ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
5 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
6 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
19 ore

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
20 ore

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
21 ore

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
22 ore

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
22 ore

Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo

L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
12.04.2021 - 21:45

‘Sì’ dei delegati Plr alla legge anti-terrorismo

Ne abbiamo disperatamente bisogno, secondo la consigliera federale Karin Keller-Sutter. Petra Gössi replica a Chiesa: attacchi populisti e irrispettosi.

si-dei-delegati-plr-alla-legge-anti-terrorismo
Keystone
Difesa a spada tratta

Berna – I delegati del Plr, in assemblea straordinaria online, hanno deciso questa sera - con 197 voti a favore, 52 contrari e 5 astensioni - di sostenere la Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (Mpt) sulla quale il popolo dovrà votare il 13 giugno.

La consigliera federale Plr Karin Keller-Sutter nel suo intervento davanti ai delegati ha difeso il progetto di legge, sottolineando che l'obiettivo della legge Mpt è quello di colmare una lacuna nella lotta al terrorismo.

Anello mancante

"Abbiamo disperatamente bisogno di questo anello mancante nella catena della sicurezza. Abbiamo bisogno della legge Mpt per prevenire gli attacchi. I terroristi minacciano i nostri valori occidentali e gli ideali liberali, perché non li condividono. Sta a noi orientare chiaramente la nostra bussola liberale e difendere i nostri valori fondamentali".

"Dagli attentati di Parigi nel 2015 gli attacchi terroristici, principalmente islamisti, si sono moltiplicati in Europa". E la Svizzera non è un'isola, ha dichiarato la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp).

"Il rischio zero non esiste, ne sono cosciente. Ma ridurre questi rischi deve essere la nostra priorità", ha detto Keller-Sutter. Un'azione tempestiva è essenziale per garantire la nostra sicurezza e quindi la nostra libertà.

Questa legge prevede l'inasprimento delle misure preventive di polizia. Il nuovo arsenale si rivolge a individui che rappresentano una minaccia ma non possono essere oggetto di un procedimento penale. In particolare, sarà possibile obbligare qualcuno a presentarsi in una stazione di polizia in determinati orari, proibirgli di lasciare la Svizzera, assegnargli un luogo di soggiorno e vietargli di accedere a un dato territorio.

‘Attacchi populisti e irrispettosi’

Dopo che nel fine settimana il presidente dell'Udc Marco Chiesa ha minacciato di non sostenere la rielezione dei consiglieri federali del Plr se non avessero votato per rapide riaperture, la presidente del Plr Petra Gössi ha criticato questi “attacchi populisti e irrispettosi”. “Se l'Udc vuole perseguire una politica di pura opposizione, dovrebbe essere coerente e lasciare il Consiglio federale", ha detto la consigliera nazionale svittese durante l’assemblea straordinaria online dei delegati del suo partito.

Chiesa ha definito i consiglieri federali del Plr "disorientati" in un discorso video durante il fine settimana e ha detto che è colpa loro se non ci sono state misure di alleggerimento più rapide. "Questo dimostra l'ignoranza di Chiesa e del suo partito su come funziona il Consiglio federale, anche se hanno due rappresentanti", ha affermato Gössi. Un Consiglio federale non è una centrale di partito, ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved