ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
7 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
8 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
9 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
22 ore

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
23 ore

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior

Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo

L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
1 gior

Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi

A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
24.02.2021 - 07:35
Aggiornamento: 20:50

Iniziativa ‘anti–burqa’: il Ticino propende per il sì

I sondaggi mostrano che il popolo è incline ad accettare l'accordo di libero scambio con l'Indonesia, ma non la legge sull'identificazione elettronica

Ats, a cura de laRegione
iniziativa-anti-burqa-il-ticino-propende-per-il-si
Keystone

Con l'appuntamento alle urne del 7 marzo sempre più vicino, il campo del sì continua a fare corsa in testa per quanto riguarda l'iniziativa che vieta di dissimulare il proprio viso. È quanto emerge dagli ultimi sondaggi di Ssr e Tamedia, concordi inoltre nell'affermare che il popolo propende per accettare l'accordo di libero scambio con l'Indonesia, ma non la legge sui servizi d'identificazione elettronica.

L'indagine di gsf.bern su incarico della Ssr

Riguardo alla cosiddetta iniziativa anti-burqa, le intenzioni di voto variano a seconda della regione linguistica presa in considerazione. In Romandia, la quota di favorevoli si è notevolmente erosa, scendendo dal 63% del primo sondaggio al 46% attuale. I più decisi per il sì restano i ticinesi (62%), mentre in Svizzera tedesca si flirta con la parità: il 50% è per approvare il testo, il 49% per bocciarlo.

Il sì è in vantaggio anche per quel che concerne l'accordo di partenariato economico con l'Indonesia. Il 52% di chi intende votare pensa di accettare l'intesa, mentre il 41% dell'elettorato simpatizza per il no. Il 7% si dice ancora indeciso. Le critiche maggiori sono sollevate dai romandi. Svizzero tedeschi in primis e ticinesi poi sono invece per il sì.

Si smarca dalle altre la previsione riguardante il terzo oggetto in votazione, ovvero la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica (Legge sull'Ie). In questo caso, è in effetti il no (54%) a essere avanti, con i sostenitori del progetto che rincorrono (42%). Il 4% non ha ancora scelto da quale parte schierarsi.

L'istituto gsf.bern ha condotto la propria ricerca fra il 10 e il 18 febbraio, coinvolgendo 12'166 aventi diritto di voto. Il margine di errore si stabilisce a +/- 2,8 punti percentuali.

Tamedia: meno equilibrio su burqa

Oggi anche Tamedia ha presentato il suo sondaggio sul 7 marzo, il terzo. Pure in questo caso i pronostici prospettano due sì e un no, ma con scarti diversi rispetto a quelli constatati da gfs.bern. Ad esempio, l'iniziativa popolare che punta a introdurre il divieto di coprirsi il volto verrebbe accettata con molto più agio. A sostenerla sarebbe il 59% dei partecipanti, a respingerla il 40%. Il divario si sta comunque rimpicciolendo.

Quella che si profila è una divisione sinistra-destra, ma anche fra i simpatizzanti dei partiti di sinistra più di un terzo svela di essere favorevole al testo. Gradimento giunge in particolar modo dal Ticino (68%) e dalla popolazione più in là con gli anni.

Secondo Tamedia, si sta diradando la nebbia attorno al voto sull'accordo di libero scambio con Giacarta, a lungo in bilico. Ora in testa appare il campo del sì, che stacca gli scettici di dieci punti percentuali (52% a 42%).

Netta la differenza fra sessi: il 61% degli uomini è a favore, tasso che cala al 44% fra le donne. L'intesa raccoglie consensi soprattutto fra chi vota PLR, Alleanza del centro, Verdi Liberali e UDC. In questo caso i più convinti sono i germanofoni (58%), davanti a ticinesi (50%) e francofoni (41%).

Infine, guadagna un punticino percentuale - salendo al 56% - il no alla legge sull'identificazione elettronica, mentre la quota di chi sembra incline a scrivere sì sulla scheda è al 42%. Per una volta si trovano generalmente concordi gli elettori di UDC (39% di sì), PS (29%) e Verdi (27%), tutti contrari. Discorso opposto per i sostenitori di PLR (60%) e Alleanza del centro (57%).

Il sondaggio confezionato da Tamedia è stato realizzato interpellando 13'924 persone il 18 e il 19 febbraio. Il margine di errore massimo è di 1,3 punti percentuali, indicano gli autori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved