Verona
0
Bologna
1
1. tempo
(0-1)
Bienne
1
Zurigo
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
1
Zugo
4
2. tempo
(1-3 : 0-1)
Lakers
1
Ginevra
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Ambrì
3
2. tempo
(0-2 : 0-1)
Davos
3
Losanna
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
Turgovia
2
Winterthur
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
passa-al-nazionale-l-iniziativa-ticinese-strade-piu-sicure
L'iniziativa era stata presentata da Bruno Storni in Gran Consiglio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Impressum per il ‘sì’ all’aiuto ai media

I delegati della più grossa associazione di giornalisti si esprimono all’unanimità
Svizzera
4 ore

Svizzeri ben disposti a cambiare lavoro

Dallo scoppio della pandemia ha cambiato occupazione una persona su quattro, in cerca di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata
Svizzera
5 ore

Il World Economic Forum sarà a Davos dal 22 al 26 maggio

Il tema del Wef, inizialmente previsto in gennaio, sarà “Lavorare insieme, ripristinare la fiducia” (Working Together, Restoring Trust)
Svizzera
6 ore

L’Ufsp raccomanda il richiamo per i giovani fra i 12 e i 15 anni

Il ‘booster’, con Pfizer, è raccomandato non prima di 4 mesi dall’ultima dose e avviene al di fuori dell’omologazione da parte di Swissmedic (off-label)
Svizzera
7 ore

In Svizzera pazienti Covid in cure intense ancora sotto il 30%

Si registra a livello giornaliero una leggera flessione dei contagi. 22 i decessi segnalati
Svizzera
8 ore

Aiuti ai media, tendenza al voto verso il No

Il secondo sondaggio Tamedia dà il No al 57% e in crescita. Divieto di pubblicità al tabacco e tassa di bollo verso il Sì
Svizzera
12 ore

Maurer accusa i media: ‘Presentano solo gli scenari peggiori’

Il consigliere federale sostiene che la pressione dei media sulla pandemia ha portato la politica ad applicare misure forse non necessarie
Svizzera
12 ore

Reparti di cure intense stabili, il problema è il personale

Nella maggior parte degli ospedali svizzeri la situazione si è stabilizzata, ma troppe assenze per malattia costringono a rinviare centinaia di interventi
la visita in germania
1 gior

Cassis a Berlino: relazione con l’Ue fondamentale

Il presidente della Confederazione faccia a faccia con il nuovo cancelliere tedesco Scholz, la ministra degli Esteri Baerbock e il presidente Steinmeier
Svizzera
1 gior

Latte bio: i contadini ottengono quattro centesimi in più

Adeguamento a partire da febbraio a causa dell’aumento dei costi di produzione dovuto a direttive più severe
03.06.2021 - 16:510
Aggiornamento : 18:45

Passa al Nazionale l'iniziativa ticinese 'Strade più sicure'

In futuro camion e autobus potranno attraversare le Alpi solo se muniti dei moderni sistemi di assistenza alla guida

In futuro camion e autobus potranno attraversare le Alpi solo se muniti dei moderni sistemi di assistenza alla guida. È quanto prevede la revisione della Legge federale sulla circolazione stradale (LCStr) adottata oggi dal Consiglio nazionale con 112 voti contro 77. Durante le discussioni, il plenum ha approvato una eccezione per il traffico interno.

La modifica legislativa ha origine dall'iniziativa del Canton Ticino denominata "Strade più sicure subito". Il testo prevede che i veicoli pesanti per il trasporto di merci o persone non conformi ai recenti standard di sicurezza possano percorrere le strade alpine al massimo ancora per cinque anni, ha spiegato Bruno Storni (PS/TI) a nome della commissione (è stato lo stesso Storni ad aver depositato nel 2016 l'iniziativa in Gran Consiglio quando era ancora deputato a Bellinzona, ndr.). Le nuove norme si applicheranno a tutti i quattro assi di transito transalpino: San Gottardo, San Bernardino, Sempione e Gran San Bernardo.

"Sbagliare è umano, ma le conseguenze possono essere molto pesanti", ed è qui che vengono in aiuto le innovazioni tecnologiche, ha affermato Storni. Il ticinese ha citato il caso del camion che aveva tamponato nel 2016 un'auto ferma in colonna davanti al portale sud della galleria del San Gottardo, schiacciandola contro il mezzo pesante che la precedeva. Il bilancio: quattro morti, tra cui due bambini piccoli. Orbene, con i dispositivi di sicurezza più recenti tale tragedia avrebbe potuto essere evitata, ha sottolineato il socialista.

In futuro, i veicoli in questione dovranno dunque essere equipaggiati con i dispositivi di sicurezza più recenti. L'iniziativa ticinese cita il sistema antibloccaggio, il dispositivo avanzato frenata d'emergenza, il sistema di controllo della stabilità, l'avviso di deviazione della corsia e il controllo della pressione degli pneumatici. Questi dispositivi sono del resto obbligatori in Svizzera e nell'UE per i mezzi pesanti immatricolati dopo il 2015.

Nell'elaborare la modifica della LCStr, la commissione, ha spiegato Storni, ha proposto la possibilità di un termine più lungo per la Svizzera meridionale e il Vallese. L'idea è sgravare le imprese di spedizione attive nei Cantoni alpini e garantire l'approvvigionamento delle regioni di montagna. L'eccezione è sensata considerando anche che i viaggi per questi trasportatori sono più corti.

Un'agevolazione per i trasporti interni, come prevista nel progetto, non è compatibile con gli obblighi internazionali della Svizzera, ha replicato la consigliera federale Simonetta Sommaruga. Simili eccezioni, è stato inoltre sottolineato, riducono l'efficacia delle misure e contraddicono il principio dell'uguaglianza giuridica. "Se vengo tamponato da un camion, da dove viene la sua targa importa assai poco", ha evidenziato Barbara Schaffner (PVL/ZH).

Al voto tale termine più lungo per il traffico interno è però stato approvato con 144 voti contro 43.

Da notare, infine, che durante il dibattito di entrata in materia una minoranza composta da UDC e PLR ha chiesto la bocciatura del progetto, ritenendo che la necessità di un intervento legislativo non si giustificasse a sufficienza. Lo stesso Ufficio federale delle strade (USTRA) ha espresso dubbi, ha affermato Lorenzo Quadri (Lega/TI).

La normativa provoca una distorsione della concorrenza all'interno del Paese, ha sostenuto da parte sua Christian Wasserfallen (PLR/BE). "Si tratta di una chiara discriminazione commerciale", ha affermato il bernese.

La disposizione proposta non è inoltre compatibile con l'accordo sui trasporti concluso con l'Unione europea, ha proseguito Wasserfallen. "Non è il momento di aprire nuovi fronti con Bruxelles", ha aggiunto, invano, il liberale-radicale.

Il dossier passa ora al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved