Cagliari
Sampdoria
12:30
 
allargare-il-consiglio-federale-a-9-membri
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 min

Situazione forniture: in Svizzera meglio che in Europa

Lo sostiene Rolf Galliker, presidente dell’omonima società di trasporti elvetica
Svizzera
1 ora

I Presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro “sentite condoglianze” alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
1 ora

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
2 ore

Vaud: 16enne morto in un incidente in moto a Bullet

Il ragazzo è deceduto sul posto, malgrado l’intervento dei soccorsi. È stata aperta un’inchiesta per determinare le circostanze del fatto
Svizzera
17 ore

Berna, sul lago di Bienne un motoscafo prende fuoco

I due occupanti - illesi - sono stati soccorsi da un equipaggio di un’altra imbarcazione
Svizzera
18 ore

Covid: la panne ha messo ‘k.o.’ soprattutto i pass esteri

La validità dei certificati svizzeri non è stata riconosciuta ieri sera fra le 19.30 e le 20.30, per i lasciapassare esteri invece fino alle 22.30
Svizzera
19 ore

Misure anti Covid, manifestazioni in varie città svizzere

Sabato di proteste a Baden, Rapperswil, Losanna, Berna. A Lugano il raduno ‘filosofia in piazza’ indetto dall’Associazione Amici della Costituzione
Svizzera
21 ore

I Verdi Liberali: ‘puntiamo a un seggio in Consiglio federale’

È questo l’obiettivo per il prossimo futuro annunciato da Jürg Grossen, presidente del partito, nel corso dell’assemblea di delegati
Svizzera
22 ore

FFS: in arrivo 35 carrozze per trasportare i tifosi

I vagoni, da 80 posti, disporranno di servizi igienici speciali, aria condizionata e un pavimento in linoleum facile da pulire
Svizzera
16.04.2021 - 17:150
Aggiornamento : 17:54

'Allargare il Consiglio federale a 9 membri'

Così auspica la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N) che, con 14 voti a 9, ha accolto l'iniziativa parlamentare in tal senso

Dopo cinque anni dal primo stop decretato dal Consiglio nazionale, è giunta l'ora di discutere nuovamente dell'allargamento del Consiglio federale da 7 a 9 membri. Il motivo? Una migliore rappresentanza dei rapporti fra le forze politiche, delle regioni del Paese, delle regioni linguistiche e dei sessi.

È quanto auspica la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N) che, con 14 voti a 9, ha accolto l'iniziativa parlamentare in tal senso della consigliera nazionale Nadine Masshardt (PS/BE), indica un comunicato diffuso oggi dai servizi parlamentari.

Secondo la CIP-N, la composizione politica del Consiglio federale non riflette a sufficienza i rapporti delle forze presenti in Parlamento (i Verdi scalpitano per ottenere un seggio alla luce dei successi elettorali degli ultimi anni, n.d.r).

Un aumento dei membri dell'Esecutivo offrirebbe margine per includere adeguatamente nel Governo tutte le forze politiche rilevanti. Questa ampia inclusione è, secondo la CIP-N, un importante elemento del sistema politico svizzero. Inoltre una ripartizione su più spalle dei crescenti compiti governativi permetterà di sgravare i singoli membri di governo.

Costoso e destabilizzante

La minoranza della Commissione è del parere, invece, che modificare la grandezza dell'organo governativo a causa del cambiamento dei rapporti di forza in Parlamento sia dannoso alla stabilità del sistema politico.

Inoltre, nel caso in cui il Consiglio federale contasse nove membri con, di riflesso, più dipartimenti, la necessità di coordinamento aumenterebbe comportando un onere maggiore per i singoli membri di governo. Con un onere amministrativo maggiorato aumenterebbero anche i costi.

Il precedente

Il 27 settembre 2016, il Nazionale non era entrato in materia - 97 voti a 88 - su una proposta analoga della sua CIP-N che chiedeva una rappresentanza equa delle regioni linguistiche mediante l'aumento del numero di ministri a 9.

Rilanciando un'idea sollevata in passato dal Canton Ticino, la CIP-N aveva posto in consultazione nel marzo 2015 una modifica dell'articolo 175 della Costituzione federale. Quest'ultimo, secondo il progetto, al primo capoverso recitava "Il Consiglio federale è composto di nove membri" e al quarto "Le diverse regioni e le componenti linguistiche del Paese sono equamente rappresentate".

All'epoca, in aula la maggioranza della commissione, argomentando a favore della modifica, faceva riferimento anche alla minoranza italofona, assente dal governo dal 1999, dopo la partenza del ticinese Flavio Cotti. Un dilemma risolto nel frattempo con l'elezione di Ignazio Cassis.

Durante la procedura di consultazione il progetto era stato notevolmente criticato: ben 30 prese di posizione su 45 erano sfociate in un parere negativo. Soltanto cinque cantoni (Giura, Friburgo, Lucerna, Ticino e Vaud) l'avevano accolto positivamente. Per quanto riguarda i partiti, tra i favorevoli figuravano socialisti e Verdi, assieme ai borghesi-democratici..

Si erano invece dichiarati scettici UDC, PPD, PLR e Verdi liberali, ponendo l'accento sui costi annui supplementari (per i due nuovi dipartimenti) stimati in 34-39 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved