ai-valichi-il-boom-del-commercio-online-e-delle-contraffazioni
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
27 min

Il 2 febbraio suoneranno le sirene per la prova annuale

Alle 13.30 verranno attivate le sirene per l’allarme generale, dalle 14.15 fino alle 15.00 sarà il turno delle sirene a valle di sbarramenti idrici
Svizzera
1 ora

Ancora basso il tasso di vaccinazioni ai bambini sotto i 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6%
Svizzera
2 ore

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
Svizzera
3 ore

Aziende svizzere, la sostenibilità una questione di reputazione

Secondo uno studio dell’ufficio di consulenza Deloitte le imprese svizzere si preoccupano dell’ambiente soprattutto perché temono per la loro reputazione
Svizzera
19 ore

Aiuti ai media, delegati di Pvl e Centro contro i presidenti

Alle assemblee online maggioranze piuttosto risicate a favore del pacchetto in votazione il 13 febbraio
Svizzera
20 ore

Horizon Europe, nuovo appello al Consiglio federale

Dal mondo della ricerca e dell’economia una risoluzione urgente all’esecutivo. Le conseguenze dell’esclusione della Svizzera cominciano a farsi sentire
Svizzera
1 gior

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
1 gior

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
Svizzera
1 gior

Contanti meno usati: un bancomat su due è destinato a sparire

A dirlo è il presidente della direzione di SIX Group, la società finanziaria che gestisce la borsa di Zurigo e il traffico dei pagamenti in Svizzera
04.03.2021 - 11:560
Aggiornamento : 18:11

Ai valichi il boom del commercio online (e delle contraffazioni)

Bilancio delle dogane: nel 2020 aumento significativo dei sequestri di contraffazioni di marchi, diminuiti i documenti falsificati

L'epidemia di coronavirus ha inevitabilmente fatto del 2020, caratterizzato da chiusure di valichi e controlli sistematici, un anno fuori dall'ordinario per l'Amministrazione federale delle dogane (Afd). Il boom del commercio online ha portato a un aumento significativo dei sequestri di contraffazioni di marchi, mentre sono diminuiti i documenti falsificati.

Le cifre annuali dell'AFD sono state fortemente influenzate dal Covid-19, indica una nota odierna. Nel 2020, per la prima volta dall'introduzione di Schengen, la Svizzera ha svolto controlli sistematici alle frontiere, imposto restrizioni d'entrata e chiuso temporaneamente piccoli valichi di confine, viene ricordato.

Esplosione marchi contraffatti

Uno dei dati che spicca è il netto incremento dei sequestri di contraffazioni di marchi nel traffico delle merci commerciali. Con 4433 casi, si tratta di una crescita di oltre il 50% rispetto al 2019 (2906). I beni confiscati sono principalmente orologi, gioielli, occhiali, borse e portamonete.

Due i motivi di tale fenomeno: la maggior attrattiva del commercio su Internet, da ricondurre alla chiusura dei negozi e al divieto del turismo degli acquisti, e l'intensificazione delle attività di controllo nel traffico postale. Shopping sul web e ordinazioni più piccole e frequenti da parte delle aziende hanno provocato un aumento anche delle dichiarazioni doganali, passate da 40 a 50 milioni.

Più droga, meno passaporti falsi

Nell'ambito degli stupefacenti si sono gonfiate le quantità scoperte di eroina (da 20 a 55 chili) e cocaina (da 124 a 162 chili). In aprile in particolare, in occasione di un'ispezione presso Thayngen (SH), i collaboratori dell'AFD si sono imbattuti in 30 kg di polvere bianca nascosti nel vano di carico di un autocarro. Nel settore del contrabbando e della criminalità non si sono invece osservati grandi cambiamenti.

Le straordinarie restrizioni d'entrata hanno probabilmente causato il calo dei documenti contraffatti. Il numero di passaporti falsi ritirati si è più che dimezzato, scendendo da 292 a 142. Giù pure gli invii di medicamenti e prodotti dopanti intercettati (da 9012 a 7486).

Calo delle entrate

Nel 2020 il totale delle entrate dell'AFD è diminuito rispetto all'anno precedente, passando da 23 miliardi a 21,8 miliardi. Ciò è dovuto principalmente alla riduzione dei guadagni legati all'imposta sul valore aggiunto (che con circa 10 miliardi di franchi rappresenta la fonte numero uno), causata dalle minori importazioni di merci.

L'AFD rievoca inoltre come l'anno scorso, dopo la proclamazione della "situazione straordinaria" da parte del Consiglio federale il 16 marzo, siano stati sbarrati 130 valichi, così da canalizzare il traffico verso quelli più grandi. Sono poi state create corsie prioritarie ("green lanes") per le persone attive nel settore sanitario o con professioni di simile importanza.

L'esercito ha fornito sostegno con 50 poliziotti militari e 1800 militari di milizia e al confine sono stati impiegati anche agenti di polizia in vari Cantoni. In alcuni momenti, il traffico transfrontaliero delle persone ha subito un crollo arrivato fino all'80%.

© Regiopress, All rights reserved