9-persone-su-10-ricoverate-sono-non-vaccinate-e-sotto-i-44-anni
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
15 min

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
1 ora

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
1 ora

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
3 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
3 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
3 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
4 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
17 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
18 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
22 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
23 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
23 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
23 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
1 gior

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
1 gior

Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio

L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
07.09.2021 - 14:37
Aggiornamento : 17:44

9 persone su 10 ricoverate sono non vaccinate e sotto i 44 anni

Lo comunica Virginie Masserey dell'Ufsp. Il numero di nuovi casi resta stagnante ma a livelli alti. Calano i ricoveri

Ats, a cura de laRegione

I dati riguardanti la pandemia mostrano una certa stagnazione, anche se ad alto livello: la situazione rimane sempre tesa, specie negli ospedali, ha affermato oggi Virginie Masserey dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), durante il consueto incontro settimanale con i media.

La Svizzera è maglia nera in Europa per quanto attiene al tasso di positività, davanti soltanto alla Gran Bretagna. C'è preoccupazione per l'autunno, anche perché la copertura vaccinate non è ottimale e va assolutamente accelerata.

La maggioranza delle persone ricoverate (90%, un dato già diffuso le scorse settimane, n.d.r), tra cui diversi casi di pazienti d'età compresa tra i 40 e i 50 anni, non è stata vaccinata: molti si trovano in cure intense e non hanno malattia pregresse, ha sostenuto la funzionaria, aggiungendo che nessuno può dirsi al sicuro da un ricovero, tra l'altro evitabile grazie al vaccino.

Per quanto attiene alle nuove infezioni, ha spiegato Masserey, si osserva una certa stagnazione a 2800 casi al giorno da due settimane in qua. Ciò vale anche per i ricoveri. Circa i decessi, quest'ultimi sono invece in leggera progressione da tre settimane.

Un terzo dei letti in cure urgenti è occupato da pazienti Covid, ha sottolineato Masserey. Si tratta di un fattore che preoccupa gli ospedali, ha aggiunto.

Per quanto riguarda le nuove infezioni, si nota un incremento marcato tra i giovani e i bambini, come ci si poteva attendere dopo il rientro a scuola, e una diminuzione tra le altre fasce d'età. Per Masserey è importante che le scuole continuino a eseguire dei test per evitare l'apparizione di nuovi focolai e le conseguenti quarantene. Non solo i bambini possono perdere giorni di scuola, ma anche contagiare altre persone. Non si possono nemmeno escludere problemi a livello di salute, con conseguenze anche a lungo termine.

In merito alle vaccinazioni, il modo migliore per evitare per proteggersi dal virus, specie da un ricovero in ospedale, gli adulti completamente vaccinati sono il 52%, mentre il 67% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino (dai 12 anni). Rallegrante, secondo Masserey, è l'incremento delle immunizzazioni tra i giovani, ma la tendenza è ancora troppo debole, ciò che ci fa guardare all'autunno con una certa preoccupazione.

Circa le persone giunte in contatto col virus, secondo Masserey, in genere dopo sei mesi la protezione diminuisce e una vaccinazione può essere consigliata, soprattutto per evitare eventuali nuove infezioni con la variante Delta e magari un ricovero all'ospedale.

In merito alla possibilità di una terza dose di richiamo, Masserey ha sostenuto che i dati a disposizione non sono ancora conclusivi. Tuttavia, il tema viene seguito da vicino e non si può escludere in futuro un richiamo per le persone particolarmente a rischio.

Vaccinazioni, siamo in ritardo

Nel suo intervento, la presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, Tanja Stadler, ha sottolineato che la Svizzera ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi d'Europa. Il ritmo della vaccinazione deve essere accelerato, ha aggiunto la specialista, docente al Politecnico federale di Zurigo.

Se la Svizzera continua a vaccinare la sua popolazione al ritmo attuale, non raggiungerà il tasso di vaccinazione di Francia, Italia o Gran Bretagna fino a Natale, ha sottolineato.

Ecco perché il ritmo delle inoculazioni va decisamente accelerato, ha detto Stadler. Certo, l'uso della mascherina o il rispetto delle distanze possono aiutare a frenare l'epidemia, ma nessun misura è efficace come la vaccinazione.

Variante Mu

In merito alla variante Mu del virus, Tanja Stadler non si aspetta che essa sostituisca la variante Delta, al momento dominante in Svizzera, anche se nel frattempo 34 casi della variante Mu sono stati identificati nel Paese. Al momento, "la sfida è Delta".

Tuttavia, anche questa nuova variante viene tenuta sotto osservazione per vedere come si svilupperà. Qualche giorno fa, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) aveva classificato la variante Mu come "variante di interesse". Questa variante è stata identificata per la prima volta in Colombia a gennaio.

Cure intense fortemente sollecitate

Anche sul fronte degli ospedali la situazione è tutt'altro che tranquilla. In Svizzera, ben l'84% dei letti di terapia intensiva sono occupati, di cui il 42% da pazienti Covid.

Alcune regioni sono più sovraccariche di altre, ha specificato Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato. La situazione è critica a Berna, Zurigo, Ginevra e Turgovia.

Negli ultimi cinque giorni, il numero di pazienti in terapia intensiva è salito del 2%. Degli 857 pazienti ricoverati a causa del virus, 291 sono in terapia intensiva. Ci sono ancora 130 letti certificati per la terapia intensiva in 55 ospedali e 39 letti non certificati in 14 ospedali.

Rimpatri, 8 pazienti gravi in attesa

Per quanto riguarda i cittadini svizzeri ammalatisi all'estero, secondo Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio medico coordinato, circa il 10% degli 80 pazienti in attesa di rimpatrio è considerato urgente. "Dovrebbero essere rimpatriati entro una settimana", ha spiegato.

Gli altri pazienti potrebbero aspettare più a lungo, ha sottolineato Stettbacher. Ma i Cantoni sono anche responsabili di fornire loro dei letti. Se non si trovassero posti in terapia intensiva, l'Ufficio di coordinamento nazionale sosterrebbe i Cantoni nella ricerca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus svizzera ufsp virginie masserey
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved