legge-covid-con-il-no-a-rischio-aiuti-a-imprese-e-lavoratori
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 min

Ancora basso il tasso di vaccinazioni ai bambini sotto i 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6%
Svizzera
1 ora

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
Svizzera
2 ore

Aziende svizzere, la sostenibilità una questione di reputazione

Secondo uno studio dell’ufficio di consulenza Deloitte le imprese svizzere si preoccupano dell’ambiente soprattutto perché temono per la loro reputazione
Svizzera
18 ore

Aiuti ai media, delegati di Pvl e Centro contro i presidenti

Alle assemblee online maggioranze piuttosto risicate a favore del pacchetto in votazione il 13 febbraio
Svizzera
18 ore

Horizon Europe, nuovo appello al Consiglio federale

Dal mondo della ricerca e dell’economia una risoluzione urgente all’esecutivo. Le conseguenze dell’esclusione della Svizzera cominciano a farsi sentire
Svizzera
23 ore

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
23 ore

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
Svizzera
1 gior

Contanti meno usati: un bancomat su due è destinato a sparire

A dirlo è il presidente della direzione di SIX Group, la società finanziaria che gestisce la borsa di Zurigo e il traffico dei pagamenti in Svizzera
Svizzera
1 gior

Misure statali anti-Covid presto non più necessarie

Secondo l’epidemiologo ed ex membro della task force federale Marcel Tanner con l’arrivo dell’estate mascherine e test potrebbero diventare facoltativi
Svizzera
1 gior

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
1 gior

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
1 gior

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
1 gior

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
12.04.2021 - 15:470

Legge Covid, con il No a rischio aiuti a imprese e lavoratori

Se la legge Covid-19 venisse bocciata il 13 giugno, sarebbero a rischio le misure di sostegno all'economia a cui la legge fornisce la base legale

La legge COVID-19, in votazione il prossimo 13 giugno, permette di sostenere finanziariamente le persone e le imprese colpite dalla crisi. Se venisse bocciata gli aiuti della Confederazione, di cui hanno assoluto bisogno più di 100'000 imprese e oltre un milione di persone, sarebbero a rischio, sottolineano Consiglio federale e Cantoni lanciando la campagna a sostegno del testo.

La legge COVID-19, votata dal Parlamento federale il 25 settembre 2020, è il nostro strumento principale per attenuare le conseguenze sociali e economiche della pandemia, ha detto il presidente della Confederazione Guy Parmelin in conferenza stampa. Moltissime persone e aziende subiscono le ripercussioni negative del virus e delle misure restrittive. Ne siamo ben coscienti e per questo abbiamo adottato una serie di aiuti per un ammontare totale di 35 miliardi di franchi, ha aggiunto il ministro dell'economia.

La legge è la "chiave di volta" che ci permette di mantenere imprese e impieghi anche in questa situazione. Costituisce la base legale per il versamento delle indennità per lavoro ridotto, delle indennità di perdita di guadagno agli indipendenti e gli aiuti per i casi di rigore a ristoranti, alberghi, imprese che organizzano eventi, agenzie di viaggi e altri settori come la cultura, lo sport e i media, ha proseguito Parmelin.

Misure restrittive possibili anche con bocciatura

Le misure restrittive invece non figurano nella Legge Covid-19, ma in quella sulle epidemie, accettata in votazione nel 2013 con circa il 60% di consensi. Una bocciatura alla urne il 13 giugno quindi non impedirebbe al Consiglio federale di continuare a combattere la diffusione della pandemia con provvedimenti come la chiusura di negozi e ristoranti o il divieto di manifestazioni.

Un "no" porrebbe fine alle misure di sostegno dal 25 settembre e creerebbe un vuoto giuridico che richiederebbe mesi per esser colmato. La situazione attuale suscita rabbia a impazienza, ed è comprensibile, ma non è una ragione "per buttare il bambino con l'acqua sporca", ha concluso il presidente della Confederazione.

Alain Berset ha ricordato che all'inizio della crisi il Consiglio federale ha avuto la possibilità di agire rapidamente grazie alla Legge sulle epidemie. Il testo però non contempla una base legale per il sostegno finanziario ai settori e alle persone in difficoltà a causa della crisi. È la Legge Covid-19 che ha permesso di aiutare finanziariamente ristoranti, club sportivi, associazioni culturali, indipendenti e lavoratori ed ha quindi permesso di evitare fallimenti e la perdita di posti di lavoro, ha detto.

Test gratuiti e certificato vaccinale grazie alla Legge-Covid

Le legge in votazione il 13 giugno costituisce anche la base legale per garantire l'assistenza sanitaria durante la pandemia, ad esempio tramite acquisti di materiale medico o deroghe per l'omologazione di medicamenti per malati gravi. È grazie a questo testo che la Confederazione ha potuto assumere i costi dei test e potrà creare un certificato vaccinale coordinato a livello internazionale, essenziale per il ritorno alla normalità, ha precisato ancora il ministro della sanità. La vaccinazione invece non è contemplata nel testo. Un sì in votazione permette quindi di proseguire il sostegno all'economia e ai lavoratori, di avere test gratuiti e un certificato vaccinale, ma non influenza in nessun modo le misure e le chiusure, ha concluso Berset.

Cantoni in difficoltà in caso di "no"

Il consigliere di Stato grigionese Christian Rathgeb, presidente della Conferenza dei governi cantonali, ha sottolineato che la Legge Covid fissa pure una ripartizione chiara dei costi fra Confederazione e Cantoni. È illusorio pensare che i Cantoni possano in qualche modo compensare un'eventuale mancanza di aiuti federali, ha aggiunto sottolineando che le conseguenze negative della crisi si vedranno soprattutto quest'anno. "Ne abbiamo tutti abbastanza di questo virus, ma bocciando la legge colpiamo il bersaglio sbagliato", ha detto.

Il 13 giugno rappresenta un votazione cruciale sia per la Confederazione che per i Cantoni, ha aggiunto il vicepresidente della Conferenza dei governi cantonali, il neocastellano Alain Ribaux. Le misure di sostegno federali e cantonali si completano e il sistema funziona abbastanza bene. "Non ci guadagneremmo niente a ricominciare tutto da capo". Un no non farebbe che penalizzare persone già messe a dura prova dalla crisi, come i disoccupati, che perderebbero le indennità supplementari, o gli indipendenti che non potrebbero ricevere sostegni. Il rischio è che sempre più persone diventino precarie e che si assista ad un'esplosione dei beneficiari di assistenza sociale, ha aggiunto Ribaux.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved