legge-sul-co2-in-svizzera-il-no-alternativo
Keystone
Opposizione alternativa soprattutto dalla Romandia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali
Svizzera
3 ore

Giovani e pubblicità del tabacco, ‘no’ all’iniziativa

Il testo è stato respinto anche dal Consiglio degli Stati. Stöckli (Ps): revisione della legge insufficiente, si deve andare a votare.
Svizzera
3 ore

Trasporto merci sotterraneo, legge approvata

Anche il Consiglio nazionale si esprime a favore del progetto ‘Cargo sous terrain’. La rete di tunnel dovrebbe essere terminata entro il 2045.
Svizzera
3 ore

Validità del certificato per chi è guarito verso l’estensione

La Confederazione sta esaminando i risultati di nuovi studi sulla durata della protezione immunitaria dopo aver contratto il Covid-19
Svizzera
5 ore

‘Nessuno sarà obbligato a donare gli organi’

Ok del Consiglio degli Stati al controprogetto. Dittli (Plr): ci avviciniamo all’obbligo. La replica di Marina Carobbio, presidente di Swisstransplant.
Svizzera
10 ore

Berna dice stop alle manifestazioni contro le misure anti Covid

La Città ha annunciato che non tollererà altre proteste non autorizzate. La decisione in seguito alle violenze di giovedì scorso davanti a Palazzo federale
Svizzera
12 ore

In Svizzera calano i contagi: 4’032 in 72 ore, 15 decessi

Il dato è inferiore di oltre 2’000 unità rispetto al weekend scorso a fronte di un numero maggiore di test effettuati. Scende anche il tasso di riproduzione
Svizzera
13 ore

In Svizzera meno casi di meningoencefalite da zecche e borreliosi

Lo riferisce l’Ufsp. I casi tornano ai livelli del 2019 dopo il boom dello scorso anno, dovuto probabilmente al tempo favorevole per le attività outdoor e al lockdown
Svizzera
14 ore

Indagine Seco: disoccupati e aziende soddisfatti degli URC

Le persone in cerca di impiego valutano positivamente i servizi offerti da uffici di collocamento e casse disoccupazione
Svizzera
14 ore

A Lucerna e Zurigo studenti in protesta contro il Covid pass

Al centro delle contestazioni l’uso del certificato Covid per l’accesso agli atenei che secondo gli studenti limita il libero accesso all’istruzione
Svizzera
15 ore

Frodi assicurative, la Suva ha evitato pagamenti per 12,6 milioni

Esaminati 2’236 casi sospetti su oltre 222’000. Fra i nuovi modelli di truffa, la fatturazione di ore e prestazione fittizie da parte di medici e ospedali
Svizzera
17 ore

Da oggi in Svizzera solo se vaccinati, guariti o con test negativo

Entrano da oggi in vigore le nuove regole per l’ingresso nella Confederazione. Previste eccezioni per le zone di confine: attenzione però alle norme italiane
Svizzera
1 gior

San Gallo, 78enne muore sull’autostrada A3

L’uomo, di cittadinanza belga, per ragioni ancora da chiarire, ha sbandato più volte ed è finito contro la barriera di protezione
Svizzera
29.04.2021 - 20:070
Aggiornamento : 20:34

Legge sul CO2 in Svizzera, il ‘no’ alternativo

‘Obiettivi assolutamente insufficienti’. Alcuni esponenti dello Sciopero per clima raccomandano di respingere la normativa e di seguire una terza via.

Berna – Il comitato per un'ecologia sociale, una costola del movimento Sciopero per il clima, ha lanciato oggi la sua campagna contro la Legge sul CO2 in votazione il prossimo 13 giugno. La norma è "fatale" poiché rende irraggiungibile qualsiasi politica climatica sociale e coerente, sostengono questi ambientalisti.

Contro la legge è stato lanciato con enorme successo un referendum: un comitato economico interpartitico, sostenuto dall'Udc, per cui le misure sono eccessive, ha raccolto 110'000 firme (ne bastavano 50'000). Altre 7000 sottoscrizioni provengono dal comitato per un'ecologia sociale, che combatte la norma per ragioni diametralmente opposte.

‘Alternativa necessaria e urgente’

Il comitato è composto di gruppi regionali, soprattutto romandi, dello Sciopero per il clima e di altre organizzazioni. Raccomandando un no, intende mostrare una terza via, "un'alternativa necessaria e urgente a due campagne (quella dei sostenitori della legge e quella del comitato referendario economico) senza prospettiva", si legge in un comunicato.

Con la loro raccomandazione di voto, questi attivisti sono in contrasto con altri scioperanti per il clima e con organizzazioni ambientaliste come Greenpeace e Wwf, che invece si schierano per la Legge federale sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (Legge sul CO2).

Gli obiettivi fissati da questa norma sono assolutamente insufficienti sotto tutti i punti di vista, ritiene il comitato. La norma si basa su una dichiarazione d'intenti per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, ma anche i suoi sostenitori ammettono che le misure proposte nella legge non permetteranno di raggiungere questo obiettivo.

Ciò è tanto più problematico in quanto la neutralità nelle emissioni di CO2 entro il 2050 è tutt'altro che sufficiente: per avere il 66% di possibilità di non superare un riscaldamento globale di 1,5 gradi centigradi, la Svizzera deve raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2030.

"Continuare a inquinare"

In secondo luogo, la legge si concentra sulle compensazioni piuttosto che sulle riduzioni, critica il comitato. Ciò equivale a dare ai grandi inquinatori la possibilità di continuare a immettere CO2 nell'atmosfera. Potranno comprare all'asta diritti di emissione di gas a effetto serra, mentre le piccole imprese, che non hanno gli stessi mezzi, dovranno per forza puntare sulle riduzioni.

Inoltre, la legge stabilisce che un quarto della riduzione delle emissioni può essere ottenuta attraverso compensazioni all'estero. "Non solo la Svizzera non riesce a far fronte alla sua responsabilità storica e attuale per le emissioni globali, ma si affida a programmi di compensazione all'estero che si sono dimostrati inefficaci", ha detto Mattia De Lucia, un attivista di Zurigo, durante una conferenza stampa diffusa in linea.

Legge antisociale

Il comitato critica anche il fatto che la legge si concentra sul trasporto privato motorizzato ad alte emissioni, soggetto a standard di efficienza ridicoli.

Le tasse previste nella Legge sul CO2 poi sono antisociali, poiché graveranno maggiormente sulle famiglie a basso reddito, deplorano gli ambientalisti. Il loro potenziale di incentivazione non funzionerà poiché non sono abbastanza elevate per scoraggiare le famiglie ricche dal viaggiare spesso in aereo o dall'acquistare auto altamente inquinanti. Così, queste tasse falliscono nel loro obiettivo e rafforzano le disuguaglianze sociali, ritiene il comitato referendario.

"Cambiamo il sistema"

"I Verdi e il Ps promettono che la Legge sul CO2 potrà essere migliorata più tardi", affermano gli attivisti. Ma se il parlamento fosse in grado di farlo, avrebbe già attuato questi miglioramenti nella norma attuale, sostengono.

Un no alla legge è quindi necessario per stabilire un nuovo equilibrio di potere. "Il nostro orizzonte politico non è una maggioranza parlamentare: è una mobilitazione diversa e massiccia che ci preparerà a uno sciopero generale per il clima e la giustizia sociale".

Agli occhi degli attivisti, questo è l'unico strumento politico con cui il popolo ha potuto finora ottenere "vere vittorie". È così che va inteso lo Sciopero per il futuro, il prossimo grande passo del movimento di Sciopero per il clima, previsto per il 21 maggio.

Secondo il comitato, ci sono innumerevoli approcci e misure diverse dalla Legge sul CO2 che possono essere utilizzati per affrontare la crisi climatica in modo socialmente giusto: ad esempio la creazione di un fondo per il clima per finanziare una trasformazione ecosociale, il divieto di investimenti in settori dannosi per il clima, l'abolizione di allevamenti industriali e la transizione verso un'agricoltura locale a bassa emissione di CO2 con metodi di agricoltura rigenerativa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved