a essere seguito».

Tutto era partito nel 2015. In una mozione, il consigliere nazionale e presidente dell’Alleanza del Centro Gerhard Pfister (Centro) chiedeva di vietare in generale alle persone ammesse provvisoriamente di recarsi in patria, analogamente a quanto previsto per i rifugiati riconosciuti. Poi il divieto generale di viaggiare nel Paese d’origine è stato esteso dal Consiglio federale, tramutandosi in un divieto di viaggio tout court. Staremo a vedere se il Nazionale correggerà il tiro. Intanto l’Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (Osar) ha criticato la decisione degli Stati (“incompatibile con i diritti fondamentali”) di inasprire in maniera “sproporzionata e inaccettabile” il divieto di viaggio per i titolari di permesso F. “Tenuto conto del fatto che i viaggi sono già concessi solo in casi eccezionali e a condizioni molto severe, la decisione è incomprensibile”, scrive l’Osar.

Anche in altre due decisioni prese ieri dai ‘senatori’ l’Osar ravvisa “sproporzionate e massicce intrusioni nei diritti fondamentali”: la prima riguarda la possibilità, quale ultima ratio e col benestare della persona interessata, di accedere a cellulare, computer o tablet dei richiedenti asilo per determinarne l’identità; la seconda prevede che gli stranieri colpiti da decreto di espulsione siano testati contro il Covid-19 anche contro la loro volontà, se necessario, onde facilitarne l’allontanamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved