rifugiati-il-nazionale-boccia-giro-di-vite-chiesto-dall-udc
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
49 min

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 ora

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
2 ore

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
3 ore

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
3 ore

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
4 ore

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
9 ore

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
23 ore

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
1 gior

Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs

Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
1 gior

Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri

Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
1 gior

Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza

L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
15.03.2021 - 17:27

Rifugiati, il Nazionale boccia giro di vite chiesto dall'Udc

Respinta la mozione che chiedeva di non accogliere rifugiati da regioni a rischio terrorismo e di rinchiudere i richiedenti asilo di identità non accertata

Ats, a cura de laRegione

La Svizzera deve continuare ad accogliere rifugiati provenienti da regioni a rischio terrorismo, e non deve alloggiarli in centri chiusi. Il Consiglio nazionale ha bocciato oggi - con 139 voti a 53 - due mozioni dell'UDC che chiedevano un giro di vite nel settore dell'asilo invocando ragioni di sicurezza.

Il dibattito, che non ha riservato sorprese, si è tenuto nel quadro di una sessione straordinaria sul tema della migrazione e dell'asilo. Le due proposte democentriste, di tenore analogo, volevano in un caso scongiurare l'arrivo in Svizzera di persone potenzialmente pericolose provenienti da regioni con forte presenza di gruppi terroristici e, nell'altro, alloggiare in centri chiusi o controllare in maniera permanente coloro la cui identità non è accertata, nell'attesa di un chiarimento completo.

Nel 2020 e il 2021 il Consiglio federale ha deciso di accogliere fino a 1600 rifugiati bisognosi di protezione, ha ricordato Michaël Buffat (UDC/VD), facendo notare che almeno l'80% di questo contingente è destinato a persone provenienti dalle regioni di crisi del Medio Oriente. "Non possiamo correre il rischio di fare entrare richiedenti pericolosi per la nostra sicurezza, che poi non possiamo allontanare."

"La domanda non è se ma quando la Svizzera sarà colpita da attacchi", gli ha fatto eco la collega di partito Martina Bircher (AG) , elencando una serie di recenti attacchi avvenuti in Europa e Svizzera - Parigi, Berlino, Morges - e pure quelli scongiurati di Basilea, dove un giovane voleva fare esplodere dei serbatoi di carburante, e di Winterthur, dove un Imam aveva proferito minacce nei confronti dei fedeli di altre religioni.

Non si sono fatte attendere le repliche dal resto dell'emiciclo. La socialista Ada Marra (VD) ha snocciolato una serie di cifre, concludendo che in otto anni sono 6342 le persone in fuga dalla guerra in Siria accolte in Svizzera. Le mozioni vogliono porre fine a questa "accoglienza lillipuziana", ha aggiunto, invocando la tradizione umanitaria elvetica e parlando di proposte disumane. La maggior parte degli attacchi sono commessi da persone che vivono qui, ha ricordato.

Sulla stessa lunghezza d'onda Marco Romano (Centro/TI), che ha bollato i due interventi UDC come "non necessari e fuori luogo", e sottolineato che non sono certo queste mozioni a poter risolvere il problema del terrorismo. Serve, ha aggiunto, "rigore e controlli", facendo notare come gli attacchi di Morges e Lugano non riguardino richiedenti. Chi non comunica la propria identità non ha diritto, per legge, all'asilo, ha poi ricordato.

Per Aline Trede (Verdi/BE) si è trattato di "un dibattito sui valori che distinguono la Svizzera e contraddistinguono la nostra società, valori che sono a rischio perché da parecchio tempo nel mirino dell'UDC". La sicurezza è un criterio fondamentale, ha da parte sua aggiunto Damien Cottier (PLR/NE), ma il sistema di screening permette un livello di controllo elevato. "Escludere tutte le persone che provengono dalle zone a rischio sarebbe una grande ipocrisia, perché i rifugiati non provengono dalla Svezia o dal Canada".

La ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter ha rammentando che il programma di reinsediamento deve aiutare chi scappa dalla guerra e riguarda persone definite rifugiati dall'UNHCR. Alla Svizzera viene proposta l'accoglienza di persone analizzate sotto vari aspetti, ha aggiunto, elencando controlli di identità, interrogatori, impronte digitali e verifica dei documenti.

"Se l'identità non è certa non vengono accolti", ha sottolineato, facendo notare ai ranghi dell'UDC come si tratti di persone vulnerabili, donne, bambini, anziani, malati. "Naturalmente sappiamo che ci sono anche gruppi radicalizzati, ma è proprio da loro che scappano queste persone." Per quanto riguarda la seconda mozione, Keller-Sutter ha semplicemente precisato che rinchiudere richiedenti non è conforme alla Costituzione federale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
richiedente asilo rifugiati svizzera udc
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved