ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
10 ore

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
11 ore

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
11 ore

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
12 ore

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
13 ore

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
14 ore

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
17.05.2021 - 18:25
Aggiornamento: 18:55

Accordo quadro, Commissione esteri: necessario compromesso

La Commissione politica estera al Nazionale chiede al Governo di adattare il mandato per i negoziati e illustrare le conseguenze di un mancato accordo con l'Ue

Ats, a cura de laRegione
accordo-quadro-commissione-esteri-necessario-compromesso
Il presidente della Confederazione Guy Parmelin e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen (Keystone)

Interrompere i negoziati sull'accordo quadro fra la Svizzera e l'Ue è fuori discussione. La Commissione di politica estera del Nazionale (CPE-N), al termine di una riunione straordinaria, ha chiesto al Consiglio federale di adattare il mandato negoziale della segretaria di Stato Livia Leu in modo che sia possibile raggiungere un compromesso.

La Commissione aveva invitato cinque consiglieri federali ad illustrare le conseguenze di un rifiuto dell'accordo quadro su vari dossier. Alla riunione erano presenti però solo il ministro degli esteri Ignazio Cassis e il presidente della Confederazione Guy Parmelin.

"Interrompere i negoziati non è un'opzione se non c'è un concetto di come gli accordi bilaterali possano essere portati avanti", ha detto ai media a Palazzo federale Tiana Angelina Moser (Verdi liberali/ZH), presidente della CPE-N.

Una netta maggioranza della commissione vuole che il Consiglio federale adattati il mandato negoziale e renda possibile un compromesso sull'accordo quadro. Il mandato dovrebbe essere basato su principi, non su regole, e non dovrebbe essere troppo limitato in modo che siano possibili soluzioni. La minoranza ritiene invece che non ci sia bisogno di un accordo istituzionale o che sia di competenza unicamente del Consiglio federale.

La CPE-N ha inoltre chiesto all'unanimità che il governo fornisca una "documentazione completa" delle conseguenze della sospensione o della rottura dei negoziati con l'UE. Abbiamo ricevuto risposte molto concrete dal Consiglio federale sulle implicazioni di un fallimento dell'accordo quadro, ha spiegato Moser. Anche per quanto riguarda l'accordo sull'elettricità, la commissione ha ottenuto informazioni. Su altri dossier invece non ha ricevuto risposte.

"L'opinione pubblica deve essere informata delle conseguenze della rottura dei negoziati" e il Consiglio federale finora non l'ha fatto. La Commissione non ha ottenuto tutte le informazioni che sperava, nemmeno nel corso della riunione straordinaria.

La CPE-N ha ricordato al Consiglio federale che il consolidamento della via bilaterale è uno degli obiettivi di politica estera e ha insisto sulla ricerca di una soluzione. Vi è infatti il timore che il fallimento dei negoziati possa avere conseguenze negative su altri dossier.

Il Consiglio federale e l'amministrazione sono consapevoli dei rischi potenziali di una rottura dei negoziati, ha detto il vicepresidente della commissione Laurent Wehrli (PLR/VD). Il governo cerca una soluzione "lungo le linee rosse". La decisione su come procedere è attesa nei prossimi giorni o settimane.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved