sondaggi-si-all-iniziativa-anti-burqa-soprattutto-in-ticino
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
32 min

Più donne nei politecnici federali: c’è una strategia

In futuro 13 milioni di franchi all'anno verranno destinati alla promozione dell'uguaglianza di genere
Svizzera
1 ora

La svolta energetica in Svizzera parla al femminile

A dieci anni dal disastro nucleare di Fukushima l'ex ministra elvetica Doris Leuthard ricorda come aveva reagito il governo
Svizzera
16 ore

Un ristorante su cinque ha già abbassato le serrande (per sempre)

Il dato emerge da un sondaggio di Gastrosuisse, secondo cui solo un esercizio su tre potrà sopravvivere alla crisi senza una compensazione finanziaria
Svizzera
18 ore

I farmaci importati illegalmente diminuiscono

E si tratta sempre, prevalentemente, di stimolanti per l'erezione. Per quanto riguarda i Paesi d'origine, Singapore scavalca l'India, una novità.
Svizzera
18 ore

Terre des hommes, le arance dalle bancarelle al web

Con il coronavirus che serpeggia fra la popolazione, la tradizionale vendita è impedita nella forma abituale
Svizzera
20 ore

Antenna 5G in fiamme nel canton Berna

L’impianto appartiene alla Swisscom, che ha sporto denuncia. La polizia sospetta il dolo.
Svizzera
21 ore

In Svizzera 1'223 casi e nove decessi nelle ultime 24 ore

Il tasso di riproduzione si attesta a 1.07, al di sopra del livello fissato dal Consiglio federale come criterio per le prossime riaperture
Svizzera
21 ore

Nessun veto del parlamento su decisioni del Consiglio federale

Il Consiglio degli Stati ha bocciato l'iniziativa di Thomas Minder. Accolta invece la proposta di 'liberare' dalla quarantena le persone vaccinate
Svizzera
22.01.2021 - 08:300
Aggiornamento : 16:32

Sondaggi, sì all'iniziativa 'anti-burqa'. Soprattutto in Ticino

Votazioni del 7 marzo, la prima rilevazione di Tamedia vede invece un risultato aperto su identità elettronica e accordo di libero scambio con l'Indonesia

Secondo il primo sondaggio pubblicato da Tamedia sulla consultazione del prossimo 7 marzo, l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso" verrebbe accolta, mentre il risultato sembra aperto sulla cosiddetta identità elettronica e l'accordo di libero scambio con l'Indonesia.

In base al rilevamento di 20 Minuten/Tamedia - effettuato su 15'089 persone in tutta la Svizzera il 18 e 19 gennaio - l'iniziativa "anti-burqa" riscuote un 63% di favori e un 35% di bocciature. Solo il 2% è indeciso.

In Ticino favorevoli al 71%

Un'analisi per regione mostra un forte sostegno all'iniziativa in Ticino, dove il 71% degli intervistati è a favore, contro il 66% delle regioni francofone e il 60% della Svizzera tedesca.

Per i sostenitori, l'argomento più convincente è che il burqa è un'espressione dell'Islam radicale, che non ha posto nella cultura occidentale. Per gli oppositori, le donne che indossano il burqa sono casi isolati e lo Stato non dovrebbe interferire nei codici di abbigliamento privati.

I contrari si riscontrano fra gli elettori di sinistra, mentre quelli dell'Udc, del Centro (ex-Ppd) e del Partito liberale-radicale sono a favore, o piuttosto a favore.

A favore soprattutto elettori Udc e Plr

Gli elettori dell'Udc sono i più forti sostenitori del testo, con il 93% di "sì". Seguono quelli del Plr (72%) e del Centro (63%). I votanti del Partito socialista respingono il testo con il 64%, quelli dei Verdi con il 59%. Il campo del "no" raggiunge a malapena il 50% tra gli elettori Verdi-liberali.

Incertezza sull'identità elettronica

Il futuro della legge sull'identificazione elettronica sembra molto più incerto. Secondo questo primo sondaggio di Tamedia, il 45% degli intervistati è a favore della legge, il 47% è contro e l'8% dice di non aver ancora deciso.

I sostenitori della legge credono che l'E-ID permetta una procedura di identificazione sicura per tutti, facilitando l'identificazione su Internet. Gli oppositori sono del parere che la concessione di una carta d'identità digitale dovrebbe rimanere nelle mani dello Stato.

La legge è sostenuta dagli elettori del Centro, del Plr e dei Verdi-liberali. Coloro che hanno indicato di votare "no" sono in maggioranza nei ranghi di Udc, Ps a Verdi.

Indecisione anche sull'accordo con l'Indonesia

Gli Svizzeri sono molto indecisi anche sull'accordo di libero scambio con l'Indonesia. I favorevoli raggiungono il 41% degli intervistati a fronte del 39% dei contrari. Ma ben il 20% si è detto indeciso.

Secondo il sondaggio, ci sono chiare maggioranze tra gli elettori del Centro e del Plr, con più del 50% a favore dell'accordo, mentre nell'Udc il 45% è a favore e il 37% contro. Sul fronte politico opposto, il 53% degli elettori Verdi propende per il no. Nel Ps, la tendenza è anche verso il "no", con un 46%, ma il 31% si dice favorevole. In sostanza, molti elettori indecisi potrebbero ribaltare queste cifre entro il 7 marzo.

© Regiopress, All rights reserved