incidenti-nel-percorso-casa-scuola-importante-ruolo-degli-adulti
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
27 min

La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione

Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
1 ora

Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo

La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
Svizzera
2 ore

Vendita di canapa: Basilea fa da apripista

Il primo studio sperimentale in Svizzera scatterà a metà settembre in riva al Reno. Iscrizioni aperte: i posti sono limitati a 370
Svizzera
2 ore

Caro-benzina, da Berna un nuovo no a misure urgenti

Prezzi artificialmente bassi creerebbero incentivi sbagliati e peggiorare la situazione. Con un aumento dei consumi
Svizzera
3 ore

Viola Amherd ai Campionati europei di Monaco

Domani e dopodomani la ‘ministra’ dello sport sarà in Baviera. Dove assisterà alle gare di atletica e mountain bike
Svizzera
3 ore

Swisscom e l’apprendista ‘misterioso’

Un progetto pilota mira a selezionare i candidati senza sapere nulla dei loro studi e del loro curriculum. ‘La persona viene prima del suo dossier’
Svizzera
3 ore

Nottata di violenti nubifragi a Basilea e in Ticino

Sulle sponde del Reno sono caduti 58 millimetri di pioggia al metro quadrato, 56 sulle rive del Lago Maggiore. Diverse le strade allagate
Svizzera
14 ore

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
19 ore

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
19 ore

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
21 ore

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
21 ore

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
21 ore

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
10.08.2021 - 13:10
Aggiornamento: 14:55

Incidenti nel percorso casa–scuola, importante ruolo degli adulti

Mediamente in Svizzera sono coinvolti in un infortunio stradale 950 bambini l'anno

“Il percorso casa-scuola è un’avventura quotidiana per i bambini, che comporta però anche dei pericoli”, ricorda l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi). “In Svizzera ogni anno 950 bambini fino a 14 anni che si spostano a piedi, in bici o in monopattino sono coinvolti in un incidente stradale, 190 riportano ferite gravi e sette perdono la vita. Il 40% di questi incidenti si verifica sul percorso casa–scuola”. L'Ufficio spiega che per prevenire gli infortuni devono attivarsi in primo luogo gli adulti. I bambini infatti devono ancora imparare a conoscere i pericoli della strada e perciò a volte sono imprevedibili. La campagna nazionale lanciata dall’Upi e dai suoi partner vuole richiamare l’attenzione proprio su questo punto.

Molti incidenti per attraversare la strada

I bambini dai 5 ai 9 anni sono prevalentemente coinvolti in un incidente quando vogliono attraversare la strada a piedi o con il monopattino. «Giocano e si lasciano distrarre facilmente, sono meno consapevoli dei pericoli rispetto agli adulti e agiscono in modo imprevedibile», spiega Andrea Uhr, psicologa del traffico presso l’Upi. «Non lo fanno di proposito, ma perché alla loro età non hanno ancora le stesse capacità degli adulti. Ai bambini di età inferiore ai 10 anni ad esempio risulta difficile valutare correttamente la velocità dei veicoli», precisa Uhr. Essendo piccoli, non possono guardare oltre le auto parcheggiate e sono meno visibili anche per gli altri utenti della strada.

Per prevenire gli incidenti, devono attivarsi in primo luogo gli adulti “facendo da buon esempio ai bambini e insegnando loro come comportarsi in modo sicuro nella circolazione stradale. Infine tocca agli adulti al volante di una macchina, di una moto o di una bici a prestare particolare attenzione ai bambini e a rallentare”, sottolinea l'Upi.

Dai dodici anni, infortuni più frequenti in bici

“Dai dodici anni in su, i bambini si infortunano più spesso in bici che a piedi. Due incidenti ciclistici su tre sono dovuti a collisioni con altri utenti della strada, per lo più agli incroci o imbocchi. In oltre la metà dei casi è il bambino a causare la collisione”, si legge nel comunicato.

La percezione e l’attenzione dei bambini non sono ancora giunte alla maturità e i movimenti in bici non sono ancora completamente automatici. Inoltre si è più veloci che a piedi: «In bici, per i bambini è difficile riconoscere in tempo i pericoli e poter anche reagire correttamente», spiega Andrea Uhr. «Per questo motivo i genitori dovrebbero far fare molti esercizi ai bambini, dapprima lontano dalla strada per poi passare sulle strade di quartiere poco trafficate e infine alla circolazione stradale impegnativa».

Riparte la campagna nazionale dedicata al percorso casa–scuola

“L’attuale campagna è stata continuamente ampliata nel corso degli ultimi anni in base alle analisi intermediarie dell’Upi sull’incidentalità. Le analisi tengono conto sia dei fattori della psicologia dell’età evolutiva dei bambini sia del loro uso differenziato dei mezzi di locomozione”. Insieme alla polizia e al Fondo di sicurezza stradale, per la riapertura delle scuole l’Upi lancia una nuova onda di comunicazione pluricanale. Nei Comuni per esempio saranno esposti nuovamente i manifesti con i bambini e la molla che hanno riscosso molto successo. Anche gli spot radiofonici, i video e il sito web doppia–prudenza.ch ricordano agli utenti della strada che nella circolazione stradale i bambini sono imprevedibili.

Nei casi in cui i bambini si spostano a piedi l'Upi consiglia agli utenti della strada di ricordarsi che essi sono imprevedibili, di rallentare, essere pronti a frenare, fermarsi completamente davanti a un passaggio pedonale e prestare particolare attenzione nelle vicinanze delle scuole.

Quando i bambini si spostano in bici gli utenti della strada dovrebbero mantenere una distanza di almeno 1,5 m dai giovani in bicicletta, essere particolarmente prudenti in prossimità di incroci, imbocchi e rotatorie, anche quando si ha la precedenza e fare attenzione alle bici sul marciapiede (i bambini d’età inferiore ai 12 anni possono ora usarlo in assenza di una pista o di una corsia ciclabile). Importante è inoltre osservare bene la strada, dato che i bambini in bici non sono facilmente individuabili, ed essere sempre pronti a reagire, anche con adolescenti in bicicletta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini incidenti upi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved