ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
2 ore

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
3 ore

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
4 ore

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e il personale sanitario
Svizzera
4 ore

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
5 ore

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
7 ore

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in Governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
15 ore

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
Svizzera
22 ore

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
23 ore

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
23 ore

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
23 ore

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
1 gior

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
12.04.2021 - 15:47

Legge Covid, con il No a rischio aiuti a imprese e lavoratori

Se la legge Covid-19 venisse bocciata il 13 giugno, sarebbero a rischio le misure di sostegno all'economia a cui la legge fornisce la base legale

Ats, a cura de laRegione
legge-covid-con-il-no-a-rischio-aiuti-a-imprese-e-lavoratori
(Keystone)

La legge COVID-19, in votazione il prossimo 13 giugno, permette di sostenere finanziariamente le persone e le imprese colpite dalla crisi. Se venisse bocciata gli aiuti della Confederazione, di cui hanno assoluto bisogno più di 100'000 imprese e oltre un milione di persone, sarebbero a rischio, sottolineano Consiglio federale e Cantoni lanciando la campagna a sostegno del testo.

La legge COVID-19, votata dal Parlamento federale il 25 settembre 2020, è il nostro strumento principale per attenuare le conseguenze sociali e economiche della pandemia, ha detto il presidente della Confederazione Guy Parmelin in conferenza stampa. Moltissime persone e aziende subiscono le ripercussioni negative del virus e delle misure restrittive. Ne siamo ben coscienti e per questo abbiamo adottato una serie di aiuti per un ammontare totale di 35 miliardi di franchi, ha aggiunto il ministro dell'economia.

La legge è la "chiave di volta" che ci permette di mantenere imprese e impieghi anche in questa situazione. Costituisce la base legale per il versamento delle indennità per lavoro ridotto, delle indennità di perdita di guadagno agli indipendenti e gli aiuti per i casi di rigore a ristoranti, alberghi, imprese che organizzano eventi, agenzie di viaggi e altri settori come la cultura, lo sport e i media, ha proseguito Parmelin.

Misure restrittive possibili anche con bocciatura

Le misure restrittive invece non figurano nella Legge Covid-19, ma in quella sulle epidemie, accettata in votazione nel 2013 con circa il 60% di consensi. Una bocciatura alla urne il 13 giugno quindi non impedirebbe al Consiglio federale di continuare a combattere la diffusione della pandemia con provvedimenti come la chiusura di negozi e ristoranti o il divieto di manifestazioni.

Un "no" porrebbe fine alle misure di sostegno dal 25 settembre e creerebbe un vuoto giuridico che richiederebbe mesi per esser colmato. La situazione attuale suscita rabbia a impazienza, ed è comprensibile, ma non è una ragione "per buttare il bambino con l'acqua sporca", ha concluso il presidente della Confederazione.

Alain Berset ha ricordato che all'inizio della crisi il Consiglio federale ha avuto la possibilità di agire rapidamente grazie alla Legge sulle epidemie. Il testo però non contempla una base legale per il sostegno finanziario ai settori e alle persone in difficoltà a causa della crisi. È la Legge Covid-19 che ha permesso di aiutare finanziariamente ristoranti, club sportivi, associazioni culturali, indipendenti e lavoratori ed ha quindi permesso di evitare fallimenti e la perdita di posti di lavoro, ha detto.

Test gratuiti e certificato vaccinale grazie alla Legge-Covid

Le legge in votazione il 13 giugno costituisce anche la base legale per garantire l'assistenza sanitaria durante la pandemia, ad esempio tramite acquisti di materiale medico o deroghe per l'omologazione di medicamenti per malati gravi. È grazie a questo testo che la Confederazione ha potuto assumere i costi dei test e potrà creare un certificato vaccinale coordinato a livello internazionale, essenziale per il ritorno alla normalità, ha precisato ancora il ministro della sanità. La vaccinazione invece non è contemplata nel testo. Un sì in votazione permette quindi di proseguire il sostegno all'economia e ai lavoratori, di avere test gratuiti e un certificato vaccinale, ma non influenza in nessun modo le misure e le chiusure, ha concluso Berset.

Cantoni in difficoltà in caso di "no"

Il consigliere di Stato grigionese Christian Rathgeb, presidente della Conferenza dei governi cantonali, ha sottolineato che la Legge Covid fissa pure una ripartizione chiara dei costi fra Confederazione e Cantoni. È illusorio pensare che i Cantoni possano in qualche modo compensare un'eventuale mancanza di aiuti federali, ha aggiunto sottolineando che le conseguenze negative della crisi si vedranno soprattutto quest'anno. "Ne abbiamo tutti abbastanza di questo virus, ma bocciando la legge colpiamo il bersaglio sbagliato", ha detto.

Il 13 giugno rappresenta un votazione cruciale sia per la Confederazione che per i Cantoni, ha aggiunto il vicepresidente della Conferenza dei governi cantonali, il neocastellano Alain Ribaux. Le misure di sostegno federali e cantonali si completano e il sistema funziona abbastanza bene. "Non ci guadagneremmo niente a ricominciare tutto da capo". Un no non farebbe che penalizzare persone già messe a dura prova dalla crisi, come i disoccupati, che perderebbero le indennità supplementari, o gli indipendenti che non potrebbero ricevere sostegni. Il rischio è che sempre più persone diventino precarie e che si assista ad un'esplosione dei beneficiari di assistenza sociale, ha aggiunto Ribaux.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved