ULTIME NOTIZIE Svizzera
cyberpornografia
31 min

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
45 min

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 ora

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
2 ore

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
3 ore

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
6 ore

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
6 ore

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
8 ore

Nel 2023 non ci dovrebbe essere recessione

A sostenere la crescita sono in particolare i consumi privati, mentre l’edilizia influisce negativamente sui risultati
Svizzera
8 ore

Per un caffè crème fra un po’ non basteranno 5 franchi

Sull’arco di dieci anni l’aumento è del 6,8% (+28 centesimi), con il prezzo medio che nel 2012 era di 4,11 franchi
Svizzera
9 ore

Ben 21 nuovi elicotteri di soccorso per la Rega

Fra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso rinnoverà la sua intera flotta
Svizzera
10 ore

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
16.03.2021 - 19:34

Strada spianata al ritiro dell’Iniziativa per prezzi equi

Eliminate le divergenze rimanenti sul controprogetto indiretto. I promotori della modifica costituzionale pronti a fare un passo indietro.

strada-spianata-al-ritiro-dell-iniziativa-per-prezzi-equi
Keystone
Non si passerà dalle urne

Berna – Il Parlamento vuole combattere i prezzi elevati in Svizzera, ma non con l'iniziativa popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)", piuttosto con un controprogetto indiretto. Oggi il Consiglio nazionale ha eliminato le ultime divergenze che restavano con gli Stati in questo ambito. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Il plenum si è allineato agli Stati e ha accettato con 141 voti a 45 di cancellare la "clausola di reimportazione". Introdotta dalla stessa Camera del popolo, aveva lo scopo di vietare alle società elvetiche di acquistare all'estero merci svizzere esportate a prezzi inferiori a quelli praticati nella Confederazione. Sarà comunque ancora possibile limitare la possibilità di procurarsi in un Paese straniero a prezzi vantaggiosi beni o servizi proposti in Svizzera e all'estero.

Geo-blocking, eccezioni nella legge

Le due Camere hanno trovato un accordo anche in merito al divieto di blocchi geografici per il commercio online, il cosiddetto geo-blocking. Con 143 voti a 38 e 8 astensioni, il Nazionale ha seguito la posizione degli Stati per quanto riguarda le eccezioni, che saranno ancorate nella legge, e non in un'ordinanza, come auspicato in un primo tempo.

La Camera dei cantoni voleva inizialmente scindere la questione del geo-blocking e regolarla separatamente, considerando poco convincente la formulazione attuale, ma ha poi deciso di integrarla nel controprogetto così da convincere i promotori dell'iniziativa a ritirarla.

Il ministro dell'economia Guy Parmelin ha avvertito che è impossibile garantire fino a che punto questo articolo avrà un effetto sugli acquirenti svizzeri. La disposizione si basa inoltre sul diritto europeo, che regola la questione con due regolamenti lunghi oltre 30 pagine, cosa impossibile da fare in breve, ha ammonito il consigliere federale.

Promotori soddisfatti

I promotori dell'iniziativa hanno accolto con favore le misure approvate dal Parlamento e ritengono che "le modifiche legislative adottate costituiscano un mezzo efficace per combattere i prezzi eccessivi in Svizzera". Il testo sarà ritirato se il controprogetto sarà adottato nelle votazioni finali di venerdì e se non sarà lanciato un referendum.

L'iniziativa popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)" chiede alla Confederazione di modificare la legge sui cartelli (LCart) per permettere alle aziende svizzere di acquistare all'estero senza passare attraverso importatori e fornitori. La non discriminazione dovrebbe valere anche per il commercio online.

I prezzi gonfiati in Svizzera non penalizzano soltanto i consumatori. Sono toccati anche il settore alberghiero, la ristorazione, l'agricoltura e l'industria. Stando a un recente studio, il sovraccosto per le imprese e i consumatori elvetici ammonterebbe ad oltre 15 miliardi di franchi annui.

Modifiche più incisive della legge sui cartelli

Il Parlamento ha però ritenuto che l'iniziativa si spingesse troppo oltre, e ha preferito opporle un controprogetto indiretto. La destra ha cercato di affossarlo, sostenendo che i prezzi elvetici sono elevati perché i salari sono più alti e i servizi e le risorse sono più costosi. Secondo la maggioranza del Parlamento non c'è però alcuna giustificazione per le grosse differenze di prezzo riscontrate nei prodotti fabbricati all'estero e ha ritenuto indispensabile intervenire.

La revisione della Legge sui cartelli suggerita dal governo come controprogetto amplia la definizione di posizione dominante. Il suo ambito d'applicazione è tuttavia limitato alle relazioni commerciali con l'estero. Ritenendo la proposta insufficiente, le Camere hanno apportato diverse modifiche. Oltre agli ostacoli alla concorrenza, anche le pratiche che svantaggiano i partner commerciali devono per esempio essere considerate violazioni. La misura interesserebbe fornitori e acquirenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved