DJOKOVIC N. (SRB)
0
DELLIEN H. (BOL)
0
1 set
(5-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:40
 
il-numero-di-dosi-e-ancora-insufficiente
Aumentano in Svizzera le persone disposte a farsi vaccinare contro il coronavirus (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
15 ore

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
16 ore

Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
16 ore

Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi

Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
17 ore

La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera

Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
18 ore

Marijuana in coltura di canapa legale: mille piante sequestrate

In una serra di Rothenturm (Sz): il 60enne responsabile dell'impianto ha ammesso che quanto coltivato contiene stupefacente
Svizzera
18 ore

Vaccinato con due dosi il 46,1% della popolazione svizzera

La media delle vaccinazioni è di 45'536 al giorno. Il ritmo è diminuito del 17% rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
18 ore

Quest'anno le pere e le mele si faranno attendere

La fioritura in Svizzera è avvenuta 17 giorni dopo rispetto al 2020, i frutti potranno essere raccolti con tre settimane di ritardo rispetto all'anno scorso
Svizzera
19 ore

In Svizzera calano (di poco) i contagi, 2 decessi

Il tasso di positività scende di oltre un punto percentuale. La situazione ospedaliera resta stabile a livelli bassi circa i letti occupati da pazienti Covid
Svizzera
20 ore

Due ex islamisti condannati dal Tribunale penale federale

Condanne a 30 mesi di reclusione, parzialmente sospesi, e 22 mesi sospesi per due residenti a Ginevra. Entrambi si sono distanziati dall'Islam radicale
Svizzera
21 ore

Raffreddare la città usando il fiume, Berna ci pensa

L'azienda comunale che si occupa dell'infrastruttura della capitale sta pensando di usare l'energia dell'Aare per impianti di raffreddamento ecologici
Svizzera
1 gior

La task-force: sistema 'a colori' per i Paesi a rischio

Gli esperti chiedono la quarantena per chi proviene da una zona 'viola', ovvero ad alta circolazione di varianti preoccupanti anche per i vaccinati
Svizzera
13.04.2021 - 15:330
Aggiornamento : 17:55

'Il numero di dosi è ancora insufficiente'

Campagna vaccinazioni: l'Ufficio federale della sanità pubblica ribadisce che per il momento la priorità rimane alle persone vulnerabili

Le dosi dei vari vaccini sono consegnate in numero sempre maggiore in Svizzera, ma per il momento la priorità rimane alle persone vulnerabili poiché non tutte sono ancora riuscite a ottenere l'inoculazione. È quanto ha detto oggi nell'ennesimo appuntamento con i media Virginie Masserey, responsabile della Sezione malattie infettive dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

"La vaccinazione sta procedendo, in particolare nei gruppi ad alto rischio. Circa il 70% delle persone oltre i 75 anni ha già ricevuto una prima dose", ha affermato Masserey, dicendosi tutto sommato soddisfatta della situazione, sebbene dopo oltre quattro mesi dall'inizio delle vaccinazioni la percentuale delle persone completamente vaccinate - ovvero coloro che hanno ricevuto le due dosi - si attesti attorno all'8%.

Non tutto sta procedendo in modo ottimale, ha invece spiegato Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali. "Il numero di dosi è ancora insufficiente e le capacità di vaccinazione devono essere adeguate", ha detto, aggiungendo che ci sono ancora persone che hanno diritto a essere vaccinate che non si sono ancora registrate.

La campagna di vaccinazione dovrebbe dunque concludersi in autunno, con tutte e due le dosi somministrate alle persone che lo vorranno. Masserey ha auspicato che entro l'estate tutti coloro che lo desiderano ottengano almeno una dose. "Ci vuole semplicemente tempo", ha ribadito Hauri, secondo cui le sfide principali risiedono nella logistica, nelle forniture e nella disponibilità di personale.

Lieve aumento dell'accettazione in Svizzera

In Svizzera sono leggermente in aumento le persone disposte a farsi vaccinare contro il coronavirus. È quanto emerge da un sondaggio effettuato da Sotomo.

In gennaio i favorevoli al vaccino erano il 41%, mentre questo tasso è ora passato al 44%, con il 9% degli intervistati che hanno già ricevuto almeno una dose. La quota degli scettici è rimasta stabile al 23%.

Differenze si riscontrano nelle fasce d'età, con gli over 64 che sono i più disposti a farsi vaccinare e gli under 35 decisamente più scettici in materia. Anche a livello geografico si riscontrano discrepanze: quasi il 20% dei romandi si oppone al vaccino, un dato superiore di circa 10 punti percentuali rispetto al resto della Svizzera. Più reticenti inoltre le donne rispetto agli uomini, anche perché più soggette a effetti collaterali.

L'inchiesta online è stata realizzata fra l'11 e il 17 marzo. Il questionario è stato sviluppato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e le risposte di 1692 persone sono state ponderate e analizzate.

Test "fai da te": falsa sicurezza

Prima del capitolo vaccinazioni, Masserey ha presentato dati e grafici su casi positivi, ospedalizzazioni e decessi. "Nelle ultime settimane non c'è stata un'esplosione dei casi e il numero dei contagi aumenta lentamente", ha affermato la funzionaria dell'UFSP.

Attualmente la variante britannica è quella dominante, mentre le altre sono abbastanza rare, ha spiegato Masserey, aggiungendo che resta sconsigliato viaggiare "per limitare il rischio di introdurre mutazioni del virus".

"Chiunque abbia un risultato positivo al test 'fai da te' dovrebbe assolutamente fare un test PCR per confermarlo", ha ricordato Masserey, invitando tutti a fare attenzione alla "falsa sicurezza" di un risultato negativo. Hauri, dal canto suo, ha aggiunto che l'autotest è solo uno strumento supplementare alle altre misure di protezione, poiché rileva circa il 30% dei casi positivi.

"La buona notizia è che la terza ondata non sta crescendo troppo ripidamente finora", ha poi aggiunto Hauri, secondo cui i casi sono ancora troppo elevati. Il pericolo di un aumento - ha sottolineato - non è ancora stato scongiurato.

La strategia di test adottata di recente permette di tenere meglio sotto controllo il virus e nel caso di test regolari evita anche l'imposizione di misure di quarantena. Le cifre fornite ora dall'UFSP devono tuttavia essere relativizzate: con l'introduzione di test in serie e di quelli "fai da te", i risultati negativi non vengono presi in conto e dunque non figurano nelle statistiche. Il valore guida del tasso di positività è diventato inadeguato e non serve più come linea guida per ulteriori misure", ha affermato il medico cantonale di Zugo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved