una-normale-legge-sul-co2-imperfetta-ma-necessaria
Keystone
Si vota il 13 giugno e l'esito è più che mai incerto
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'ANALISI
23 ore

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
23 ore

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
1 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
3 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
3 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior

Schiave invisibili dei trafficanti

Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
4 gior

Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue

Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
5 gior

L’illusione del mercato autoregolato

Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
Commento
5 gior

Matrimonio per tutti: per un ‘sì’ pragmatico

Dubbi su temi quali la donazione di sperma sono comprensibili. Ma lo Stato deve garantire i diritti, non decidere come dobbiamo stare al mondo
Commento
 
07.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:47

Una ‘normale’ legge sul CO2, imperfetta ma necessaria

La Svizzera subisce in pieno le conseguenze del cambiamento climatico. Un ‘no’ il 13 giugno farebbe perdere tempo prezioso, e i rischi aumenterebbero...

Nella piccola e confortevole Svizzera a volte crediamo di essere migliori degli altri; o di essere al riparo da certi fenomeni globali. La realtà del cambiamento climatico ci ricorda che siamo un Paese del tutto normale. Non brilliamo, né sfiguriamo in fatto di sforzi intrapresi per fronteggiarlo. Siamo grandi consumatori (leggi: produttori di rifiuti), viaggiatori (aereo) e pendolari (auto, molte di grossa cilindrata), abbiamo quindi una marcata impronta ambientale pro capite. E non siamo al riparo da nulla. Anzi: qui l’aumento della temperatura è doppio rispetto alla media mondiale; i ghiacciai fondono, la neve scarseggia, ogni tanto vengono giù pezzi di montagna, periodi di canicola e siccità sempre più frequenti si alternano a forti precipitazioni e inondazioni. Chiedete a un contadino, vi dirà lui cosa significa ‘cambiamento climatico’.

La nuova legge sul CO2 riflette questa normalità: è – appunto – un normale compromesso svizzero. Da un lato sancisce l’inefficacia degli strumenti in vigore (con la legge attuale possiamo scordarci l’obiettivo di riduzione 2020); dall’altro, li potenzia e ne aggiunge altri. Il tutto dovrebbe consentire alla Svizzera di dimezzare entro il 2030 le emissioni di gas a effetto serra rispetto al 1990. Se il 13 giugno prevarrà il ‘sì’, la Confederazione potrà fare onestamente la sua parte. Senza strafare. Ma in linea con gli impegni assunti firmando l’Accordo di Parigi sul clima.

Questa è una legge piuttosto ambiziosa, ma equilibrata. Non vieta nulla. E consacra il principio cardine del ‘chi inquina paga’: le persone che generano meno emissioni di CO2 (volando meno, guidando un’auto meno inquinante, riscaldando casa senza olio o gas) pagano meno di coloro che ne generano di più. Il 51% dei proventi delle tasse di incentivazione previste viene restituito alla popolazione. Cosicché nessuno risulta eccessivamente penalizzato se si comporta come ha sempre fatto. Se invece cambia abitudini, può perfino guadagnarci qualcosa. La legge è sociale, e anche le aziende ne traggono vantaggio (tutte potranno chiedere l’esenzione dalla tassa sul CO2, non solo le grandi come avviene oggi).

Non è una legge perfetta. Il miliardario Fondo per il clima voluto dal Parlamento finanzierà un po’ di tutto: dalla sostituzione dei riscaldamenti al risanamento energetico degli edifici, dai ripari valangari a innovazioni tecnologiche, dalle stazioni di ricarica per veicoli elettrici ai treni notturni, e così via. Bisognerà fare in modo che i soldi vengano versati in modo trasparente, e a progetti scelti con cura. Sarà pure necessario monitorare l’effettivo impatto sul portafoglio di chi vive in zone discoste e dei proprietari di vecchie case, prevedendo le opportune eccezioni e adeguati sostegni.

Detto questo, non perdiamo di vista l’insieme. Un ‘no’ non servirebbe a nulla. Ci vorrebbero anni per avere un’altra legge sul CO2. E con ogni probabilità non sarebbe migliore di questa. Tempo prezioso che andrebbe perso. Perché da un lato il riscaldamento globale è un fenomeno che non regredirà per conto proprio, spontaneamente (le misure sul tavolo servono a contenerlo, nulla di più); dall’altro, l’uscita dalle fonti energetiche fossili (carbone, petrolio, gas) è una tendenza ormai affermata e ineluttabile.

Ne va non solo della protezione di un bene pubblico qual è l’atmosfera. Swiss Re afferma che il cambiamento climatico è “un rischio sistemico”. Il prodotto interno lordo globale entro il 2050 crollerebbe del 18% senza ulteriori misure; ‘soltanto’ del 4% se saranno rispettati gli obbiettivi dell’Accordo di Parigi. Credete davvero che saremmo al riparo anche da questo?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved