ULTIME NOTIZIE Svizzera
udc
8 ore

Anche Rickli si tira fuori per il dopo-Maurer

La consigliera di Stato zurighese non si candida alla successione. Finora nessuna candidatura ufficiale
energia
9 ore

Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio

La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
15 ore

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
18 ore

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
18 ore

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
19 ore

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
20 ore

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
20 ore

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
21 ore

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
23 ore

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
03.06.2021 - 16:51
Aggiornamento: 18:45

Passa al Nazionale l'iniziativa ticinese 'Strade più sicure'

In futuro camion e autobus potranno attraversare le Alpi solo se muniti dei moderni sistemi di assistenza alla guida

Ats, a cura de laRegione
passa-al-nazionale-l-iniziativa-ticinese-strade-piu-sicure
L'iniziativa era stata presentata da Bruno Storni in Gran Consiglio (Ti-Press)

In futuro camion e autobus potranno attraversare le Alpi solo se muniti dei moderni sistemi di assistenza alla guida. È quanto prevede la revisione della Legge federale sulla circolazione stradale (LCStr) adottata oggi dal Consiglio nazionale con 112 voti contro 77. Durante le discussioni, il plenum ha approvato una eccezione per il traffico interno.

La modifica legislativa ha origine dall'iniziativa del Canton Ticino denominata "Strade più sicure subito". Il testo prevede che i veicoli pesanti per il trasporto di merci o persone non conformi ai recenti standard di sicurezza possano percorrere le strade alpine al massimo ancora per cinque anni, ha spiegato Bruno Storni (PS/TI) a nome della commissione (è stato lo stesso Storni ad aver depositato nel 2016 l'iniziativa in Gran Consiglio quando era ancora deputato a Bellinzona, ndr.). Le nuove norme si applicheranno a tutti i quattro assi di transito transalpino: San Gottardo, San Bernardino, Sempione e Gran San Bernardo.

"Sbagliare è umano, ma le conseguenze possono essere molto pesanti", ed è qui che vengono in aiuto le innovazioni tecnologiche, ha affermato Storni. Il ticinese ha citato il caso del camion che aveva tamponato nel 2016 un'auto ferma in colonna davanti al portale sud della galleria del San Gottardo, schiacciandola contro il mezzo pesante che la precedeva. Il bilancio: quattro morti, tra cui due bambini piccoli. Orbene, con i dispositivi di sicurezza più recenti tale tragedia avrebbe potuto essere evitata, ha sottolineato il socialista.

In futuro, i veicoli in questione dovranno dunque essere equipaggiati con i dispositivi di sicurezza più recenti. L'iniziativa ticinese cita il sistema antibloccaggio, il dispositivo avanzato frenata d'emergenza, il sistema di controllo della stabilità, l'avviso di deviazione della corsia e il controllo della pressione degli pneumatici. Questi dispositivi sono del resto obbligatori in Svizzera e nell'UE per i mezzi pesanti immatricolati dopo il 2015.

Nell'elaborare la modifica della LCStr, la commissione, ha spiegato Storni, ha proposto la possibilità di un termine più lungo per la Svizzera meridionale e il Vallese. L'idea è sgravare le imprese di spedizione attive nei Cantoni alpini e garantire l'approvvigionamento delle regioni di montagna. L'eccezione è sensata considerando anche che i viaggi per questi trasportatori sono più corti.

Un'agevolazione per i trasporti interni, come prevista nel progetto, non è compatibile con gli obblighi internazionali della Svizzera, ha replicato la consigliera federale Simonetta Sommaruga. Simili eccezioni, è stato inoltre sottolineato, riducono l'efficacia delle misure e contraddicono il principio dell'uguaglianza giuridica. "Se vengo tamponato da un camion, da dove viene la sua targa importa assai poco", ha evidenziato Barbara Schaffner (PVL/ZH).

Al voto tale termine più lungo per il traffico interno è però stato approvato con 144 voti contro 43.

Da notare, infine, che durante il dibattito di entrata in materia una minoranza composta da UDC e PLR ha chiesto la bocciatura del progetto, ritenendo che la necessità di un intervento legislativo non si giustificasse a sufficienza. Lo stesso Ufficio federale delle strade (USTRA) ha espresso dubbi, ha affermato Lorenzo Quadri (Lega/TI).

La normativa provoca una distorsione della concorrenza all'interno del Paese, ha sostenuto da parte sua Christian Wasserfallen (PLR/BE). "Si tratta di una chiara discriminazione commerciale", ha affermato il bernese.

La disposizione proposta non è inoltre compatibile con l'accordo sui trasporti concluso con l'Unione europea, ha proseguito Wasserfallen. "Non è il momento di aprire nuovi fronti con Bruxelles", ha aggiunto, invano, il liberale-radicale.

Il dossier passa ora al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved