strada-spianata-al-ritiro-dell-iniziativa-per-prezzi-equi
Keystone
Non si passerà dalle urne
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Le donazioni di organi tornano ai livelli pre-pandemia

Nel 2021 Swisstransplant ha registrato 166 donatori di organi, 20 in più rispetto all’anno precedente. Resta elevato il numero delle persone in attesa
Svizzera
3 ore

‘Imposta sulle Pmi’ o ‘regalo fiscale’ alle grandi aziende?

Governo e Parlamento vogliono abolire la tassa d’emissione sul capitale proprio, la sinistra non ne vuole sapere. Risposte alle principali domande
Svizzera
12 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
18 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
21 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
21 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
22 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
1 gior

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
1 gior

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
1 gior

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
16.03.2021 - 19:340

Strada spianata al ritiro dell’Iniziativa per prezzi equi

Eliminate le divergenze rimanenti sul controprogetto indiretto. I promotori della modifica costituzionale pronti a fare un passo indietro.

a cura de laRegione

Berna – Il Parlamento vuole combattere i prezzi elevati in Svizzera, ma non con l'iniziativa popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)", piuttosto con un controprogetto indiretto. Oggi il Consiglio nazionale ha eliminato le ultime divergenze che restavano con gli Stati in questo ambito. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Il plenum si è allineato agli Stati e ha accettato con 141 voti a 45 di cancellare la "clausola di reimportazione". Introdotta dalla stessa Camera del popolo, aveva lo scopo di vietare alle società elvetiche di acquistare all'estero merci svizzere esportate a prezzi inferiori a quelli praticati nella Confederazione. Sarà comunque ancora possibile limitare la possibilità di procurarsi in un Paese straniero a prezzi vantaggiosi beni o servizi proposti in Svizzera e all'estero.

Geo-blocking, eccezioni nella legge

Le due Camere hanno trovato un accordo anche in merito al divieto di blocchi geografici per il commercio online, il cosiddetto geo-blocking. Con 143 voti a 38 e 8 astensioni, il Nazionale ha seguito la posizione degli Stati per quanto riguarda le eccezioni, che saranno ancorate nella legge, e non in un'ordinanza, come auspicato in un primo tempo.

La Camera dei cantoni voleva inizialmente scindere la questione del geo-blocking e regolarla separatamente, considerando poco convincente la formulazione attuale, ma ha poi deciso di integrarla nel controprogetto così da convincere i promotori dell'iniziativa a ritirarla.

Il ministro dell'economia Guy Parmelin ha avvertito che è impossibile garantire fino a che punto questo articolo avrà un effetto sugli acquirenti svizzeri. La disposizione si basa inoltre sul diritto europeo, che regola la questione con due regolamenti lunghi oltre 30 pagine, cosa impossibile da fare in breve, ha ammonito il consigliere federale.

Promotori soddisfatti

I promotori dell'iniziativa hanno accolto con favore le misure approvate dal Parlamento e ritengono che "le modifiche legislative adottate costituiscano un mezzo efficace per combattere i prezzi eccessivi in Svizzera". Il testo sarà ritirato se il controprogetto sarà adottato nelle votazioni finali di venerdì e se non sarà lanciato un referendum.

L'iniziativa popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)" chiede alla Confederazione di modificare la legge sui cartelli (LCart) per permettere alle aziende svizzere di acquistare all'estero senza passare attraverso importatori e fornitori. La non discriminazione dovrebbe valere anche per il commercio online.

I prezzi gonfiati in Svizzera non penalizzano soltanto i consumatori. Sono toccati anche il settore alberghiero, la ristorazione, l'agricoltura e l'industria. Stando a un recente studio, il sovraccosto per le imprese e i consumatori elvetici ammonterebbe ad oltre 15 miliardi di franchi annui.

Modifiche più incisive della legge sui cartelli

Il Parlamento ha però ritenuto che l'iniziativa si spingesse troppo oltre, e ha preferito opporle un controprogetto indiretto. La destra ha cercato di affossarlo, sostenendo che i prezzi elvetici sono elevati perché i salari sono più alti e i servizi e le risorse sono più costosi. Secondo la maggioranza del Parlamento non c'è però alcuna giustificazione per le grosse differenze di prezzo riscontrate nei prodotti fabbricati all'estero e ha ritenuto indispensabile intervenire.

La revisione della Legge sui cartelli suggerita dal governo come controprogetto amplia la definizione di posizione dominante. Il suo ambito d'applicazione è tuttavia limitato alle relazioni commerciali con l'estero. Ritenendo la proposta insufficiente, le Camere hanno apportato diverse modifiche. Oltre agli ostacoli alla concorrenza, anche le pratiche che svantaggiano i partner commerciali devono per esempio essere considerate violazioni. La misura interesserebbe fornitori e acquirenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved