un-recovery-plan-per-rilanciare-il-turismo-svizzero
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 min

Terza panne nel sistema dei certificati Covid in un mese

Lo comunica l’Ufficio federale informatica e telecomunicazioni (UfiT). Non è possibile emettere nuovi certificati, ma si possono verificare quelli emessi
Svizzera
58 min

In Svizzera balzo dei casi settimanali, stabili i decessi

Il numero dei contagi da una settimana all’altra è aumentato di oltre un terzo. Calo dei pazienti Covid in cure intense, stagnanti i decessi
Svizzera
2 ore

Smartphone, si spende di più per tenerlo più a lungo

L’iPhone rimane l’apparecchio più impiegato in Svizzera, anche sul mercato dell’usato davanti a quelli di Samsung, poi Huawei.
Svizzera
18 ore

Anche quest’anno conti in profondo rosso per la Confederazione

La pandemia si fa ancora sentire. Il Consiglio federale si aspetta un deficit di 14,8 miliardi, 800 milioni in meno di quello record del 2020
Svizzera
18 ore

Bici sul treno, le Ffs mantengono l’obbligo di prenotazione

Il sistema presenta però delle lacune e dev’essere migliorato. Dal prossimo anno 400 posti aggiuntivi sui convogli a lunga percorrenza
Svizzera
19 ore

Dal primo gennaio 2022 sarà più facile cambiare sesso

Le persone transgender e intersessuali potranno far iscrivere più facilmente nel registro di stato civile il cambiamento senza passare da un giudice
Svizzera
20 ore

Un piano per tappezzare i ripari fonici di pannelli solari

Il Consiglio federale risponde al postulato di Bruno Storni (Ps). Lungo autostrade e linee ferroviarie il potenziale è ridotto, ma non trascurabile
Svizzera
20 ore

Covid, il Consiglio federale vuole prorogare gli aiuti al 2022

Il governo chiede al parlamento altri 915 milioni di franchi per far fronte agli effetti della pandemia. Il certificato non è interessato dalla proroga
Svizzera
01.09.2021 - 13:440
Aggiornamento : 14:45

Un Recovery Plan per rilanciare il turismo svizzero

La prima misura del piano adottato dal Consiglio federale prevede lo stanziamento di ulteriori 30 milioni in due anni da impiegare per stimolare la domanda

Un Recovery Plan da 60 milioni di franchi per rilanciare il turismo svizzero, in difficoltà a causa della crisi pandemica. Lo ha adottato oggi il Consiglio federale. La prima misura consiste nello stanziamento di 30 milioni supplementari destinati a stimolare la domanda nel prossimo biennio.

Il settore - in particolare il turismo urbano e d'affari e le destinazioni con un forte orientamento internazionale - è stato duramente colpito dalla pandemia, ha affermato il consigliere federale Guy Parmelin in conferenza stampa. Lo scopo del Recovery Plan è di "accompagnare e sostenere la ripresa del settore in modo mirato, consentendo così al turismo svizzero nel suo insieme di uscire rafforzato dalla crisi", indica il governo.

Il programma prevede tre fasi. La prima consiste in fondi supplementari per 30 milioni di franchi che saranno destinati alla promozione della domanda per gli anni 2022 e 2023. I fondi dovranno essere liberati dal Parlamento in dicembre, con l'adozione del preventivo 2022 della Confederazione, ha precisato Richard Kämpf, responsabile per il turismo alla Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Venti milioni verranno impiegati per le attività di marketing di Svizzera Turismo, i restanti dieci per il sostegno finanziario ai partner turistici, come le destinazioni locali. Tra gli scopi principali ci sono la riconquista degli ospiti stranieri e il rafforzamento dello sviluppo del turismo sostenibile.

"Con lo sviluppo delle videoconferenze e dell'home office il turismo d'affari come lo conoscevamo prima della pandemia non tornerà più", ha sostenuto Parmelin. È dunque necessario rinnovarsi. È anche in questo contesto che si inserisce la seconda misura che prevede, tra il 2023 e il 2026, l'innalzamento dal 50 al 70% del tetto massimo del limite dei contributi federali ai progetti Innotour. Tra le iniziative già sostenute ci sono ad esempio i parchi regionali, è stato sottolineato durante la conferenza stampa a mo' di esempio.

Con l'aumento del contributo federale si vuole dare un impulso più consistente al settore per permettergli di implementare e lanciare innovazioni. Per l'attuazione di questa misura, che dovrebbe essere dotata di 20 milioni di franchi, è tuttavia necessario procedere con una modifica legislativa. Il Parlamento dovrebbe occuparsene l'anno prossimo.

Con la terza misura, la Nuova politica regionale riceverà un finanziamento supplementare di 10 milioni di franchi per la promozione di progetti relativi al quadriennio in corso 2020-2023. I soldi saranno prelevati dal fondo esistente.

Più in generale, il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) sta preparando un aggiornamento della strategia del turismo della Confederazione. Dovrebbe essere pronto entro fine anno.

Uno dei suoi punti principali è l'ampliamento della promozione degli investimenti federali. Lo scopo? Modernizzare e rafforzare gli investimenti della Società svizzera di credito alberghiero e della Nuova politica regionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved